POLITICA

Pontremolese, A15, Tibre-Cispadana: patto fra Emilia-Romagna e Liguria sul potenziamento delle infrastrutture

Accordo anche sulle politiche ambientali

Pontremolese, A15, Tibre-Cispadana: patto fra Emilia-Romagna e Liguria sul potenziamento delle infrastrutture
Ricevi gratis le news
3

Emilia-Romagna e Liguria stringono un patto per la crescita e lo sviluppo dei loro territori, aree confinanti e strategiche per le due economie regionali e per quella nazionale. Un’intesa che passa per il potenziamento della linea ferroviaria Pontremolese, la Parma-La Speziae dei principali assi stradali e autostradali: statale 45 Val Trebbia, statale 62 della Cisa, asse A15 Tibre-Cispadana, strada provinciale 357R di Fornovo. Ma anche un impegno comune sul fronte della gestione delle risorse idriche ad uso irriguo in agricoltura, attraverso la diga del Brugneto, e quella dei rifiuti, per conseguire gli obiettivi comunitari e in caso di eventuali situazioni di emergenza, per periodi limitati e sentite le amministrazioni locali interessate. 

Lo rende noto un comunicato, che prosegue: 

I presidenti della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e della Liguria, Giovanni Toti, hanno firmato oggi a Genova un protocollo d’intesa per rafforzare la collaborazione in settori chiave per la valorizzazione e l’attrattività dei rispettivi territori.
Fondamentale è il capitolo infrastrutture, vero e proprio snodo strategico se si pensa che i porti di La Spezia e Genova sono importanti punti di imbarco per le merci in arrivo dal comprensorio industriale centro-emiliano e destinate all’export.

Non meno importante per cittadini e imprese sono la gestione dei rifiuti e quella delle risorse idriche, soprattutto, nel secondo caso, di fronte a periodi di siccità e ad aree come la Val Trebbia, nel piacentino ad alta densità di coltivazioni agricole.
“L’impegno per le nostre comunità non conosce confini geografici - afferma il presidente Bonaccini - come abbiamo già dimostrato pochi mesi fa con la firma a Bologna dell’accordo sulle misure anti inquinamento con le Regioni del bacino padano, Piemonte, Lombardia e Veneto. Ora vogliamo affrontare e migliorare la qualità delle infrastrutture che collegano e connettono la Liguria con l'Emilia-Romagna, così come ci sarà una reciproca collaborazione per la gestione delle politiche ambientali, con particolare riferimento alle risorse idriche e ai rifiuti. Siamo la regione che cresce di più in termini di occupazione, Pil, export e non vogliamo fermarci, con l’obiettivo prioritario di creare lavoro. L’intesa siglata oggi va in questa direzione: vogliamo continuare a crescere, e far crescere il Paese”.



“I temi ambientali sono sempre di più al centro della vita delle persone e delle comunità locali - sottolinea l’assessore all’Ambiente, Paola Gazzolo, presente a Genova - e l’impegno dei territori non può che essere comune, il più largo possibile. In particolare, il valore aggiunto del protocollo siglato oggi è nell’intesa sul costruire le condizioni per modalità certe, strutturate e stabili per il rilascio dell’acqua dalla diga del Brugneto, importantissima per l’agricoltura piacentina: ora partirà l’interlocuzione con i Comuni, a partire da quello di Genova, per arrivare in tempi rapidi a un protocollo attuativo che dia efficacia all’accordo con la Liguria. Inoltre, in casi eccezionali di emergenza attiveremo il mutuo soccorso sulla gestione dei rifiuti, anche in questo caso con il coinvolgimento degli enti locali e per periodi limitati. Tutto in nome di un principio di prossimità territoriale che vada a beneficio di cittadini e imprese”.
Linea ferroviaria Pontremolese
Il “patto” fra Emilia-Romagna e Liguria vede al primo posto l’impegno comune per il raddoppio della linea ferroviaria Parma-La Spezia, a partire dalla richiesta al Governo di finanziamento del tratto Parma-Osteriazza, attualmente non previsto nel pacchetto di investimenti 2017-2021 approvati ad agosto dal Cipe. In particolare, esiste già il progetto definitivo per dare il via al primo lotto Parma-Vicofertile, dal costo di 234,6 milioni di euro.
Strada statale Val Trebbia
Per quanto riguarda la Statale 45, il principale asse di collegamento appenninico tra Genova e Piacenza per il traffico leggero e pesante, dopo la messa in sicurezza dei tratti tra il confine emiliano-romagnolo e Ponte Lenzino e tra Bobbio e La Verza (11 milioni), le due Regioni si impegnano ad avviare analoghi interventi sul fronte della sicurezza e dell’ammodernamento tra il km 62 e il km 95 e nel tratto Rio Cernusca-Rivergaro. Entrambi gli interventi sono già stati approvati dal Cipe per un costo, rispettivamente, di 16 e 41,6 milioni di euro.
Asse A15 Tibre-Cispadana
Oltre alla realizzazione – considerata strategica - del collegamento tra il casello autostradale Terre Verdiane e la A22 all’altezza di Reggiolo-Rolo, le due Regioni sono impegnate a svolgere i necessari approfondimenti con lo Stato relativi al collegamento tra lo stesso casello e la strada provinciale 72 Parma-Mezzani.
Strada Provinciale 357R di Fornovo
Analogamente, Emilia-Romagna e Liguria intendono avviare azioni comuni per quanto riguarda l’asse di collegamento tra la Via Emilia e il casello Parma ovest sulla A1. In particolare, l’attenzione è rivolta alla variante di Noceto, il cui progetto definitivo, già approvato, ha un costo di circa 13,5 milioni di euro.
Strada Statale della Cisa
Principale arteria di collegamento appenninico tra La Spezia e Parma, la Statale 62 vede già finanziati con la delibera Cipe dello scorso agosto, e quindi da avviare, i lavori di ammodernamento del tratto tra Parma e Collecchio per oltre 13 milioni di euro.
Acqua - Diga del Brugneto
Viene confermata la necessità di un accordo che definisca in modo stabile e condiviso le modalità di rilascio di ulteriori volumi dall’invaso ligure nei mesi estivi per soddisfare le esigenze di irrigazione della Val Trebbia, nel piacentino. Tale quantitativo si aggiungerà ai 2,5 milioni di metri cubi già previsti dal disciplinare di concessione.

Rifiuti
Le due Regioni concordano sull’opportunità di sviluppare iniziative di reciproca collaborazione e di mutuo soccorso per il conseguimento degli obiettivi comunitari. L’Emilia-Romagna dà poi la sua disponibilità – a fronte di eventuali situazioni di carattere eccezionale e solo per un periodo di tempo limitato – ad accogliere rifiuti della Liguria. Il tutto fatto salvo il parere delle amministrazioni coinvolte e nel rispetto dei quantitativi di trattamento e smaltimento già autorizzati per gli impianti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giovanni

    01 Settembre @ 13.23

    Il collegamento del casello di Trecasali con la Cispadana non risolverà un bel nulla in quanto sia i camion che le automobili continueranno a passare dalla bassa mantovana oppure a congestionare l'assurda triangolazione attraverso Modena. Quindi questa strada è solo una toppa temporanea, in attesa di terminare la tibre fino a Nogarole. Per quanto riguarda il raddoppio della Pontremolese ben venga ma ciò che conta è anche potenziare la linea della ferrovia verso il Brennero attraverso Piadena, e non certamente attraverso Suzzara, collegamento assurdo. Ma di questo non se ne parla mai

    Rispondi

  • Nicola Martini

    01 Settembre @ 01.51

    Il fatto che si cerchino accordi tra Regioni su svariate materie è un fatto positivo. Per quanto riguarda l'ambito infrastrutturale temo che il baricentro della questione sia ancora eccessivamente spostato sul trasporto su gomma. Tra i vari interventi v'è quello del collegamento del futuro casello Parma Nord con la Cispadana. In realtà detta soluzione pare l'estremo tentativo di dare un minimo d'utilità ad un moncone autostradale attualmente in costruzione nella nostra Bassa e che in un Paese normale non sarebbe mai stato cantierato, anche alla luce dei mutamenti di strategie a livello UE avvenuti negli ultimi anni atti a favorire il trasporto su ferro. Purtroppo, l'incontro in questione pare volto a mettere una pezza sotto il profilo stradale e resta in alto mare per quanto riguarda il fronte ferroviario, in quanto sembra vi sia l'intenzione di fare pressioni affinché venga sbloccato solo il tratto Parma-Osteriazza. Bisogna ricordare, invece, che in un Paese normale un corridoio ferroviario come quello tra La Spezia e Verona (via Parma) sarebbe stato completato già da una quindicina d'anni, dato che la Legge per la sua costruzione risale al 1981. Per produrre un buon risultato in materia si sarebbe dovuto discutere pure del collegamento PR-VR e del tratto di valico coinvolgendo la Toscana, in quanto l'opera rimarrà monca sino a quando non si bypasserà il tatto più scosceso e tortuoso (Pontremoli-Berceto). Purtroppo con una visione miope a livello governativo l'asse del trasporto merci dei Porti dell'Alto Tirreno si sta spostando con buona pace di tutti sulla tratta FI-BO. Quando poi però ci si troverà a far passare delle merci da La Spezia via FI-BO su dei nodi che in prospettiva si congestioneranno, in futuro ci si chiederà come mai la Pontremolese non è stata considerata come prioritaria. A Firenze e Bologna, infatti, si stanno sviluppando S.f.m. che in prospettiva, con tutta probabilità, saranno abbastanza incompatibili con un traffico merci elevato. Come già detto più volte in passato bisognerebbe pianificare i trasporti con attenzione e ci si accorgerebbe che il Porto di La Spezia, che punta molto sulla ferrovia, da molti anni ormai richiede il completamento della Pontremolese e viceversa pare poco interessato a collegamenti stradali con l'area mitteleuropea. Se non si concentreranno gli sforzi sul collegamento via ferro col Brennero, Parma con tutta probabilità resterà tagliata fuori dai flussi di traffico merci provenienti dal porto spezzino.

