17°

29°

DELITTO DI VIA SIDOLI

Domani l'addio a Elisa: i funerali nella sua Sala

Domani l'addio a Elisa: i funerali nella sua Sala
Ricevi gratis le news
0
 

Elisa, domani mattina l'ultimo viaggio. Si terranno nella chiesa parrocchiale di Sala Baganza i funerali della Pavarani, uccisa a coltellate a Parma in via Sidoli dal suo ex fidanzato Luigi Colla. Amici e familiari, e tutti quelli - tanti - che le hanno voluto bene, saluteranno Elisa domani alle 10 con partenza dall'Ospedale maggiore per Sala. Dopo la funzione, la salma della 39enne verrà tumulata nel cimitero del paese. Stasera invece, sempre a Sala Baganza, alle 20.30 verrà recitato il santo rosario.

Intanto, mercoledì, è stato convalidato il fermo di Colla: e non avrebbe potuto essere diversamente. Il 42enne parmigiano è reo confesso e le prove contro di lui sono inconfutabili.

Elisa sarebbe morta sul colpo fra le 18 e le 18,45 di sabato scorso. Secondo quanto stanno appurando gli investigatori, la donna, sarebbe arrivata nell'appartamento dell'uomo, in una laterale di via Sidoli, intorno alle 15.

Aveva accettato di ascoltarlo in quello che per lei era, probabilmente, l'ultimo incontro chiarificatore. Intorno alle 18 però la tragedia. Forse è stato l'ultimo no di Elisa a riprendere una relazione che durava da 13 anni a scatenare la furia omicida di Colla, la comprensione da parte dell'uomo che dopo quel giorno l'avrebbe persa per sempre. E così Luigi l'ha colpita con violenza inaudita tra lo sterno e l'addome con un coltello da cucina dal manico colorato, poi ritrovato nel lavandino. I fendenti hanno perforato il cuore e i polmoni della donna.

Elisa era cresciuta in paese, a Sala ha frequentato le scuole, qui manteneva i propri legami e i propri amici oltre alla famiglia. Ora straziata dal dolore per una tragedia che pare impossibile persino immaginare.

Aveva ottenuto la maturità al Giordani, all’indirizzo turistico, e poi aveva iniziato a lavorare alla FT Salotti. Proprio ai tempi della scuola, a diciotto anni, aveva conosciuto il suo carnefice, Luigi Colla; allora avevano avuto una breve storia di qualche mese. Poi non si erano più visti. Tredici anni fa il nuovo incontro e l'inizio della relazione.

Lei continuava però a vivere nella grande casa di famiglia, all’ingresso di Sala Baganza frequentando gli amici di sempre e i cugini durante la settimana per poi trasferirsi nel fine settimana nella casa di lui, affacciata su via Sidoli. La loro routine era quella di una coppia consolidata. Poi i dubbi, la richiesta di una pausa di riflessione e quella telefonata di Luigi che chiedeva un chiarimento. Finito come sappiamo nel sangue.

Colla viene descritto dagli amici come un tipo taciturno, forse addirittura anonimo. Qualche problema però l'avrebbe avuto sul lavoro, alla Sma Serbatoi: non si può dire che il quarantaduenne godesse di grandi simpatie tra i colleghi. O almeno non tra tutti. Con qualcuno, non si sa bene per quale motivo, aveva avuto anche da discutere. E in modo pesante. Forse senza arrivare alle mani. E comunque senza che ci fossero episodi davvero violenti all'interno dell'azienda.

In ogni caso, però, la scorsa primavera si era stabilito che la sua presenza fosse più consona a San Secondo, dove si trova una delle sedi dell'industria, che a San Prospero, dove aveva lavorato per anni. Per lui, senza auto né patente, dev'essere stato un brusco passaggio a una realtà ben più difficile di quella, a portata di bicicletta, alla quale era abituato. Sembra che per il breve periodo nel quale ha prestato la sua opera nella fabbrica nella Bassa a portare avanti e indietro in auto Colla ogni giorno sia stato un collega. Fino a un infortunio, che l'aveva tenuto lontano dal posto di lavoro fino ad ora.

Dopo l'omicidio di Elisa era stato ritrovato vagare per via Sidoli: sommessamente ripeteva, «cosa ho fatto, cosa ho fatto...».

Al gip Maria Cristina Sarli, assistito dall'avvocato Matilde Rogato ha ammesso le sue colpe tra le lacrime. r. c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Carabinieri

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

FIDENZA

camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

CARCERE

Cento detenuti in più rispetto alla capienza normale

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

CALCIO

Parma in A, l'abbraccio di Ppc

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

12Tg Parma

Gli audio dei rapinatori: "Faranno un film su di noi"

Borgotaro-Imperia

La refurtiva è a fianco dell'altare: sacerdote denunciato per furto di oggetti sacri (tra cui Gorro)

COLORNO

Quel bimbo imboccato a forza fino a fargli rigurgitare tutto

COLORNO

Violenze alla materna, il giudice: «In classe un clima di terrore» Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

ROMA

Mostro del Circeo, Izzo rivelazione choc: uccidemmo anche un ragazza veneta

roma

Scritta "Br" sul monumento a Moro e ai caduti di via Fani

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv