15°

26°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Enzo Bernabò

Gente di provincia - Enzo Bernabò
Ricevi gratis le news
0

Stefano Rotta

Non le conti più le notti con la faccia per terra, e l’odore delle scimmie addosso, andando a piedi da Cavignaga in Germania, in Scandinavia, in Russia. Da Porcigatone, da Pursy, dalla Valle Noveglia. Da Strela e Caboara. Con i cammelli, gli orsi ammaestrati conquistati al mercato dei Pirenei, e qualche figliolo sveglio: è l’epopea degli Orsanti, nel Settecento, Ottocento, fino – circa – alla prima Guerra Mondiale. 
Al mondo non c’è più nessuno di questi eroi appenninici, partiti senza data né meta precisa, dialetto in bocca e scimmia in spalla: ma esistono i nipoti, con le favole nei cassoni; così chiusi, e remoti, da aver paura a riaprirli se passa un curioso. Figurarsi un giornalista. Teatrini, tacabanda, l’orso che balla per i bambini della bella società ai tempi della «Belle Epoque»: non è una piaga come l’emigrazione italiana di montagna, che narra di pance bucate e famiglie spezzate. «Quello degli orsanti era un mestiere – spiega Giuliano Mortali, studioso locale, autore di varie pubblicazioni di interesse storico  –: qualcuno fece fortuna, altri lavorarono con soddisfazione economica. Non straccivendoli, o zingari. Ma professionisti ante litteram dell’intrattenimento, nelle città mitteleuropee e nei palazzi del potere a Est». Si dice anche di storie senza tempo, uomini coraggiosissimi con traversate selvatiche sulle spalle, loro e il loro circo: una volta arrivati alle corti degli Zar, via tutto. Si vende al magnate. Si monetizza il sogno. E si torna al paese, se non da imperatori, almeno da sfamati a vita. 
Uno zio di Enzo Bernabò - Enzo è l'uomo che racconta questa storia - si chiamava Antonio. Classe 1844, visse fino al 1926. Per tutti era Bin, chissà perché. Aveva una piccola vigna, dalle parti di Cavignaga. E una lunga barba bianca. Non sappiamo nemmeno che idea avesse di quei posti, del mondo e della politica: ma, è certo, andò – sempre camminando – nelle odierne Austria, Germania, Romania e Polonia. Fin quasi al confine con la Russia. 
«Con lui c’era una signora, piccolina, di Odessa. Era padrona di questa specie di circo, lo dirigeva. Tagliavano le unghie dell’orso appena rinforzavano, per sicurezza. Tornò a casa nel 1919. Non sappiamo quand’era partito». 
Si sa però che a un certo momento è venuto a casa, come tutti, per portare «il grano» ai familiari. Nel frattempo – miracoli di gente d’altri tempi – s’è messo pure a costruire una casa con le sue mani, aiutato forse dalle giovani maestranze, e ci ha messo dentro un’osteria. Che non ha mai chiuso, ci si può andare ancor oggi (certo, è cambiata): si trova lungo la strada che da Bedonia porta a Bardi, proprio all’ingresso del paese di Cavignaga. Le cose vanno bene, ma lui riparte. Ancora quel mondo di poche certezze chiamato «estero» o «lestero», conosciuto solo dagli storici come «Impero Austro-Ungarico». 
Enzo ha nella testa tutto l’albero genealogico della famiglia. Cerca una definizione esistenziale per gli orsanti. Sta in silenzio un minuto, forse più. Poi, ad alta voce: «Avevano una forza interna, l’istinto di andare. Erano avventurieri». Partivano con carte geografiche gigantesche in tela, e chissà com’erano scritti i nomi dei posti, in che lingua, e come le strade, le città, i fiumi. Ci si capiva a gesti, fiutandosi. Girando con orsi, cammelli, pappagalli e tacabanda. «E’ cambiato il clima, c’erano orsi un po’ ovunque in Europa», racconta ancora Enzo. Qualcuno è partito da qui ed è finito in Crimea con le bestie. 
Al bar trattoria dei Bernabò si racconta, oltreché degli avventurieri «buoni», dei «battibirba», nome romantico grazie ai secoli, ma di fatto gentaglia. Potevano chiedere monete per gli ammalati, tenendosele, truffando il buon cuore degli sconosciuti. Oppure sfruttando l’allora diffusissima superstizione, se ne andavano in lande depresse dove altro non erano che forestieri, per istillare il dubbio del malocchio, e toglierlo poi a furia di donazioni. Quando in Appennino non c’era da mangiare per tutti, e qualche anima poco pia se ne partiva di là delle Alpi come una Wanna Marchi pre-televisiva, non restava che inventarsi lo stipendio, e garantirselo con l’impunità dello zingaro senzapatria. 
Sulle storie degli orsanti si sono cimentati alcuni autori locali, fra questi Arturo Curà, parmigiano, classe 1940, oggi residente a Bedonia. Scrive, in «Orsanti», pubblicato da Silva editore: «Si strinsero la mano. Di bello questa gente aveva la capacità di conoscersi al primo fiuto, annusandosi come cani. Il sentirsi diversi dagli altri li univa fino a considerarsi padri e figli e fratelli, liberi sulle strade, speciali viandanti smemorati e fieri sotto le lune d’Europa». Andare, fare, sopravvivere. Portar di qua, poi via di nuovo. «L’istinto di andare», lo chiama il vecchio Bernabò. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Cooperativa Molinetto

Un viaggio in Islanda per coronare un sogno

Intervista

Franconi Lee: «Tosca al Regio come un thriller di Hitchcock»

SALSO

Elezioni, spunta una nuova lista civica: Salso Futura

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

Busseto

Rapina alla Banca popolare di Lodi, due condannati

via zanardelli

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

8commenti

FATTO DEL GIORNO

Strattonano un'anziana, la fanno cadere e la rapinano alla fermata del bus

2commenti

PARMA

Un logo per la Barilla, concorso al Toschi: ecco le studentesse premiate Foto

Un concorso per premiare i dipendenti con 25 anni di anzianità in azienda

polizia

Aggressione nella notte in via D'Azeglio

1commento

segnalazione

San Leonardo, bossoli di arma da fuoco sul marciapiede

3commenti

POLIZIA MUNICIPALE

Sequestrate 120 paia di scarpe e giubbotti contraffatti. Video: ecco come scoprire i falsi

Denunciati due senegalesi

1commento

carabinieri

Colpì il giardiniere a badilate: arrestato commerciante di Langhirano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

Genova

Cinque Terre, misteriosa macchia bianca in mare

TRAFFICO

Camion si ribalta in tangenziale a Milano, tondini sulla carreggiata: 5 feriti, traffico bloccato

SPORT

MOTOGP

Austin: Iannone il più veloce. Quarto Rossi

RUGBY

I giocatori delle Zebre allenano i piccoli giocatori Foto

SOCIETA'

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

FOTOGRAFIA

Figure contro, la fotografia della differenza: mostra allo Csac Foto

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia