13°

27°

Provincia-Emilia

Gente di provincia: Renato Ponzini

Gente di provincia: Renato Ponzini
Ricevi gratis le news
0

di Stefano Rotta

COMPIANO - E'figlio della ghiaia, Renato Ponzini. Adesso è un po' uno show, la strada bianca al Giro d’Italia. Ma allora, per questo ciclista di Compiano, che ha fatto in tempo a correre con Bartali nel 1954, e con Coppi fino al 1959, di ghiaia erano le strade materne degli appennini liguri, e la strada per Parma su verso Berceto; niente fondovalle ancora. «Andavo verso il Bocco, era brullo ai tempi. Partenza, cinque del mattino, per trovare l’asfalto», racconta oggi, 79enne, come fosse un miraggio. Ponzini, nella sua casa di Compiano, sotto al castello, racconta la sua vita in sella: dai dilettanti al Giro d’Italia passando per la Vuelta; con la gente assiepata in attesa dell’Airone di Castellania, e il ciclismo come sport principe del Dopoguerra italiano. Passista veloce, Ponzini. E anche lucidissimo narratore di vicende ciclistiche, nel salotto di casa: il televisore acceso e 94esimo Giro d’Italia a basso volume. Sta ricordando una tappa in Calabria, nel 1954 (e qui sta al lettore immaginare la potenza cinematografica neorealista di questo ambiente), quando Slagter rovina a terra, e seguono attimi di concitazione. Risolti i quali, Ponzini salta su: «Bisogna saper scendere sullo sterrato, io ho imparato da piccolo, ci sono dei modi». E poi il fisico, lo stile di vita: «Mica tante balere. Bisogna far vita da corridore. Stare attenti». Racconta: «Sul Bocco, la mia strada preferita, almeno una volta la settimana, da dilettante, con Angelo Brignole, gregario di Bartali. Ma per gli allenamenti capitava anche di andare oltre, verso Busalla e Serravalle, i posti del Coppi». Il Coppi, appunto. Lui li chiama così, «il Coppi», «il Magni». Ci ha passato anni di vita, fra i venti e i trenta. «Che semplicità - dice del Campionissimo - una bella persona, terra a terra, Fausto Coppi». Bartali invece «brontolava sempre», ma era già al tramonto, quando nel 1954 Ginetto finiva e Ponzini cominciava. «Non era più Bartali», taglia corto. Nel 1956 a Bedonia Ponzini passa per primo, nella Rapallo Lecco, al traguardo volante sul colle San Marco, di fronte al nuovo Santuario. La folla è in visibilio. L’enfant du pais è in testa, solo, al comando. La strada è ancora sterrata fino a Borgonovo; Ponzini non vincerà al traguardo finale, ma i ragazzi del paese, come Claudio Mazzadi, che racconta l’episodio, ricorderanno sempre questa gioia effimera. C'era la maglia rosa da difendere, e mica far tante fughe epiche. La portarono fino al Bondone. Poi, lassù, avvenne l’apocalisse. 8 giugno 1956. «Abbiamo attaccato sul Costalunga, forai una gomma. Persi due minuti per cambiare il tubolare». Li avevano ancora a tracolla. «Non c'erano macchine, niente moto, ad aiutarci. Una sola ammiraglia, che se non eri fortunato, poteva anche passare molto tempo prima che arrivasse». Succede di tutto, in una delle più sferzanti bufere che la storia del ciclismo ricordi. Nella confusione generale, con distanze siderali fra i ciclisti, «un corridore, Vito Favero, si ritira, poi scopre che anche altri erano nei suoi stessi panni, viene lasciato a terra e riparte«. Non vinse, non arrivò in cima, semplicemente si ritirò una seconda volta. Racconta, Ponzini: «Fiorenzo Magni chiama il meccanico, la sua catena è troppo secca. L’uomo sbaglia, e la cannetta si incastra nei raggi, facendo danni. Tanto che mentre la cambiava, il Magni ci dava dei bei pugni in testa». Si ritirò anche Ponzini, come molti. «La discesa fu un calvario, con quei giubbini, mi congelarono le mani. Mi svegliai a bordo di un camioncino della Nestlè, in mezzo ai dolciumi. Non so come, ero svenuto. Mi hanno detto che stavo lì seduto su un muretto, ma io non ricordo nulla...». Ne sa una più del diavolo, sul Magni. Come una volta, in Liguria: a Ponzini venne una crisi di fame, «ci voleva la simpamina», sorride, e si lascia staccare dall’avversario dentro una galleria molto lunga. E il doping? «C'era la simpamina, appunto. Veniva molto usata, ti teneva sveglio, reattivo, ma con due pastiglie la notte non dormivi. E allora il giorno dopo te ne accorgevi, eccome, che mancava freschezza». I medici, poi, dice, «erano un po' dei praticoni». Sottolinea inoltre che non si era seguiti da dottori, «al massimo veniva qualcuno, amico di famiglia, per i fatti suoi». Partecipò anche alla Vuelta del 1958. Mai un Tour. Nel 1956, vinse però una classicissima Parigi-Nizza. Fra i ricordi di questa corsa, c'è l’analisi altimetrica di una tappa, tutta in pianura, e quindi affrontata con rapporti lunghi, duri. Una sola rampa, all’arrivo, con gente professionista salita a piedi, spingendo la bicicletta. E pure una coppa Bernocchi, l’anno precedente, che tiene gelosamente sulla credenza. E ovviamente le Milano San Remo, con una pericolosa caduta a Ovada, in discesa a 50 all’ora. Si spaccò la sella, e altri pezzi di bicicletta. Ci vogliono almeno cinque minuti, prima che arrivi un soccorso. Va avanti a raccontare, per filo e per segno, tutti gli avvicendamenti di quella giornata. Se li ricorda, come fosse accaduto ieri pomeriggio. E invece mezzo secolo, con Paese e un Giro del tutto cambiati, sta di mezzo. Qual è la più grande differenza fra oggi e allora? «L'assistenza», risponde. «Allora per una foratura perdevi una corsa». Finita la chiacchierata, Renato Ponzini tira fuori la sua ultima «compagna» a due ruote: una «Whistle» di tre anni fa, con cui pedala spesso verso il Bocco, oggi, con i suoi 79 anni ben portati. E nonostante il medico consigli il riposo, perché qualche acciacchino al cuore c'è, lui 2-3 mila chilometri all’anno li fa volentieri. Una volta, precisa, però, erano anche 20 mila. C'è un ultimo episodio, forse il più divertente, per dar l’idea delle corse del Dopoguerra. E’ il 1952, Ponzini è ancora dilettante, siamo in Puglia. Vennero sistemati in un dormitorio per bambini: letti a castello, e passi, ma davvero troppo corti per riposare. «Niente, andiamo a casa», risolse Ponzini. Fin quando, chiacchierando con un giornalista genovese, tale Giuseppe Rebora, gli venne offerta una stanza d’albergo: il suo. Memorie di quando la stampa navigava nel lusso, e gli sportivi negli stenti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

8commenti

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

tg parma

Ok al bilancio di Fondazione Cariparma e via libera al nuovo Cda Video

la segnalazione

"Il parcheggio dell'Ercole Negri pericolosamente al buio da troppo tempo"

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

1commento

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

correggio

Morì dopo l'arresto in caserma: fu colpito in una rissa per strada Video

Varese

L'omicidio di Lidia Macchi: ergastolo per Stefano Binda

SPORT

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

rugby

Bellini, alle Zebre annata da incorniciare Video

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone