13°

26°

Provincia-Emilia

Contro i danni dei lupi arrivano gli indennizzi della Provincia

Contro i danni dei lupi arrivano gli indennizzi della Provincia
Ricevi gratis le news
2

Comunicato stampa

Dove sono? E quanti sono? Da quando il lupo ha ricominciato ad abitare i siti a lui congeniali, come tutta la catena appenninica compresa quella del Parmense, sono queste le domande più ricorrenti. Ma quando lo si conosce un po’ di più si capisce che sono domande a cui non è facile rispondere. Perché il lupo è elusivo, vive in branchi di 3-5 esemplari, si sposta spesso e predilige le zone di crinale. Ad oggi in Italia si stimano circa 800 esemplari. Sono i segni sul territorio a rilevarne la presenza. Come i resti delle “sue” prede, perché il lupo è appunto un predatore. Dopo secoli di persecuzioni e conseguente  rischio d’estinzione (100 gli esemplari stimati in Italia negli anni ’70), il lupo è tornato con l’aumento degli ungulati selvatici (caprioli e cinghiali).
Ma la sua presenza, che è indice del buono stato di conservazione degli ecosistemi, causa anche apprensione per l’impatto che può avere sugli animali domestici allevati allo stato brado.
La Provincia di Parma si occupa del lupo da qualche anno, cioè da quando la sua presenza è diventata permanente nell’Appennino parmense. Questa mattina l’assessore ai Parchi Gabriella Meo ha presentato la serie di azioni costruite per gestire il fenomeno.
“Vorrei sfatare una leggenda metropolitana: nessuno libera i lupi, il fenomeno di ripopolamento è assolutamente naturale. Aumentano le prede e il predatore intensifica la sua presenza - ha spiegato Meo -. Il lupo non rappresenta un pericolo per la popolazione ma bisogna prendere atto che il rapporto con gli agricoltori  e la zootecnia di montagna va regolato in modo diverso Per questo abbiamo fatto un importante investimento che prevede il rimborso completo e rapido dei danni qualora ci fossero attacchi a bestiame sia da parte di lupi che di cani rinselvatichiti, In più c’è un contributo per lo smaltimento della carcassa. Poi siamo impegnati con un progetto che prevede recinti antilupo sia fissi che mobili e monitoraggio su tutta la specie per conoscere nel dettaglio la sua presenza”.

Contributi quando ci sono danni
La Provincia ha di recente adottato e aggiornato le misure finalizzate a “mitigare” l’eventuale azione predatoria a cominciare dai tempi relativi ai contributi per danni ad animali. Al fine di attuare modalità celeri di indennizzo, la provincia di Parma ha costituito un apposito fondo affinché agli allevatori danneggiati possano essere erogati entro 60 giorni.
I contributi possono essere richiesti dagli imprenditori agricoli che esercitano attività di allevamento di animali. Sono indennizzabili i seguenti capi: bovini, ovini e caprini, cervidi, suini ed equini. Quando accade, occorre avvertire il veterinario  del Distretto sanitario di appartenenza (e non il veterinario privato) per certificare il fatto che  l’attacco subito è frutto di cani inselvatichiti o predatori. L’intervento è gratuito.
Il modulo richiesta danni e scaricabile dalla sezione “Aree Protette” del portale www.ambiente.parma.it  - “Indennizzi agli agricoltori per danni causati da cani randagi o predatori”. Una volta compilato e seguendo le istruzioni, occorrerà inviarlo alla Provincia di Parma unitamente agli altri documenti richiesti. L’agricoltore verrà indennizzato per l’intero valore medio di mercato del capo o dei capi predati, grazie ad un accordo fra Regione Emilia-Romagna (che copre il 90%) e Provincia di Parma. Oltre all’indennizzo relativo all’animale  ucciso, viene elargito un ulteriore contributo per gli oneri sostenuti dall’allevatore per lo smaltimento della carcassa, valutato in 100 euro ad attacco.

Iniziative per conoscere meglio i lupi
Le iniziative in corso per conoscere meglio questo animale sono due. Entrambe vedono in prima fila il Parco dei Boschi di Carrega. Le ha illustrate Margherita Corradi, direttore del Parco regionale.
“E’ dal 2006 che con la Provincia e i Comuni del Parco ci siamo organizzati promuovendo incontri con la gente per far conoscere questo animale e far crescere la consapevolezza sulla sua esistenza. E’ ora di lasciarsi alle spalle i pregiudizi o le visioni indotte dalle favole e riservare i nostri sforzi per la gestione del fenomeno, ponendosi l’obiettivo di tutelare i lupi e tutelare gli agricoltori”.
Con i progetti  “Mai più bocconi avvelenati - Il Lupo e gli altri” (al quale partecipano anche la Riserva Orientata Monte Prinzera e il Parco Fluviale Regionale dello Stirone)  e “Il lupo in provincia di Parma” vengono implementate una serie di azioni rivolte da un lato a migliorare l’attività del Centro referenza lupo attivo presso il Parco dei Boschi di Carrega dall’altro a intervenire con investimenti destinati alla prevenzione degli attacchi. In specifico si prevede l’individuazione di situazioni a rischio e agli allevatori che aderiscono al progetto, verranno forniti e installati recinti fissi per la protezione dei capi di bestiame. Verrà inoltre creato un “magazzino” di recinti mobili da fornire agli allevatori che ne faranno richiesta.
Da segnalare anche l’accurata formazione tecnica e pratica del personale che effettuerà i monitoraggi. Ad oggi, a corso già partito, gli iscritti sono 120 fra cui rappresentanti del Corpo Forestale dello Stato, Veterinari, Università, Associazioni Venatorie, Associazioni Ambientaliste.

All’incontro in Provincia ha partecipato anche Pier Luigi Fedele, comandante della Guardia Forestale provinciale, che ha ricordato l’attività del corpo nella conservazione e difesa della biodiversità attraverso le tante aree protette della forestale. “Piccoli scrigni come la Riserva di Sasso Fratino nel casentinese, istituita nel ’59 e da cui provengono i lupi - ha detto Fedele -. Registriamo criticità per la grande presenza degli ungulati che cibandosi di germogli rischiano di compromettere i boschi, che ci fanno dire che  c’è bisogno di nuovi equilibri e i predatori aiutano in questa opera. Ma c’è anche bisogno di dare la giusta attenzione alle persone che ancora occupano la nostra montagna. L’impegno del corpo è quello di verificare l’esistenza di situazioni a rischio”. 
“Abbiamo un grande responsabilità e ce ne siamo accorti subito fin da quando si è cominciato a parlare di lupi - ha detto Cristina Merusi, presidente del Parco dei Boschi di Carrega e sindaco di Sala Baganza -. La conoscenza è la strada per aiutarci a gettare le basi della convivenza così come la corretta gestione dei conflitti. Siamo tenuti alla tutela della specie, così come ci dice l’Europa, e questa passa dalla presa in carico di tutte le problematiche ed è quello che insieme stiamo facendo”:

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pasquale

    05 Maggio @ 19.29

    Forza lupi! So' finiti i tempi cupi!

    Rispondi

  • Elisa

    05 Maggio @ 18.08

    Dico: bentornati lupi! Sono animali meravigliosi.Tutti si ricordino che Cappuccetto Rosso è solo una favola

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

1commento

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perché ho sempre detto no a Pavarotti"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

tg parma

Le voci del corteo del 25 Aprile: "E' la festa più bella e più vera"

sfilata

Parma, 25 Aprile: tutti i colori della libertà Foto

carabinieri

Viale Mentana, arrestato con un etto di hashish il pusher dai mille nomi

4commenti

DEGRADO

Stazione, parcheggio H: vigilanza armata dalle 14,30 alle 22,30

incidenti

Una moto a terra in A1 tra Fidenza e il bivio per l'A15: due in Rianimazione

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

tg parma

Volata finale: entusiasmo ed esperienza le armi del Parma Video

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

2commenti

festa

25 Aprile: un parmense di appuntamenti in piazza, in bici e in musica L'agenda

Concerto in città con Baustelle e Mara Redeghieri

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

striscioni

L'oltraggio di Forza Nuova al 25 Aprile

E la replica dei giovani del Centro Esprit

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «Un danno per il commercio»

4commenti

parma calcio

Lucarelli e Munari, una camera per due

L'ASTA

Il 9 maggio si saprà il destino del centro sportivo di Collecchio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

SCUOLA

Romagnosi, Boito, Sanvitale Fra Salimbene e Verdi: il grande concerto

ITALIA/MONDO

TECNOLOGIA

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni in Europa

cavriago

Non gli andava bene l’orario di consegna: prende la postina a bastonate

SPORT

tifosi violenti

Champions, la polizia inglese conferma: arrestati due romani per tentato omicidio

2commenti

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

NAPOLI

Scheletro di bimbo negli scavi di Pompei. Il direttore: "Grande scoperta"

gusto light

La ricetta "green" - Insalatona di cetrioli con mele e noci

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento