12°

25°

Provincia-Emilia

"Non si può sparire nel nulla così"

"Non si può sparire nel nulla così"
Ricevi gratis le news
0

E' disperata Kaouthar Sahli, trentatreenne tunisina che abita a Salso da dieci anni, da marzo 2011 non ha più notizie del fratello Zied Sahli, 28 anni. Il giovane doveva raggiungerla in città: è sbarcato a Lampedusa il 15 marzo scorso con altri 560 profughi tunisini spariti nel nulla. Fra i desaparecidos, anche i cugini Tarek Hadj Salem e Derbeli Walid, 25 e 32 anni, che dovevano arrivare sempre nel Parmense, a Mezzani. I familiari dei giovani, divisi fra il Parmense e l’Africa, hanno perso da marzo ogni traccia. Kaouthar Sahli, che abita in città, in via IV Novembre 12, sposata da un anno, lavora come operaia alla Barilla, a Parma. Da dieci anni vive a Salso, dove si sente perfettamente integrata. «Mio fratello ha lasciato la nostra terra il 14 marzo dello scorso anno –  racconta Kaouthar – ed è sbarcato a Lampedusa il giorno successivo. Di questo siamo certi, in quanto alcuni fotogrammi delle telecamere  lo hanno ripreso nitidamente a Lampedusa, insieme ad altri. Zied poi doveva essere stato accompagnato in un centro di accoglienza. Alcuni connazionali, dopo la nostra denuncia di scomparsa, ci hanno riferito di averlo visto sino al 19 marzo. Ero così contenta quando ho ricevuto la sua telefonata che sarebbe arrivato qui da me, ma poi il buio totale». «Ho tentato più volte di mettermi in contatto con quel numero, ma risulta inesorabilmente staccato». Kaouthar, con la voce rotta dal pianto, racconta che sono in tre sorelle e Zied era l’unico adorato fratello maschio, il «cocco» di casa. «Nè io né i miei familiari in Tunisia – ha continuato a raccontare – abbiamo più ricevuto notizie da allora. Solo mia madre riceve ogni tanto qualche telefonata da un numero anonimo, ma quando lei risponde, dall’altro capo non si sente nessuno. Siamo molto preoccupati, perchè non si può sparire così, nel nulla. Zied amava il calcio e voleva venire in Italia per avere un futuro migliore. Mio fratello si è sempre rimboccato le maniche per mantenersi e in Tunisia sbarcava il lunario con lavoretti saltuari, per non gravare sul bilancio familiare». Dopo dieci mesi di inferno, le famiglie dei giovani dispersi e anche Amnesty International si sono rivolti a Rebecca Kraiem, dell’associazione tunisina «Giuseppe Verdi» di Parma, per chiedere aiuto. E la donna ha deciso di impegnarsi nella ricerca dei nuovi desaparecidos, rivolgendosi all’Ambasciata tunisina in Italia a Roma e ha incontrato anche un funzionario del Ministero, chiedendo di avere informazioni e rassicurazioni sulla sorte dei giovani. Quello che si teme è che i giovani tunisini abbiano fornito nominativi falsi, per la paura di essere rimpatriati. «Abbiamo piena fiducia nelle istituzioni – ha aggiunto Rebecca Kraiem - ma ci spaventa la burocrazia di entrambe le nazioni. Non possiamo abbandondare i familiari di questi giovani, che vogliono risposte e soprattutto sentirsi dire che i ragazzi sono vivi e stanno bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

Lealtrenotizie

Beve soda caustica: bambina di Bari salvata al Maggiore

Dieci anni

Beve soda caustica: bambina di Bari salvata al Maggiore

ALLUVIONE

La Procura replica all'attacco di Pizzarotti: «Parole scomposte»

reggio emilia

Cellullare rubato passa di mano, due denunciati anche a Montechiarugolo

Il furto nel 2016 nel Reggiano, ma telefono non viene ritrovato

intervento

Cade nel bosco mentre fa legna: soccorsi difficili a Bardi

Stazione

Chiude il piano dei senzatetto

Traversetolo

Ancora liquami nel Termina: è allarme

COMPLEANNO

La storia dell'Astra, 70 anni tra calcio e baseball

CARABINIERI

Sul ponte di Ragazzola con il rosso: pioggia di multe

COLORNO

Dopo l'incidente scappa: «inchiodato» dalle telecamere

Volanti

Nonnina terribile minaccia la vicina con la scopa: denunciata

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne Video

ARTE

"Il Terzo Giorno" porte aperte al Palazzo del Governatore Fotogallery

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

16commenti

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Termovalvole: se non si usa il riscaldamento si paga solo la quota fissa

di Mario Del Chicca*

1commento

ITALIA/MONDO

Mantova

Suicida a 15 anni per un brutto voto: "Non sono all'altezza"

Brescia

Bimbo di 4 anni muore investito dalla mamma

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

amsterdam

Ecco il primo supermarket senza plastica Video

verde

L’hobby del gardening conquista sempre di più

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

ANTEPRIMA

Ford, ecco la nuova Focus. Da 20mila euro Fotogallery