18°

28°

Provincia-Emilia

Valmozzola quartier generale dei partigiani

Valmozzola quartier generale dei partigiani
Ricevi gratis le news
0
Roberto Longoni
Trasibulo, Sandokan, Lupo, Birra,  Gianpaolo...  Insieme. Di nuovo insieme,  al riparo dalle raffiche degli anni, armati delle loro storie, difesi da  un'eterna giovinezza color seppia dall'accerchiamento dell'oblio. Sulla testa, spioventi di legno; attorno, ampie vetrate affacciate sulla valle del Mozzola: il Museo della Resistenza è una realtà. Sulle bacheche pende un tricolore sabaudo, e domani alle 9,30  un nastro tricolore sarà tagliato. C'è voluta la dedizione di un ex infermiere parmigiano, Maurizio Carra, che ha contagiato d'entusiasmo decine di persone («Dall'amministrazione comunale ai valmozzolesi: siamo stati spalleggiati in tutto» dice lui). Il padre non era partigiano, non lo era nemmeno uno zio: ma grazie a lui sono stati ribaltati fienili e cantine, cassetti e solai. E c'è voluto l'impegno di Caterina Larini, che ha creduto nel museo, facendo una donazione in memoria del marito Gianpaolo, luminare della radiologia che tra questi monti combatté ventenne. Grazie a lei e alla Provincia -  che a sua volta ha sovvenzionato il progetto, per il  quale anche altri privati hanno fatto offerte - i reperti e le testimonianze trovati da Carra ora hanno un luogo per raccontarsi: a Mormorola, di fronte al municipio. Lì sotto, la valle s'apre come un libro da leggere. La guerra partigiana ha lasciato il segno in questo Appennino scabro. «Basti pensare al velo della Madonna della cintura a Mariano: è fatto con la seta di un paracadute».  Qui, lontano dalla corsa del mondo, i partigiani sfilano ancora nei ricordi.  Carra indica di là dal Mozzola, sotto la ruggine del Groppo. Un pugno di tetti rossi: Mercati. «Quelle case nascosero inglesi da far passare oltre la linea Gotica». Lo sguardo sale verso il crinale del Barigazzo. Pochi chilometri di curve: il Castellaro. «Lì era la base di Pablo e dei suoi della 31esima. Poi, il  Castello di Mariano: sede del Comando unico». Questi posti, il padre del museo li ha «rastrellati» palmo a palmo in una trentina d'anni. «Vedevo caricatori, giberne tedesche, elmetti italiani abbandonati nei fienili dall'8 Settembre». La lista era destinata ad allungarsi. E di molto. Reperti che parlano con tono cupo: caricatori dello Sten, del Mab, del Bren; polvere contro i pidocchi, sapone, lamette. E armi. Erose dalla ruggine, ma che hanno sparato, spezzato vite. L'ultimo cimelio? «Una donazione dell'altro ieri: il giubbotto di don Guido Anelli, parroco di Belforte, anima della brigata Julia, paracadutato due volte oltre le linee». Carra mostra grandi lastre arrugginite. Gli aerei americani dell'Oss decollavano da piste fatte con questi incastri.  Accanto, cassette di cibo in scatola e contenitori per le bombe, un telemetro tedesco, radio americane e inglesi, giubbotti, medicine, confezioni di alcol solido, custodie per granate da lanciare con il Mauser tedesco. Ma sono le testimonianze il pezzo forte. Carra ne ha raccolte 55, tutte con il «sigillo» di tessera e attestato partigiani. Inedite, per lo più. «A Gravago mi  sono imbattuto in sette fogli sui prigionieri italiani a Luckenwald, un campo di smistamento a 60 chilometri da Berlino. C'è anche il resoconto, redatto da tale capitano Pagliaro, di un eccidio di ufficiali italiani in una cava». Poi ci sono le foto, a centinaia. Ritraggono volti e concentrati di  storie. Come quella della staffetta che guadagnava 800 lire a viaggio («Da diventar ricchi a continuare» esclamava) e prese a male parole un tedesco che, perquisendolo, gli aveva fatto cadere il pacchetto del tabacco. O quella della donna che aiutò un militare americano ed ebbe in dono un fazzoletto dell'Us Army. Un soldato della Wehrmacht in un rastrellamento scovò quella stoffa ricamata: più che un'accusa, poteva valere una condanna. Ma il tedesco se ne andò dopo aver abbracciato la donna, graziandola. A volte le foto sono parti di un mosaico e «richiamano»  altre immagini. A volte sono ignote più del previsto. «Succede che i figli fatichino a riconoscere i padri partigiani» sorride Carra. «Molti che non sfilarono a Parma il 25 Aprile si misero in posa nel giugno del 1944, per la liberazione (provvisoria, ndr) di Bardi. Degli scatti alla partigiana Paola, che invece a Parma sfilò con la 135esima, i negativi sono stati trovati in una vecchia stufa. «Spero che quanto esposto qui faccia emergere altri reperti, altre testimonianze che colleghino tra loro i vari personaggi». E' una corsa contro il tempo. Ormai  più che la memoria della Resistenza, è in gioco la resistenza della Memoria.             

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"