19°

30°

Provincia-Emilia

Dimissioni di Delbono, le reazioni politiche

Ricevi gratis le news
0

Le reazioni politiche all'annuncio di dimissioni da parte del sindaco di Bologna Flavio Delbono, al centro di un'inchiesta della magistratura.

PRODI: "UN GESTO DI SENSIBILITA' VERSO BOLOGNA". L'ex presidente del Consiglio Romano Prodi commenta: «Le dimissioni di Flavio Delbono sono un gesto di grande sensibilità nei confronti di Bologna. Esse dimostrano un senso di responsabilità verso la comunità - osserva ancora Prodi che fu tra gli sponsor di Delbono al momento della scelta del candidato - che va al di là dei propri obblighi e delle proprie convenienze. Delbono ha confermato, a differenza di altri, di saper mettere al primo posto il bene comune e non le sue ragioni personali. Ora sarà più libero e forte nel dimostrare la propria estraneità ai fatti che gli sono contestati e potrà essere anche in futuro una risorsa per la politica italiana».

DI PIETRO: «LA SITUAZIONE ERA AMBIGUA. ORA PRIMARIE APERTE A TUTTI». «L'Idv non poteva e non può sopportare più ambiguità, c'è necessità nel nostro Paese di uno scatto etico e di responsabilità: al di là delle responsabilità penali ci sono responsabilità politiche che vanno affrontate di petto». Il leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro ha commentato così l’annuncio delle dimissioni di Delbono. «Il sindaco deve dimettersi - ha aggiunto Di Pietro, durante una conferenza stampa appositamente convocata -. A Bologna serviva un gesto di responsabilità politica ed è positivo che Delbono, spontaneamente o spintaneamente, si sia deciso a fare. Gli chiediamo di farlo al più presto». Di Pietro ha difeso il presidente della Regione Vasco Errani (di cui Delbono era vice): secondo l'ex magistrato, Errani è «una vittima, non un complice».
Per scegliere il successore di Delbono, secondo il leader dell’Idv c'è bisogno adesso di «belle primarie, aperte a tutti, stavolta dobbiamo lasciare che sia la città a scegliere».

PARISI LAPIDARIO: «NE PRENDO ATTO CON DISAGIO». «Poco dissi in occasione della sua candidatura, nulla ho da dire sulle sue inattese dimissioni. Ne posso solo prendere atto con rispetto e allo stesso tempo con disagio», dice Arturo Parisi, bolognese d'adozione e tra i fondatori dell'Ulivo, negli anni Novanta.

BERSELLI (PDL): «UN VASO DI PANDORA. FORSE C'E' QUALCOS'ALTRO».  Filippo Berselli, coordinatore regionale del Pdl e presidente della Commissione giustizia al Senato, sottolinea che «si sta scoperchiando il vaso di Pandora». Secondo Berselli, «le dimissioni mi sembrano affrettate: significa che sotto c'è altro». Il gesto di Delbono per l’esponente Pdl «è una mascalzonata perché saremo costretti a un commissariamento di un anno e mezzo, una cosa che i bolognesi non si meritano». Sull'inchiesta che vede indagato Delbono, a giudizio di Berselli «ogni giorno emergono fatti nuovi e inquietanti», in quella che ha definito «un’escalation».
Il senatore ha voluto spendere una parola anche per Alfredo Cazzola, sfidante di Delbono all’ultimo ballottaggio e suo primo accusatore: «È stato dipinto come un visionario, ma ha detto molto meno di quello che sta emergendo». Una convinzione che a Berselli ha fatto dire che «se la procura avesse dimostrato prima buona volontà, il risultato elettorale sarebbe stato diverso».

IL POLITOLOGO PASQUINO: «DIMISSIONI TARDIVE». Il politologo Gianfranco Pasquino, ex senatore indipendente dei Ds, fu escluso dalle primarie del Pd di Bologna e poi partecipò alla competizione elettorale con una lista propria come candidato sindaco. Anche Pasquino commenta la decisione di Flavio Delbono: «Sono dimissioni tardive, di un candidato scelto male e che aveva già dimostrato di non essere un buon amministratore e nemmeno adeguato sul piano della rappresentanza». Secondo Pasquino, Flavio Delbono «ha dimostrato anche di non sapere fare i conti con i suoi bancomat. Questa è una storiaccia. Speriamo che per il 50% dei bolognesi che hanno votato per Delbono sia uno choc salutare - ha concluso il politologo - e la prossima volta non votino in modo supino il candidato del Pd».

NICOLETTA MANTOVANI: "CREDEVO NEL SUO PROGETTO". «Sono molto dispiaciuta che il mandato al sindaco Delbono si concluda prematuramente, credevo fortemente nella validità del suo progetto di innovazione per la città di Bologna». È questo il commento dell’assessore alla Cultura Nicoletta Mantovani, che tuttavia ritiene «che la scelta del sindaco di presentare le proprie dimissioni sia stata dettata dalla coerenza e dal desiderio che le sue vicende personali non distolgano dalle priorità e dai problemi della città: lo apprezzo per questa sua scelta coraggiosa e non posso che esprimergli vicinanza e solidarietà».
«I mesi in cui ho avuto la possibilità di svolgere il mio incarico di assessore - aggiunge la vedova di Luciano Pavarotti - sono stati impegnativi, ho imparato molto da questa esperienza e spero di avere, in eguale misura, lasciato qualcosa alla mia città. Mi spiace che i vari progetti che erano in cantiere, nati dall’ascolto di molti e differenti interlocutori cittadini, non possano essere posti in essere. Auspico che ciò che di buono in questi pochi mesi siamo riusciti a seminare possa essere raccolto dalla prossima amministrazione, sempre guardando al bene della nostra città, prima di tutto».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

GOLF: Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Videointervista

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"