14°

26°

Provincia-Emilia

Polesine, manifesti offensivi contro il sindaco e i cacciatori

Polesine, manifesti offensivi contro il sindaco e i cacciatori
Ricevi gratis le news
5

Paolo Panni

Offese al sindaco di Polesine Andrea Censi ed ai cacciatori. Nel borgo della Bassa, negli ultimi giorni, sono stati piazzati, diversi manifesti contro la caccia e, su alcuni di questi, a mano, sono state aggiunte scritte offensive in cui i cacciatori vengono definiti «assassini» e, il sindaco, «complice in omicidio».
I manifesti sono stati tolti e Censi ha subito sporto una denuncia contro ignoti, informando i carabinieri. «Se esprimere un dissenso - ha commentato Censi - è assolutamente legittimo, questo non è certo il modo di farlo. Il mio ufficio, come tutti sanno, è sempre aperto a tutti, anche a coloro che vogliono esprimere contrarietà rispetto alle decisioni assunte dal sottoscritto e dall’Amministrazione comunale. Dissentire attraverso offese e trincerandosi dietro l’anonimato non è certo il modo di fare».
Il sindaco di Polesine, negli ultimi tempi, ha anche ricevuto numerose mail in cui viene contestata l’ordinanza, da lui firmata, con la quale, dà il via libera all’abbattimento delle nutrie sul territorio comunale, in accordo con i cacciatori, da sempre incaricati di contenere l’espansione della nutria. Ha pertanto legato le due cose, Censi, e rispondendo in particolare a chi gli ha scritto via mail, evidenziando che si tratta di persone residenti in zone distanti dalla Bassa ha invitato queste stesse persone a «indicare loro metodi efficaci per contenere il problema. Io - ha aggiunto - ritengo che prima di esprimere certe posizioni si debba conoscere, innanzitutto, il territorio ed i termini del problema. Qui, ormai da anni, giungono innumerevoli segnalazioni riguardanti i disagi causati dalle nutrie. Abbiamo anche persone che sono state aggredite e allevamenti che hanno avuto problemi sanitari. Si vada, inoltre, a chiedere al Consorzio di bonifica quanti soldi spende, annualmente, per sistemare canali ed argini in seguito ai danni causati dalle nutrie. Qui - ha tuonato Censi - non ci sono né assassini né omicidi; ci sono solo persone che cercano di contenere un problema molto sentito dalla popolazione residente. Inoltre, l’amministrazione da sempre ha modo di verificare la correttezza e l’affidabilità dei cacciatori. Fra l’altro stiamo pensando di affidare all’Atc Pr1 la gestione di porzioni di aree golenali per scopi didattici e per ripristini ambientali».
Sulla vicenda è intervenuto anche Daniele Pisaroni, presidente dell’Atc Pr1 (attiva su 5 Comuni, con 300 associati), sottolineando che «i cacciatori, attraverso l’eradicazione della nutria, rispondono a una esigenza molto sentita dalle amministrazioni e dalla cittadinanza. Certamente questo problema andava eliminato alla radice, molti anni fa, evitando di liberare questi animali solo perché non davano più riscontro commerciale. Così si sarebbero evitati disagi, problemi e rischi per coltivazioni, case e persone. Se oggi sul territorio ci sono animali che 20 anni fa non si vedevano, come volpi, tassi e rapaci è perché la gestione stessa dei territori è stata fatta da associazioni venatorie, come la nostra, che hanno dimostrato attenzione e sensibilità verso l’ambiente e verso la fauna. Qui - ha ribadito Pisaroni, concludendo il proprio intervento - non ci sono assassini e non si commettono omicidi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • EGIDIO

    16 Settembre @ 09.43

    buon giorno, cari signori vorrei aggiungere in fine che dovreste vedere il"cacciatore" sotto un ottica di AGO DELLA BILANCIA" nell'ambito agrosilvo pastorale e COADIUVANTE delle forze dell'ordine in quanto monito di un autorizzazzione ben definita legislativamente e non semplice da ottenere. IN FINE bisogna essere persone istruite e responsabili, IN OTTIMO STATO DI SALUTE,ma soprattutto che conducono una vita "pulita" e regolare, di sani principi tramandati e trasmessi....... chiudo salutando tutti coloro che vivono rispettando la legge vigente su tutto il territorio nazionale

    Rispondi

  • EGIDIO

    16 Settembre @ 09.16

    A VOLTE MI SCENDE QUALCHE LACRIMA MAAA, TROVO GIUSTO ED ESEMPLARE L'ABROGAZIONE DEL PORTO D'ARMI IN QUANTO GRAVISSIMO CIO' CHE HO COMMESSO, E DOVREBBE ESSERE CITATO A TUTTI COLORO CHE SI ACCINGONO A FREQUENTARE LA "SCUOLA PER L'ABILITAZIONE VENATORIA", COME ESEMPIO DA NON IMITARE MAI PER NESSUN MOTIVO AL MONDO BASTAVA AFFIDARSI ALLA LEGGE AVREBBERO RISOLTO IL PROBLEMA CON EFFICACIA E TRASPARENZA. A VOLTE SI IMPARA SBAGLIANDO,L'IMPORTANTE è CAPIRLO E TRASMETTERLO

    Rispondi

  • EGIDIO

    16 Settembre @ 09.05

    le ragazze che vanno a caccia sono madri fortissime, che sanno fare anche DA MANGIARE, PECCATO SIANO POCHE! EGIDIO

    Rispondi

  • EGIDIO

    16 Settembre @ 09.00

    MI CHIAMO BENEDETTO EGIDIO SONO UN EX CACCIATORE IN QUANTO, DOPO UN GRAVISSIMO ERRORE DOVUTO ALL'INTERPERANZA MI FU' GIUSTAMENTE RITIRATO E ABROGATO IL PORTO D'ARMI, OGGI NON MI SENTO PIU' UN CACCIATORE MAA QUELL'ESPERIENZA COMINCIATA DA BAMBINO MI HA RINFORZATO IL CARATTERE,MI AVEVA FATTO CONOSCERE CENTINAIA DI BRAVISSIME PERSONE, E MI HA DONATO QUALCOSA CHE SOLO L'AMBIENTE VENATORIO PUO' TRASMETTERTI è CHIAMATO RISPETTO GESTIONE CONTROLLO DELLA FAUNA E DEL TERRITORIO CIRCOSTANTE,CON METICOLOSA CONOSCENZA DELLE LEGGI VIGENTI CHE LA REGOLANO DA SEMPRE, EVOLVENDOSI AL PASSO CON I TEMPI ODIERNI

    Rispondi

  • egidio

    16 Settembre @ 08.11

    MA SOPRATTUTTO NON C'è DROGA NELL'AMBIENTE VENATORIO. X QUANTO RIGUARDA L'AMORE LE MOGLI E FIDANZATE DEI CACCIATORI SONO FELICI E SODDISFATTE FINO A PROVA CONTRARIA, "ALMENO SANNO DOV'è E COSA STA FACENDO IL LORO UOMO.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

MALTRATTAMENTI

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «un danno per il commercio»

festa

25 Aprile: un parmense di appuntamenti in piazza, in bici e in musica L'agenda

Concerto in città con Baustelle e Mara Redeghieri

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

Intervista

Baustelle: «Non archiviamo il 25 aprile»

Polesine Zibello

Per i soldi per la dose minaccia il padre con un coltello

Ticket

«Stangata» sulle cure per la psoriasi

L'ASTA

Il 9 maggio si saprà il destino del centro sportivo di Collecchio

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

piacenza

Due discoteche chiuse per alcol a minorenni

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento