20°

Provincia-Emilia

La pineta del futuro? Forse sarà una querceta

La pineta del futuro? Forse sarà una querceta
Ricevi gratis le news
0

LANGHIRANO
Giulia Coruzzi
La piantò un sacerdote, don Zenoni, più di 50 anni fa con l’obiettivo di realizzare nel tempo un humus perfetto per l’agricoltura. Oggi la pineta di Cozzano è molto di più: è un luogo al quale la gente si è affezionata, è un punto delicato su cui convergono le speranze e i progetti delle amministrazioni e di diversi enti, è uno spazio destinato a trasformarsi. Ma è soprattutto una questione su cui tanti si interrogano e pretendono risposte. Si è cercato di darle nelle scorse sere al bar La Perla, dove il sindaco di Langhirano Stefano Bovis, Maurizio Netto del Consorzio di Bonifica parmense e Federica Frattini della Comunità montana hanno illustrato gli ultimi interventi sostenuti in pineta e hanno prospettato scenari futuri.
Sfruttare i finanziamenti
Il tentativo è da sempre quello di sfruttare al massimo i finanziamenti, specie quelli regionali, per fare, a stralci, il possibile per rendere sicura e fruibile questa zona tanto cara a residenti e villeggianti. «Le leggi parlano chiaro: la sicurezza è imprescindibile - ha spiegato Bovis -. La legge sul rischio degli incendi boschivi ci ha permesso di ottenere aiuti per ripristinare le linee tagliafuoco, ossia quelle vie di accesso e fuga utili ai mezzi di soccorso in caso di incendio. Fino a poco tempo fa erano impraticabili».
Natura «artificiale»
L’ambiente pineta, che pare estremamente «naturale», è in realtà del tutto artificiale, nel senso che la maggior parte delle piante presenti non è autoctona: pini neri, larici, abeti rossi arrivano per lo più dall’Austria. E questo ha avuto non poche conseguenze. «Queste specie soffrono il nostro clima, i tronchi si spaccano, il rischio incendi aumenta - ha illustrato Federica Frattini -. Il nostro scopo è quello di rinfoltire il bosco con specie autoctone, andando pian piano a eliminare le piante malate o in cattive condizioni. Intendiamo rispettare il ciclo naturale della pineta: se tra 70 anni non sarà più una “pineta” ma una «querceta”, ad esempio, sarà per un discorso ecologico, di rispetto delle varietà locali».
Gli interventi
Gli interventi che hanno consentito alla pineta di «rinascere» negli ultimi anni sono iniziati nel 2004 e sono stati ultimati nel 2010 per un totale di 500 mila euro di investimenti a carico di Regione Emilia Romagna, Comune di Langhirano, Comunità montana e Consorzio di Bonifica parmense. Smantellare la vecchia seggiovia, diradare alcuni tratti di bosco per favorire la rinnovazione naturale, sistemare i sentieri, ripristinare le vie d’accesso sul versante nord sono stati alcuni dei lavori portati a termine. Al Consorzio di Bonifica parmense, in particolare, è spettato il compito di recuperare le briglie storiche del Valscura. E il futuro? Un bosco più vero, più autentico. «Abbiamo presentato progetti per garantire maggior sicurezza e maggior fruibilità, in particolare per collocare attrezzature in pineta - ha sottolineato Bovis -. Attendiamo di sapere se arriveranno i fondi». Molte le voci tra il pubblico che si sono alzate per chiedere: «Perché non piantare altri pini?». Ma la risposta è stata del tutto «naturale»: «Perché non è il loro habitat: dal punto di vista ecologico sarebbe una scelta sbagliata» ha concluso Federica Frattini. E un ultimo invito è giunto dal primo cittadino: «La pineta è dei privati proprietari del terreno che la ospita: si riuniscano in un unico Consorzio forestale per avere maggior voce in capitolo».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Auto sbanda, code in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

1commento

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

MONTE SERRA

Incendio nel Pisano: 700 sfollati, in azione i Canadair. "Scenario apocalittico" Foto

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

SPORT

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel