10°

23°

Provincia-Emilia

Da Rovigo le proposte al nuovo governo per rendere meglio navigabile il Po

Da Rovigo le proposte al nuovo governo per rendere meglio navigabile il Po
Ricevi gratis le news
0

I territori interessati dall’Idrovia Padana si preparano ad elaborare un documento congiunto da presentare al neo-ministro delle Infrastrutture e dei trasporti e dello sviluppo economico Corrado Passera. Occorre una figura di coordinamento a livello nazionale per ottimizzare i mezzi finanziari disponibili per lanciare in modo concreto il trasporto fluvio-marittimo e le vie navigabili.
È quanto emerso dall’incontro programmatico promosso dall’Unione Navigazione Interna (Uni) e dal Consvipo - Consorzio per lo Sviluppo del Polesine -  tenutosi a Rovigo sabato 18 novembre,  proprio nella sede di quell’Interporto che rappresenta un nodo strategico dell’idrovia.
Erano rappresentati i territori  di Mantova, di Cremona, di Parma,  di Ferrara,  le Regioni Lombardia e Veneto, le associazioni di categoria dei territori interessati.
L'evento è stato dedicato alla Promozione delle vie navigabili e il loro impatto sulla logistica e sul sistema industriale del nord che ha permesso alle istituzioni e agli enti rappresentativi in tema di trasporto idroviario di evidenziare le intenzioni, le linee di azione, le volontà e gli impegni di ciascuno.

«Ottimizzare i mezzi finanziari disponibili per lanciare in modo concreto il trasporto fluvio-marittimo e le vie navigabili? - è stato detto -. Ce lo chiede l’Europa e ce lo chiede il mondo dell’impresa, che ha bisogno di puntare su strategie in grado di garantire maggiore competitività». Al neo-ministro Corrado Passera non spetta un compito facile: tra le tante richieste e sollecitazioni che provengono dal mondo dei trasporti e dell’impresa si troverà davanti anche quelle avanzate dalle regioni del nord Italia attraversate dall’idrovia padana, una infrastruttura straordinaria, con enormi potenzialità non ancora pienamente espresse.
Dal convegno è emersa la volontà condivisa di agire, e in fretta: occorre destinare risorse ingenti per qualificare e rendere attiva in modo massiccio e costante una infrastruttura che esiste, ma che ha bisogno di fare quel salto di qualità necessario a renderla competitiva, a farla percepire, a livello locale, nazionale ed europeo come una soluzione vera e concreta in ambito di trasporto e di logistica.

«Secondo il Libro Bianco Europeo - dice Elicio Salardi a nome dell’assessore alla Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo - entro il 2030 il 30% del trasporto di merci su gomma dovrebbe passare ad altri modi per arrivare al 50% entro il 2050. Un impegno consistente considerando che degli oltre 400 milioni di tonnellate di merci che si muovono ogni anno in Lombardia, solo 1 milione all’anno utilizza le reti idroviarie».

Oggi il canale navigabile Cremona -  Mantova - Rovigo - mare, ha un percorso di circa 280 chilometri parallelo al Po ed attraversa il territorio delle province di Cremona, Mantova, Verona e Rovigo dove è collocato un porto intermodale in grado di accogliere le navi fluvio-marittime.
Il trasporto fluviale è già disponibile per servire il mercato della pianura padana, con un totale di merci trasportate dal 2003 al 2008 di 2.000.000 tonn. annue a cui corrispondono oltre 70.000 TIR  tolti dalle arterie stradali. Una modalità che può e deve essere adeguatamente sfruttata, così come viene fatto in Europa.
L’Unione Europea ci crede e lo dimostra mettendo a disposizione un contributo finanziario del 50% per l’azione progettuale necessaria a far fare all’idrovia quel salto di qualità; azione che prevede tra le altre cose l’adeguamento del canale navigabile Cremona - Mantova - mare alla classe V europea, interventi sul corso libero del fiume Po per renderlo navigabile 320/340 giorni all’anno (contro i 200/240 attuali); ristrutturazione di Porto Levante, terminal situato a Porto Viro, sull'ultima parte navigabile della foce del Po di Levante, crocevia fra il fiume Po e il mare Adriatico.
Con tutto ciò e con una forte intermodalità tra strada, ferrovia e acqua, il sistema di navigazione interna padano veneto potrebbe diventare perno straordinario di sviluppo.

E l’alto Adriatico potrebbe diventare base logistica di rilievo europeo, se si riuscisse a trasferire qui il traffico merci che ora fa riferimento al Nord Africa, dove si trovano porti sempre più competitivi per le tariffe vantaggiose e per la posizione geografica strategica.

«Per fare questo è necessario realizzare la banchina off shore al largo dell’Adriatico che - dice Angelo Zanellato, presidente del Consorzio per lo Sviluppo del Polesine - si deve assolutamente fare, a questo punto non ha importanza in quale punto, l’importante è condividere una scelta e portarla avanti, senza campanilismi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

A Fidenza i party cult Foto

PGN FESTE

A Fidenza i party cult Foto: ecco chi c'era 

Grande Fratello, soddisfazione a Canale 5: "Esordio da incorniciare"

TELEVISIONE

Grande Fratello, Canale 5: "Esordio da incorniciare" Foto: la casa

Yanchen Gar  2 -  Filippo Chiesa

ARTE

"Yarchen Gar", il corto di Filippo Chiesa premiato a Los Angeles

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Parco del Dono, abitanti contro migranti

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

13commenti

DISASTRO COLPOSO

Alluvione, chiesto il rinvio a giudizio di Pizzarotti

10commenti

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

mezzani

Rems più sicura: dopo la fuga di Solomon saranno alzate le recinzioni

1commento

SERIE B

Parma: stop anche per Dezi

2commenti

Varese Ligure

Comune vs parroco: la "guerra" di don Sandro, podista per protesta

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

Sala

Colpi a raffica: rubati soldi, gioielli e una banana

droga

Cocaina per oltre 1500 euro nascosta nelle scarpe: arrestato un 23enne

9commenti

PROSCIUTTO

Inchiesta sulle Dop, sospesi i certificatori. Il Consorzio: "Produttori parte lesa"

Decisione del ministero: stop per 6 mesi e impegno a correzioni

2commenti

FINANZA

Maxi frode dei malati immaginari, ecco tutti i nomi e le accuse Video

11commenti

sorbolo

Incastrato per il furto al bar. Ma nello zaino aveva anche altri bottini: di chi sono?

arresto

Ubriaco, danneggia sei auto parcheggiate e poi si scaglia contro i carabinieri

4commenti

tg parma

Sergio Romano al Collegio Europeo: "In Siria vittoria russa" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Guerre, sete, matrimoni e calci di rigore

di Michele Brambilla

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

ITALIA/MONDO

LUCCA

Minacce e offese al professore: indagati 3 minorenni Il video

2commenti

INGV

Terremoto: lieve scossa a Reggio Emilia

SPORT

Calcio

E Simy fa Ronaldo

MOTOMONDIALE

Gp delle Americhe: Marquez e Rossi verso il prossimo round?

SOCIETA'

SALUTE

Dall'analisi del sangue la diagnosi precoce per il tumore al polmone

l'intervista

Isabella Rossellini: "Io stuprata, ma è tardi per denunciare"

1commento

MOTORI

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti

AUTO

Scaduto l’obbligo di pneumatici invernali: è ora del cambio stagionale