18°

28°

Provincia-Emilia

Raccolta differenzata, la provincia di Parma prima in Regione - Bernazzoli: "Avanti con l'inceneritore"

Raccolta differenzata, la provincia di Parma prima in Regione - Bernazzoli: "Avanti con l'inceneritore"
Ricevi gratis le news
29

È la provincia di Parma quella che differenzia di più in Emilia Romagna. Lo attestano i dati 2009 del Rapporto annuale dell’Osservatorio provinciale rifiuti, realizzato in collaborazione con la sezione di Parma dell’Arpa. Dati che parlano di una media provinciale salita al 52,5%: 4 punti percentuali in più del 2008. E il trend sembra confermato anche nel 2010: nei primi sei mesi dell’anno la media provinciale della raccolta differenziata è ulteriormente aumentata, posizionandosi attorno al 55%. Numeri ancora più positivi se si pensa che solo pochi anni fa eravamo il fanalino di coda della Regione. La media provinciale del 52,5% è ben al di sopra di quella regionale 2009 (47,4%) e supera anche la media di raccolta differenziata dell’area del Nord Italia, la più virtuosa del Paese.
Nel 2009 nel Parmense sono stati prodotti rifiuti urbani per 267.800 tonnellate: 612 kg per abitante, contro i 614 del 2008 e i 619 del 2007. Del totale dei rifiuti prodotti, 127.300 tonnellate sono andate a smaltimento, ma soprattutto 140.500 tonnellate a raccolta differenziata, che per la prima volta supera i quantitativi smaltiti.
“Si tratta di un risultato straordinario, tanto più rilevante se si pensa che nel 2000 eravamo fanalino di coda in regione con la differenziata al 17,4%. Essere primi significa aver lavorato bene: ringrazio i Comuni e i cittadini perché risultati come questo si ottengono se c’è un impegno corale e congiunto”, ha detto nella presentazione di oggi il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli. “Nel 2005 ci siamo dotati di un piano per gestire questo tema in modo corretto, un piano che puntava innanzitutto sulla raccolta differenziata e che stiamo rispettando. È uno dei piani più moderni e più avanzati d’Italia”, ha continuato Bernazzoli, che ha aggiunto: “La parte di rifiuti che non si riesce a differenziare va in discariche o in inceneritori, impianti che sono tutti fuori provincia. Il piano prevedeva la realizzazione di un impianto di smaltimento e termovalorizzazione per essere autosufficienti, per chiudere nel nostro territorio il ciclo dei rifiuti, e per ottenere un contenimento dei costi. Anche su questo tema si sta procedendo, il piano sta andando avanti”.
I dati del rapporto, presentati da Lorenzo Frattini del Servizio Ambiente della Provincia, offrono una dettagliata fotografia del territorio. Se a proposito della differenziata si legge la situazione della provincia per macro aree, i risultati migliori sono nella Bassa (69,8%), seguita dai comuni della Pedemontana (58,2%) e dalla zona di Fidenza e Salsomaggiore (57,4%). Meno positivi i dati del Comune capoluogo (45,8%), della Comunità Montana Est (40,5%) e della Comunità Montana Valli Taro e Ceno (21%), ma in questi ambiti è previsto un forte impegno già dai prossimi mesi. Nella speciale classifica della raccolta differenziata si conferma primo il Comune di Soragna (80,6%), seguito da Trecasali (79,6%) e Roccabianca (79%). Ben 15 i comuni sopra al 70%: ai tre citati si aggiungono Zibello, Polesine Parmense, Sissa, San Secondo Parmense, Lesignano Bagni, Sorbolo, Mezzani, Fontevivo, Busseto, Sala Baganza, Colorno, Langhirano.
L’estensione sempre più massiccia del sistema di raccolta porta a porta ha certo contato: partite nel 2005 anche grazie alle scelte operate dal Piano provinciale di gestione rifiuti (Ppgr), le raccolte domiciliari sono arrivate nel 2009 a toccare 23 comuni del territorio (per un totale di 203.600 abitanti). Proprio questa sarà la modalità su cui si punterà anche per il futuro. Il tutto sempre di pari passo con la necessità di una continua riduzione dei rifiuti prodotti.
“Il risultato raggiunto – ha osservato l’assessore provinciale all’Ambiente Giancarlo Castellani - è il frutto di un lavoro sinergico caratterizzato dall’impegno della Provincia, dalla disponibilità dei Comuni e dalla sensibilità dei cittadini. Ora noi puntiamo a crescere ancora: puntiamo al 65% di differenziata nel giro di un paio d’anni. Per arrivarci è importante che i Comuni al di sotto della media provinciale facciano uno sforzo ulteriore, e in particolare abbiamo bisogno che il capoluogo faccia un salto per raggiungere le percentuali che altri comuni hanno saputo raggiungere. Sappiamo che questo sforzo per Parma è in previsione: è importante che l’impegno sia confermato da scelte operative”.
Per il direttore dell’Arpa di Parma Giuseppe Dallara “quello della provincia di Parma è un risultato straordinario in una regione già molto avanzata da questo punto di vista. La chiave di volta è stata dotarci di un piano e perseguirlo con metodo, perché solo con la pianificazione si possono affrontare con successo questi temi. Va rimarcata la capacità della Regione, delle Province e dei Comuni di supplire alle carenze dello Stato, che non ha una politica organica sullo smaltimento dei rifiuti”. Anche Dallara si è soffermato sullo smaltimento: “Per lo smaltimento dipendiamo ancora totalmente dall’esterno: noi mandiamo i nostri rifiuti fuori. Con il termovalorizzatore il cerchio si chiude qui, si chiude nel nostro territorio”.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    22 Settembre @ 10.59

    Bene adesso Bernazzoli è il colpevole di tutto, ragionate un attimo e provate a pensare chi ha propsoto, commissionato e vuole sotto silenzio il termovalorizzatore. Certo però che è interessante che qualcuno non vuole l'inceneritore ma non fa la raccolta differenziata.

    Rispondi

  • oberto

    22 Settembre @ 10.17

    Concordo con luca, se siamo così virtuosi nella raccolta differenziata ( che addirittura porta reddito) non capisco perchè il costo che grava sui cittadini relativamente ai rifiuti non diminuisca in modo netto, forse perchè l'azienda che gestisce il servizio è una SPA e quindi come primo punto deve fare cassetta?

    Rispondi

  • massimo

    22 Settembre @ 09.06

    La salute non ha prezzo, preferisco spendere 50 - 100 - 1000€ in + all'anno e fare in modo che non si ammalino i miei figli a causa del Termovalorizzatore. Ricordo poi che Bernazzoli poco + di un'annetto fà dichiarò il suo disappunto sulle voci di una possibile costruzione di una centrale nucleare nei pressi di Fidenza .....affermando che non è possibile costruirla nella food valley qual'è Parma a difesa quindi delle industrie alimentari locali. E si caro Presidente ....ha proprio ragione.....non è possibile.... La domanda ora però mi sorge spontanea....E il Termovalorizzatore perchè si? (e non ci dica pechè non inquina).

    Rispondi

  • Bruno

    22 Settembre @ 08.55

    BISOGNA RACCOGLIERE UNA QUANTITA' DI FIRME NECESSARIA AD INDIRE UN REFERENDUM TRA I CITTADINI PER DECIDERE LA SORTE DELL'INCENERITORE. E' LA SOLA VIA POSSIBILE E PRATICABILE !

    Rispondi

  • viky

    22 Settembre @ 08.44

    spero che bernazzoli non sia azionista di enia o meglio Iren senno' tutto si spiegherebbe, certo che se per chi fa la raccolta differenziata ci fosse una consistente riduzione della tassa la percentuale sarebbe decisamente piu' alta, in Germania (ma anche in Croazia Rep. Ceca ecc.) quando compri una lattina di birra o acqua in bottiglia devi lasciare una cauzione che ti viene restituita portando indietro il vuoto, come nel passato si faceva qui, a Pola ho visto gente che recuperava i vuoti lasciati dai turisti per strada e nei cassonetti.......i

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"