17°

27°

Provincia-Emilia

Gente di provincia - Azelio Ubaldi

Gente di provincia - Azelio Ubaldi
Ricevi gratis le news
0

 Stefano Rotta

La vita gli ha scolpito la Resistenza nel destino, lui è andato avanti una vita scolpire cippi e steli per partigiani e caduti in guerra. 
Azelio Ubaldi e Laura Galloni, marito e moglie da sempre: l’uomo scalpella, la donna scrive poesie e filastrocche.
 Tutto nasce l’8 aprile del 1945, «che fretta di sposarsi», ricorda Ubaldi, «che fretta». Può succedere di tutto in quei frangenti bellici: che arrivino altri soldati, che si muoia, che ci si perda per la precarietà delle esistenze. Quindi corsa dal prete a dir convinti il sì della vita.
 «Gioventù serena com’era di moda allora», annota in un foglio manoscritto. 
 Nato alle Rossine di Reno,  località di Tizzano, terzultimo di sei fratelli, quattro femmine e un maschio. «C’era una roccia rossa e ci costruirono sopra una casa». Bimbo di quota. Impara presto a campare e far cantare le mani. Azelio, nome antico, custodisce memorie sepolte. Non ricordi ma cose. Semplici oggetti che oggi diffondono magia nell’aria. Il «ringol», per esempio, chi sa ancora cos’è? Lui lo suona, ogni tanto, per tenersi compagnia. Era, allora, un richiamo per i fedeli nei giorni di campane ferme: «da giovedì sera al sabato dopo pranzo», ricorda, per tradizione. Fa un gran rumore, ma è legno, quindi incanta. Difficilissimo spiegare come funziona, andrebbe visto. E rimesso in moto. Dà gioie fanciullesche.
 A sedici anni  scolpì la cifra – da brivido – «1939» su una pietra, tutt’ora sovrasta la porta di casa. Venne il tempo della barba, servizio militare duro, Alpino, e chiamata della Patria. Era, ai tempi, carabiniere. 
«Tanta fame e tante amicizie, fra Genova e Roma», rammenta. L’8 settembre lui lo chiama «capovolgimento della Nazione», il 1943 merita il sonoro «memorabile». Dice: «C’era da scegliere: Repubblica di Salò o disertore. Aderii alla lotta partigiana». Brigata Giustizia e Libertà. «Eravamo comandati da “Urano”, Giovanni Mezzadri. Come caposquadra del distaccamento Appennino presi parte alla battaglia di Lesignano e all’incontro cruciale coi tedeschi al Giarreto di Guastalla. 
 In novembre  i nazisti rastrellarono sul Caio, la Quarta Brigata si sciolse». In inverno si formò la Terza Brigata Julia.  «Come partigiano il 25 aprile 1945 andai a occupare la caserma dei carabinieri di Parma, in via Massimo D’Azeglio». Ancora una volta, vien scontato dire «nome omen». Anche Ubaldi, come altri, dice, «non sto a raccontarle i fatti della guerriglia, prima di me altri hanno detto tanto». Forse è un modo per non costringersi a ricordare. Copione crudele e fascinoso per tanti: finisce la guerra, si lavora la terra. Contadino, ma anche, alla bisogna, fabbro, calzolaio, muratore. 
Comincia  a dar forma a pietre per non dimenticare (l’eternità è importante per chi la vita l’ha lasciata qui a vent’anni) gli amici partigiani caduti in battaglia. Tocchi di montagna posti in luoghi solinghi per vincere, se non la morte, almeno l’oblio. Ha vendicato il primo luglio 1944 dando vita all’arenaria, non ammazzando gente. Se le steli fossero stelle, quelle strade sarebbero un firmamento di cippi. Tantissimi i suoi. 
Prima opera importante,  la tomba del comandante partigiano Paolo il Danese, a Traversetolo. Sono pure di Azelio Ubaldi, alcuni fra gli esempi, il cippo di Magrignano appena sotto la Pieve di Sasso; quello di Scurano, tra Ariolla e Mercato; e Mulazzano Ponte, memoria di un partigiano vittima della battaglia delle Olive. Sempre firmati Ubaldi la targa all’ingresso del Municipio di Neviano, e il monumento ai caduti di tutte le guerre in frazione Mozzano: località falcidiata dalle rappresaglie in camicia bruna. Recentemente, lo scalpellino, oliando di gomito, ha dedicato un’opera ai compaesani, con un monumento ai caduti di Antreola. 
 Non solo guerra,  ma anche soggetti civili: come lo stemma del comune di Tizzano, la pietra sta sul municipio. E altre chicche: come la datazione «1947» del campanile della Pieve di Sasso, e tre stemmi giubilari, con cinque colombe. La sua firma è sempre piccola, dietro, nascosta. Vale anche per il capolavoro: il monumento al cuore della mamma, inaugurato l’8 marzo 1993 dal prete che l’ha ideato, don Armando Schianchi. Vi fu una grande partecipazione di folla, con le autorità e la benedizione del Vicario Generale, monsignor Franco Grisenti. Sono due steli con colombe, vista valli, con panchine per il pic-nic, il riposo e la riflessione.
 La moglie Laura  scrive canzoni che cominciano così «Che bella tavolata/ anche se alcuni assenti /in noi sono presenti», e lo assiste in ogni passo. Le altre poesie si ispirano a Carducci e Pascoli. Gli anni di matrimonio sono 66. Si vive, in un angolo di Appennino, fra la vecchia madia in castagno per fare il pane e il nuovo televisore. Sopportando insieme quel che la vita continua a dare. Si fa, in un certo qual modo, resistenza alla morte, amandosi.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

1commento

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Teatro

Cevoli: «Il mio Rossini? Un mattacchione»

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

tar

(Chiusura) Open shop di via Bixio, Comune condannato al risarcimento

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: uno è morto

REGGIO EMILIA

Bidello di un asilo accusato di violenza su un bimbo di 4 anni

SPORT

USA

Giovane promessa del golf trovata morta sul campo in Iowa

SERIE A

La Spal stende l'Atalanta con la doppietta dell'ex Petagna

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design