13°

28°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Ferdinando Longinotti

Gente di provincia - Ferdinando Longinotti
Ricevi gratis le news
0
Stefano Rotta
E'curioso che un montanaro appenninico del 1932 come Ferdinando Longinotti, pensando ai vecchi cicli di pascolo, dica: «E' cambiato il clima. Allora era ben più caldo». 
Siamo nel campo delle impressioni, certo, ma sono sensazioni di chi la montagna l’ha vissuta sempre. Anche negli anni Quaranta, quando saltavano le teste per le lotte fra partigiani e nazisti. Questo Mauro Corona delle nostre montagne, lui come ce n'erano tantissimi una volta, è un uomo della vecchia guardia: di quelli che non hanno vissuto sopra le montagne, ma con le montagne.
«A dodici anni, nel '44, qui a Pianazzo è stato bruciato tutto. Anche le mucche che non hanno fatto in tempo a scappare», racconta Longinotti, con la sua canottiera bianca, in giorno di fine estate, caldissimo anche a 828 metri di quota. I suoi ricordi preferiti, però, parlano di pastorizia. «Si portavano gli animali su in montagna, e di sera giù, in stalla, nei casoni. A Pianazzo eravamo in cento, adesso in sei. Noi vecchi siamo morti quasi tutti, i giovani se ne sono andati via per lavorare», riassume così, in una manciata di parole, il fenomeno di forte spopolamento che nell’ultimo secolo ha interessato la montagna italiana, e in particolare queste lande appenniniche, fra Emilia e Liguria. Una vita a fare il contadino, dopo le scuole elementari. Andava a far legna sul monte Zuccone. «Si tagliava la legna, si faceva a fascine - ricorda - e poi lo si portava a spalle per i sentieri». 
Come con i fasci di fieno, gli stessi che divennero simbolo della nascente dittatura fra le due guerre. Gli hanno ammazzato due parenti in guerra: Francesco ed Ernesto Longinotti, fratelli fra di loro, cugini della mamma. Il padre, invece, si salvò, essendo un lavoratore della centrale elettrica della zona. Al suo vicino di casa, Domenico Longinotti, hanno invece fucilato il padre. Loro, i bambini, in quei tempi di sparatorie dovevano nascondersi tra prati e rovi. Comincia a tessere i ricordi e salta fuori la terrificante domenica 16 luglio 1944. 
«Hanno preso gli uomini che hanno trovato e li hanno fucilati», dice, pensando a quelle ore di tensione per la presenza in quota degli uomini di Hitler. Periodi di odi e di rappresaglie. Che a qualcuno sono toccati come ultime ore di vita, per altri invece è stato solo l’antipasto, la fanciullezza; l’inizio.
 «Mi sembra di vederli», va avanti. Quando poi racconta di quando hanno bruciato le stalle, è quasi un viaggio nel tempo, seduti su un legno nelle viuzze senza asfalto di Pianazzo. E', questo bellissimo e raccolto borghetto, una frazione di Santa Maria del Taro, su per una stradina ritorta verso i monti liguri. Si sentono le voci nel pomeriggio, ma poi è il silenzio totale. Lo stesso che incornicia le parole di questo montanaro, intento a recuperare brandelli di memorie intorno ai fatti del 1944. Ve ne furono due, particolarmente crudi, da queste parti, che l’uomo visse in tenera età. Il primo l’11 luglio 1944, quando i militari tedeschi mieterono quattro vittime civili: Giovanni Longinotti (Tornolo, 51 anni), Bartolomeo De Vincenzi (Tornolo, 44 anni), Angelo Serventi (Tornolo, 57 anni), Antonio Serventi (Tornolo, 47 anni). Il 16 luglio, qualche giorno dopo, fu il tragico turno di Primo Ilari (Tornolo, 17 anni), Sante Ilari (Tornolo, 50 anni), Antonio Longinotti (Tornolo, 58 anni), Ernerto Longinotti (Tornolo, 54 anni), Francesco Longinotti (Tornolo, 56 anni), Bartolomeo Lusardi (Tornolo, 58 anni), Berto Lusardi (Tornolo, 58 anni). Fu quello il giorno in cui altri sette civili vennero prelevati e fucilati, chi sul posto, chi trascinato nel bosco vicino. Vennero depredati anche di scarpe, fedi nuziali, orologi e pochi denari. Come riporta Ferruccio Ferrari, «Al piano scenderem per la battaglia...», (Parma 1986), «in quei giorni terribili, bruciarono le canoniche di Scurtabò e Cassego, l’albergo del Bocco e la canonica di Streppeto. Bruciò la frazione di Bruschi di Sotto al completo». 
«D’inverno senza televisione si stava in casa, si giocava a carte, correvano ancora i racconti della prima guerra mondiale. D’ottobre c'erano le arroste». Parla dei marroni al fuoco, tradizione larghissima in Italia, ma qui ben radicata, vista la presenza fittissima di castagni. «Si facevano anche quindici quintali di farina di castagne per famiglia, per affrontare i mesi freddi. Non c'erano negozi. Si lavorava per produrre da mangiare, per vivere».  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno