14°

27°

Provincia-Emilia

Parchi regionali: rivoluzione in vista

Parchi regionali: rivoluzione in vista
Ricevi gratis le news
2

Beatrice Minozzi
Fare rete, razionalizzare le spese e realizzare una più efficace promozione territoriale: sono solo alcuni dei principi alla base del progetto di legge sulla «Riorganizzazione del sistema regionale delle aree protette e dei siti della rete Natura 2000», approvato il 14 novembre scorso dalla giunta regionale. Una riorganizzazione che riguarda i parchi regionali, ma anche le riserve naturali, le zone Sic e Zps e le aree di riequilibrio ecologico e che si è resa necessaria anche per rispondere alle disposizioni del decreto «Milleproroghe», che fissa nel 31 dicembre 2011 la data del pensionamento dei consorzi di gestione dei parchi regionali. Perché l’iter approvativo della legge sia completo, mancano ancora il passaggio alla Commissione Ambiente e la definitiva approvazione dell’assemblea legislativa regionale.
C’è ancora spazio per alcune modifiche, e tutti i soggetti interessati da questa riforma sono al lavoro per stilare alcuni emendamenti, che verranno discussi oggi, quando è prevista la prima udienza conoscitiva della Commissione Ambiente. Ma cosa potrebbe cambiare se il progetto di legge fosse confermato così com’è? Dal primo gennaio 2012 potrebbe cambiare la forma istituzionale di gestione dei Parchi. La Regione ha suddiviso il proprio territorio in cinque «macroaree per i parchi e la biodiversità», e la provincia di Parma rientrerà nella macroarea dell’Emilia Occidentale insieme alla provincia di Piacenza e ad alcune aree rivierasche del Po della provincia di Reggio Emilia. A questa macroarea faranno capo quattro parchi della provincia di Parma: Cento laghi, Taro, Boschi di Carrega e Stirone, ed uno della provincia di Piacenza, il Parco del Trebbia. Ad essi si aggiungeranno, dal 1° gennaio 2013, anche le riserve naturali e gli altri siti della rete Natura 2000.
Per ogni parco verrà istituita una «Comunità del Parco», composta dai sindaci dei comuni il cui territorio rientra nel parco o dai loro assessori delegati, ma anche dai sindaci o dagli assessori dei comuni che partecipano attraverso il conferimento di risorse. Tra le prerogative della Comunità rientrano la determinazione degli introiti derivanti dalle attività riferite al parco stesso, ma soprattutto la nomina di un rappresentante in seno al comitato esecutivo, l’organo di governo sul quale ricade gran parte del potere decisionale e che rappresenta l’intera macroarea. Il comitato esecutivo, composto dai rappresentanti delle diverse Comunità e dai presidenti delle Province, o dai loro assessori delegati, nominerà un presidente, approverà il regolamento della macroarea e il bilancio e nominerà i componenti delle Consulte. Sempre se la legge sarà approvata, dunque, nei singoli parchi non esisteranno più le figure di direttori e presidenti. A promuovere gli accordi tra l’ente di gestione e gli enti locali ci penserà il Comitato per la promozione della macroarea, mentre per quanto riguarda la gestione prettamente tecnica, per ogni macroarea verrà nominato un direttore. La Regione, infine, si riserva funzioni di indirizzo controllo e coordinamento. Nel progetto di legge figurano poi altre quattro macroaree, ovvero Emilia Centrale, Emilia Orientale, Delta del Po e Romagna, ma anche l’istituzione del Parco Regionale dello Stirone e del Piacenziano, che unisce il Parco dello Stirone alla riserva naturale geologica del Piacenziano, che si trova in provincia di Piacenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giampietro Accini

    02 Dicembre @ 23.02

    Sono un agricoltore in pre parco dei Boschi di Carrega ,anticamente i Boschi erano gestiti da privati ed erano un'eccellenza della zona. Ora regione ,provincia, comuni consorziati non hanno soldi. Non sarebbe l'ora che tornino ai privati che rilancino il turismo,enogastronomia.... ,insomma creino lavoro ,prima che i cinghiali invadano Parma ? Chi ama questo territorio mi aiuti a salvarlo!

    Rispondi

  • gian luca ceccherini

    29 Novembre @ 01.28

    egregi sig. dovete sapere che non consco come vengono gestiti i parchi ma consco come è gestito il parco boschi di carrega , qui ci sono cresciuto e vi posso dire che è tenuto da cani in oltre sono state fatte cose non molto regolari posso anche elencarle una fra le piu' eclatanti è il preparco che è piu grosso del parco. senza pero' chiedere ai proprietari terrieri il consenso questo è giusto secondo voi che paghino le tasse e non sono piu' padroni a casa loro e il disastro di giugno-il famoso mesociclone se avessero fatto pulire i canali ai proprietari non succedeva giusto pero no ce la biodiversita con morto.speriamo che questa volta cambi sul serio tutta la gestione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Avicii - Best moments live

MUSICA

Avicii, best moments live: i concerti più belli del dj svedese Video

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

serie tv

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

Star Smallville incriminata per traffico sessuale

televisione

Star di "Smallville" incriminata per traffico sessuale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Parma, tanto cuore per tornare al secondo posto. E lunedì tocca al Frosinone Risultati e classifica

2-1 al Carpi

Parma, tanto cuore per tornare al secondo posto. E lunedì tocca al Frosinone Risultati e classifica

"Vittoria incerottata e sofferta: 3 punti findamentali", Videocommento di Grossi - Barillà: "Vitoria dedicata a Lucarelli e Munari" Video

5commenti

serie b

D'Aversa: "Restiamo con i piedi per terra" Video

polizia

Il market dello spaccio? Installato nel greto della Parma. Cinque in manette Video

In tutto 13 arresti e oltre 65 chili di droga sequestrati

5commenti

scomparso

San Secondo, da 24 ore non si hanno notizie di Claudio. Chi l'ha visto?

Ospreys 37-14

Le Zebre chiudono (in casa) con una vittoria

incidente

Mezzano superiore, finisce con l'auto nel fossato: ferito un 65enne

felino

Parcheggiava con un permesso disabili falso intestato a un morto

3commenti

gazzareporter

Bici "parcheggiata" in via Marchesi

arte

Dondi protagonista al Fuorisalone di Milano

dopo il maltempo

Sicurezza del territorio: 62 interventi finanziati dalla Regione, da Colorno all'Appennino

carabinieri

Sborsa 30mila euro per una Porsche usata ma è una truffa: tre denunciati

1commento

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

4commenti

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

5commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Intese difficili. La prossima settimana è decisiva

di Domenico Cacopardo

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

India

Scatta la pena di morte per chi stupra le bambine

La Spezia

Rifacimento di piazza Verdi: due arresti per tangenti

SPORT

MOTOMONDIALE

Gp Americhe, terze libere: Marquez miglior tempo

GAZZAFUN

Parma-Carpi 2-1: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

Gran Bretagna

Star e colpi di cannone per il compleanno di Elisabetta

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia