17°

28°

Provincia-Emilia

Festa multiculturale, chiusura in bellezza

Festa multiculturale, chiusura in bellezza
Ricevi gratis le news
0

Gian Carlo Zanacca

Circa dodicimila personale hanno concluso in bellezza la Festa multiculturale, organizzata dalle associazioni di volontariato, dalle comunità migranti della provincia, con il sostegno di Ciac (Centro immigrazione, asilo e cittadinanza), Forum solidarietà (Centro Servizi per il volontariato), in collaborazione con Comune e Provincia. Il Parco Nevicati si è trasformato in un punto di aggregazione e di incontro per numerose etnie. E la cucina etnica ha rappresentato un polo di attrazione straordinario con specialità da tutto il mondo. Oltre 70 i volontari che ogni sera hanno collaborato per la riuscita della festa, distribuendo cibi e bevande ed occupandosi di ritirare i vassoi ai tavoli. Tra i volontari anche l’assessore provinciale alle politiche sociali Marcella Saccani. Il Parco Nevicati si è trasformato in un’oasi metropolitana, con migliaia di visitatori che hanno assistito a mostre fotografiche, video, spettacoli teatrali, concerti, presentazioni di libri, giochi per bambini. Temi di punta della quindicesima edizione sono stati l’Anno europeo del volontariato e la situazione nel Mediterraneo. Sessanta gli stand delle associazioni, 30 le comunità straniere, 30 gli espositori nello spazio commerciale. E un infopoint promosso da Forum Solidarietà proprio sull'anno europeo del volontariato. Tra i visitatori, anche i quattro tunisini giunti a Collecchio nei mesi scorsi come profughi: Saber Borasi di 20 anni, Mohamed Leemiry di 29 anni, Sikfari Adellah di 30 anni e Mohamed Yousfi di 20. Attualmente stanno seguendo un corso per imparare l'italiano, ma si esprimono meglio in francese. «Siamo rimasti molto colpiti - dice Mohamed - dal clima di solidarietà che si respirava in questa feste. Qui al Parco Nevicati ci è sembrato  di essere ritornati in Tunisia». Proprio nello stand dedicato alla promozione turistica della Tunisia molti giovani si sono radunati per cantare e ballare. «Siamo contenti, in queste giornate abbiamo incontrato molti nostri connazionali. I canti e i balli ci hanno riportato alle nostre tradizioni e alle famiglie che abbiamo lasciato». Sabato e domenica è proseguito il torneo di calcetto da strada per bambini. Sempre per loro giochi sul prato ed attività anche da parte di Minimondi. Nello spazio libri, particolarmente apprezzata la presentazione da parte di Pierluigi Sullo  del suo volume «Il calendario della fine del mondo». 
Sabato sera i balli etnici del concerto «Danzando sul mondo con India, Grecia, Rwanda, Etiopia e Senegal» sono stati un motivo di allegria. Domenica la compagnia «Tuttoattaccato» ha messo in scena «Per un pezzo di luna», mentre l’associazione «Le Giraffe» ha presentato il video: «Montagna ribelle. L’assalto e altre pagine». La festa si è chiusa con un concerto di pizziche e tarate, una conclusione in bellezza di tutta la manifestazione. Palese la soddisfazione degli organizzatori. Ha detto Rosanna Pippa di Forum Solidarietà: abbiamo fatto conoscere le ricchezze di ogni cultura ed etnia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

ITALIA/MONDO

SPORT

SOCIETA'

MOTORI