    Rispondi

  • enrico

    31 Agosto @ 21.03

    Come al solito da 40 anni la Regione E-R spinge per una scelta miope di un collegamento tra A15 e A22 a Reggiolo... Qualora non abbiate mai fatto quella strada: è quasi più conveniente uscire a Mantova e farsi la sabbionetana... Avere a che fare con una Regione e un partito politico (rimasto ai tempi di Stalin e Krushov) che a ovest non vede altre l'Enza fa cadere le braccia

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il party con Tino Asprilla: le foto

FESTE PGN

Il party con Tino Asprilla: le foto

Nadia Toffa in ospedale per le terapie: "Non so se la chemio mi guarirà..."

La "lotta"

Nadia Toffa in ospedale per le terapie: "Non so se la chemio mi guarirà..."

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

gossip

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la nuova classifica settimanale: scopri le new entry

WORLD CAT

Ecco la nuova classifica settimanale: scopri le new entry

Lealtrenotizie

Incidente sulla via Emilia a Parola: soccorritori al lavoro

INCIDENTE

Scontro auto-camion tra Sanguinaro e Parola: un morto e un ferito grave. Via Emilia bloccata per ore Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Il ladro morsicò una mela: incastrato dal Dna

carabinieri

Inseguimento fra Sant'Ilario e Parma: i ladri gettano la refurtiva dal finestrino

All'arrivo dei carabinieri, un'auto con tre persone a bordo è fuggita. I malviventi sono riusciti a dileguarsi

carabinieri

Aemilia, in carcere 29 condannati. Tra loro anche il referente della cosca per Salso

PARMA

Mall di Baganzola: il cantiere resta sotto sequestro

Lo ha deciso il tribunale del Riesame

PARMA

Perdita d'acqua, forti disagi in Borgo Carissimi Foto

12 tg parma

Chi fa la spesa nel mirino dei ladri, due donne derubate Video

sorbolo

"Svitate leggermente le grondaie": il vademecum anti-ladri del sindaco

11commenti

La storia

Michele e Paula, Olanda addio: Berceto è più «green»

12Tg Parma

"Marijuana light": ecco come funziona (e quanto si allarga) il business a Parma Video

Intervista a Luca Marola, che ha lanciato la startup Easyjoint

SANITA'

Visite medico sportive, tempi lunghi. Ed è protesta

13commenti

REGIONE

A Parma 1.066 famiglie ricevono il reddito di solidarietà

I dati della Regione: in poco più di un anno in Emilia-Romagna è stato erogato a oltre 10.500 famiglie (più di 25mila persone)

APPENNINO

Anziano si perde nella zona del passo del Chiodo: recuperato dal Soccorso alpino

L'uomo ha chiamato i carabinieri, che hanno allertato i tecnici del Soccorso alpino

novità

Nidi e scuole d’infanzia, da gennaio le iscrizioni saranno solo online Video-tutorial

In viale Mentana

Parrucchiera derubata due volte in un mese

2commenti

LAVORI

Via Europa, sottopasso chiuso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pd in cerca del segretario. Ma la strada è in salita

di Luca Tentoni

CHICHIBIO

Hostaria "Da Dome", l'autentico e semplice cibo nostrano

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ROMA

Le ossa trovate non sono della Orlandi: vecchie di cento anni

roma

Casamonica: ruspa in azione, al via l'abbattimento delle ville Video Foto

SPORT

gazzareporter

Calciomercato, Balotelli avvistato a Parma?

4commenti

12 tg parma

Parma, il ds Faggiano: "Il rinnovo è il punto di partenza" Video

SOCIETA'

VIDEOGAME

Le nuove guerre digitali

VENEZIA

In monopattino in piazza San Marco: multato bimbo di 5 anni

MOTORI

Mercedes

Il diesel è vivo e vegeto: chiedetelo alla Classe A

moto

Benelli 752S , la naked di mezzo