20°

Provincia-Emilia

Collecchio - Allarme pidocchi a scuola: la Caselli chiede chiarimenti

Collecchio - Allarme pidocchi a scuola: la Caselli chiede chiarimenti
Ricevi gratis le news
1

di Gian Carlo Zanacca 

Patrizia Caselli del gruppo di minoranza di «Liberi e uniti per Collecchio», durante l'ultimo consiglio comunale in cui si è svolta anche l'approvazione del bilancio di previsione 2011, ha interpellato la Giunta circa i casi di pediculosi (tradotto con un termine più comune, i pidocchi) che si sono verificati all’Istituto comprensivo Ettore Gautelli. E l’assessore all’istruzione Giovanni Brunazzi ha sottolineato come l’Amministrazione si sia attivata nelle sedi opportune per fare in modo che la situazione sia monitorata e risolta al più presto. 
Il ruolo dell'Ausl
La responsabilità, in questi, casi è in capo all’Azienda unità sanitaria locale, dipartimento di igiene pubblica del distretto sud est di Langhirano. 
L'impegno della scuola
La scuola, come ha sottolineato, il vice dirigente scolastico Angela Buzzi, si è subito attivata per raccordarsi con l’Ausl e per fare in modo di circoscrivere il fenomeno. «Non è il caso di creare allarmismi - ha sottolineato - dal momento che fenomeni di pediculosi si presentano in modo ricorrente durante l’anno scolastico. E’ importante che i genitori tengano in debito conto le indicazioni fornite dell’Ausl che ha distribuito nelle classi interessate le informative necessarie per evitare il diffondersi della pediculosi stessa». 
Intervento diretto nelle terze
Nei giorni scorsi, è stato effettuato un intervento diretto da parte del personale dell’Ausl in una classe della terza elementare per verificare la situazione. «Dagli esami effettuati - come ha sottolineato la dottoressa Marella Zatelli, dirigente del dipartimento di igiene pubblica di Langhirano - sono stati individuati alcuni casi, i bambini saranno riammessi solo previo rilascio di apposita certificazione da parte dell’Ausl». 
Il vademecum
Il consiglio della dottoressa Daniela Saracchi, dirigente di pediatria di comunità del distretto sud est, è quello di non drammatizzare e di applicare le indicazioni contenute nel «vademecum» messo a disposizione dall’Ausl stessa. L’applicazione di prodotti appositi come spray va effettuata almeno due volte a distanza di 10 giorni l’una dall’altra altrimenti le «lendini», vale a dire le uova dei pidocchi, continuano a riprodursi, oltre a prevedere opportuni lavaggi.
Parassita da combattere 
Non si tratta di un problema di igiene personale nel senso stretto del termine ma di diffusione di un parassita che si annida proprio dove trova le condizioni ideali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • le

    21 Dicembre @ 21.46

    Gent.mo ho letto l'articolo del grave problema che attenaglia la scuola pubblica di Collecchio. Mi duole constatare che nell'anno 2010 i bambini frequentanti la scuola debbano convivere con i pidocchi. Mi è nato spontaneamente l'interrogativo: come mai? Già come mai... Cronostoria: nel mese di novembre, in maniera discreta giravano voci alla fine di ottobre, in data 18/11/2010 era stata segnalata la presenza di questa ignobile e “noiosa” creatura; diligenti genitori hanno provveduto ad acquistare uno spray preventivo e protettivo dalla pediculosi, evidentemente ciò non è servito poiché in data 07/12/2010 e il 10/12/2010 sono stati segnalati altri casi di “indelicata”. E, dulcis in fondo, dopo alcuni giorni è apparso il decalogo di informazione sui pidocchi. Non si può analizzare in toto l'andamento di questa invasione silenziosa poiché non vi è documentazione cartacea acquisibile dalla scuola, posso solo immaginare che l'insegnante diligente, dopo aver constatato la presenza di questo parassita lo abbia segnalato al genitore ed alla segreteria per gli adempimenti del caso. Ma ... come mai dopo più di 40 giorni i pidocchi non sono stati debellati!!! ... forse la mancanza di contemporaneità nel coordinamento e infomazione ai genitori del comprensorio scolastico che non ha consentito il monitoraggio di tutti i bambini (questi si frequentano nell'intervallo, prima delle ore di lezione, nella mensa .:.)??? ... forse genitori che settimanalmente non hanno controllato i propri figli??? ... forse non sono stati effettuati trattamenti specifici antipidocchi o preventivi??? ... forse ...??? A voi le risposte o le domande che riterrete più opportune. Consigli: -la misura più importante è il controllo settimanale della testa da parte dei genitori, anche sui figli senza sintomi; la zona dei capelli da ispezionare più accuratamente è quella dietro le orecchie e la nuca, in ambiente intensamente illuminato; a scuola o nelle palestre i bambini si dovrebbe evitare di ammucchiare i capi di abbigliamento sugli attaccapanni fuori dall’aula o sulle panche degli spogliatoi e non dovrebbero scambiarsi oggetti personali quali pettini, nastri, fermagli, cuffie, cappelli, sciarpe ecc; Quando si verifica un caso, tutti i conviventi devono essere controllati e chi li ha deve fare il trattamento anti-pidocchi. http://www.arpnet.it/coogen/eventi/documenti/pediculosi_dep.pdf http://www.viconet.it/scuole/attachments/136_IL%20PIDOCCHIO%20DEI%20CAPELLI%5B1%5D.pdf

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Code anche in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

1commento

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

UNIVERSITA'

L'Ateneo di Parma visto dagli studenti

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

1commento

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno