18°

28°

Provincia-Emilia

Sasso: il Museo della Resistenza chiuso al pubblico e "abbandonato"

Sasso: il Museo della Resistenza chiuso al pubblico e "abbandonato"
Ricevi gratis le news
1

Elio Grossi


La nuova sede del Museo storico della Resistenza di Sasso di Neviano sembra abbandonata. E' sparito anche il foglietto, che era attaccato al vetro della porta d'ingresso, con il numero telefonico da chiamare per avere informazioni sugli orari di visita. I turisti, che arrivano al museo, si trovano così spaesati. All'esterno dell'edificio sta cadendo a pezzi la targa con la scritta «07.44», che ricorda la data del rastrellamento nazifascista.
Per alcuni anni la raccolta storica e documentale, con una nuova classificazione, dei tragici avvenimenti del rastrellamento del 1 e 2 luglio '44, era aperta il pomeriggio della prima domenica di ogni mese, con una guida gratuita.
Poi il servizio è stato sospeso e sostituito con un foglietto appiccicato al vetro della porta d'ingresso, che in seguito si è accartocciato, con la scritta: «Per informazioni tel. 0521.843110». Il numero telefonico corrisponde al centralino del Comune di Neviano, a dieci chilometri di distanza. Ma gli uffici comunali sono chiusi proprio il sabato pomeriggio e tutta la domenica.
La gente di Sasso, dove ci sono anche due luoghi di ristoro e alcuni posti letto, si chiede «che cosa deve fare o pensare il visitatore che neppure si sente rispondere, se chiama nei giorni del weekend?».
In questi ultimi tempi lo stato di conservazione, almeno esterno, del Museo storico della Resistenza è andato deteriorandosi sempre di più. E’ stato tolto anche il  biglietto che riportava il numero del centralino del Comune. Non c'è più nessuna indicazione che dia informazioni al visitatore come meriterebbe un tale patrimonio, prima di tutto affettivo e poi materiale perché fatto con denaro pubblico. Ma c'è di più. La struttura metallica che si trova davanti all’ingresso si sta «sciogliendo» nella ruggine che ha macchiato persino le lastre antisdrucciolevoli, pure di ferro, che si trovano sotto questa struttura obliqua. E ancora: la targa vistosa, che si trova sulla stessa, con la scritta «07.44», per indicare che la raccolta museale contenuta si riferisce a quel rastrellamento nazifascista dei primi giorni del luglio '44, sta cadendo a pezzi. Ne rimane, forse, solo la metà.
Il Museo storico della Resistenza era sorto a Sasso per la forte volontà di Luigi Castignola («Dinamite»), partigiano piacentino, in seguito divenuto tecnico forestale a Neviano. La prima sede fu nell’abitazione del dottor Salvatore Maneschi. Si tratta di un'importante raccolta e esposizione di armi, munizioni, abiti, foto, documenti e di un prezioso audiovisivo con testimonianze orali di persone che vissero quei giorni. Il museo fu inaugurato il 25 aprile 2005 dal presidente della Regione Errani. Lo stesso  museo, sia nella vecchia che nella nuova sede, è sempre stato il luogo, il 25 aprile di ogni anno, della celebrazione istituzionale, da parte dell’Amministrazione comunale, della festa della Liberazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Emilio Rossi

    13 Gennaio @ 21.23

    Assolutamente bisogna curarlo e riaprirlo! E' una testimonianza imprescindibile.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"