14°

27°

Provincia-Emilia

Norcini di oggi: tradizione e sapienza di una volta

Norcini di oggi: tradizione e sapienza di una volta
Ricevi gratis le news
0

 Stefano Rotta

C'è nebbia. Si gela. E’ l’alba del primo dicembre, in un vecchio cascinale nei dintorni di Soragna, San Prospero Inferiore. Una brocca di porcellana con l’acqua bollente, fumante, viene passata sulla cotenna del verro, appeso a testa in giù fra volte di antichi mattoni. Una lampadina appesa a far luce. 
Lavorano  tre uomini, due sono fratelli, si chiamano Guareschi e hanno i baffoni. Più bassa di così, si muore. Oggi si ammazza il maiale, non è la festa di quando la bestia era tutto, ma c’è aria di trepidazione. Seguiamo, una per una, dal cielo ancora scuro al giorno fatto, le operazioni dei norcini del 2012. 
 Gente con due piedi  in campagna, che ha imparato a macellare da un buon maestro, il vecchio contadino Lino Aguti. E che oggi va avanti a fare il salame come ai tempi di Giovannino, e di chi c’era secoli prima. 
 Tre cose,  dicono loro, sono necessarie: «Un maiale, pulizia, tempo da perdere». L’animale ha un anno e qualche mese. Pesa due quintali e mezzo. Non ha un nome. «Una volta lo si teneva in casa, ci si affezionava e gli si dava un nomignolo, ora non più, anche nelle famiglie più tradizionali», racconta Gabriele Guareschi. Non ha mangiato gli scarti di casa, ma l’ottanta per cento di mais, il dieci di soia, e un dieci finale di crusca per ingrassare meglio. Un colpo di pistola al cervello per stordirlo. Sembra crudele, anzi lo è, ma è la morte migliore.
  Nulla in confronto  a quando si pungeva il cuore con uno stiletto, agonia per dissanguamento lunghissima con indicibili urla, percepibili di cascina in cascina. Tutto il sangue, a casa Guareschi, non finisce intorno al luogo della macellazione, ma viene conservato dentro la cassa toracica. 
«A meno che non si voglia fare il sanguinaccio, che piace solo a pochi, così è meglio. O meglio: così hanno insegnato a me», precisa Gabriele. Il sanguinaccio è una tradizione molto antica, di quando c’era fame, fame vera. 
«Si mangia con la cipolla scalogna, fatta soffriggere. Le si butta sopra il sangue, viene una sorta di frittata». Il porco viene diviso in due mezzene, per il lungo ovviamente. Cominciano le operazioni di smontaggio. 
 Per prima  si toglie la vescica, che servirà per insaccare la spalla e il culatello. In seguito si esporta il pacco intestinale, che viene riordinato, pulito e tagliato. Lì dentro, dove correvano gli escrementi della bestia in vita, si insacca il salame. Quella che si chiama comunemente pelle, è materiale intestinale. Girato al contrario, però, in modo che la parte a contatto con le feci risulti all’esterno del salame. Il cervello viene dato al cane. Ma alcuni ci fanno una frittata. Qui, si fanno spalle, salami e culatelli. Troppo umido per il prosciutto. E poi la carne, oltre alla pancetta, la lonza, le coste, le braciole, e via. I ritagli, anche di filetto, finiscono nel salame. 
 Una quarantina  di chili su un quintale. «I nostri animali vengono macellati all’età giusta, non come le industrie che li ammazzano quasi subito, sembra un paradosso, ma la carne è più tenera», commenta Enrico Guareschi. Che aggiunge: «L’industria ha copiato i prodotti e le pratiche della vita contadina, però velocizzando i processi e portando a una produzione standard nel tempo e nelle stagioni. Il salame viene salato molto più del nostro, e talvolta ci si aggiunge qualcosa che non è carne». 
 La cosa da non leggere , se siete impressionabili, viene ora. Si portano i pezzi di carne nelle vecchie stanze di pianterreno, si tirano fuori le lame, si comincia ad affilare. E fin qui niente di strano. Ma c’è una tradizione, singolare, a casa Guareschi, che va raccontata. L’occhio della bestia, il bulbo, viene lanciato sul soffitto. Se non s’attacca, l’anno che segue non s’ammazza il maiale. Se s’attacca, come succede sempre, tutte le operazioni di sfilettatura e insacco, saranno vegliate dalla bestia che mano mano si trasforma in bistecche e salume. Pian piano tutto prende forma. Gli scarti di lavorazione degli altri salumi, pezzetti di carne buona, vengono tritati e insaccati nelle budella. Quindi legati con sapienza con un cordino, e appesi, per l’asciugatura.
  La scelta del luogo,  sulla decina di gradi, va scelto con cura. Dal secchio, si assaggia il salame crudo. Noi ci abbiamo provato. E’ squisito. Poi però il fotografo è stato malissimo. La rezdora, intanto, prepara il sostanzioso pranzo, dove l’ospitalità e la generosità regnano sovrane. Con loro, i fuoco del camino, e fiumi di vino senza etichetta. Il migliore, per il salame senza etichetta. Quello dell’anno prima. Può capitare che, spargendosi la voce, dal paese vengano amici, o semplici conoscenti alla lontana, per mangiare i ciccioli dal pentolone.  
 
L'inchiesta completa e le foto oggi in due pagine sulla Gazzetta di Parma in edicola
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

De André a  “Rimini”

IL DISCO

De André a “Rimini”

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ambulanza

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Due incidenti mortali in provincia: sulla Gazzetta il ritratto delle vittime

Le vittime sono Federico Miodini, che lascia due bimbi piccoli, e Luigi Bertolotti

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

2commenti

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

3commenti

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

2commenti

SORBOLO

Abbandona rifiuti: 50enne multato

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

gazzareporter

Tutti di corsa a... Langhirun Foto

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

2commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

GIAPPONE

Morta la donna più longeva. Ora la seconda più anziana è in Toscana: ha 115 anni

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

TENNIS

Nadal trionfa a Montecarlo: è l'undicesima volta!

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover