16°

28°

Provincia-Emilia

Quanti problemi per il ponte di Maria Luigia

Quanti problemi per il ponte di Maria Luigia
Ricevi gratis le news
0

 Samuele Dallasta

Compirà tra pochi anni due secoli, rappresenta una delle principali opere viarie realizzate dalla duchessa Maria Luigia sulla via Emilia, collega il paese di Pontetaro alla zona periferica di Parma ed è tuttora una delle infrastrutture più utilizzate dagli automobilisti. È il ponte Maria Luigia, il ponte sul Taro, un'opera mastodontica che nell’anno della sua inaugurazione, nel 1819, era considerato come il ponte più lungo d’Europa. Un ponte che trasuda storia e che dovrebbe entrare di diritto nel patrimonio artistico e culturale di Parma ma che invece, da qualche anno, giace in uno stato di degrado. Precedentemente in gestione all’Anas, a seguito della realizzazione, nel 2005, della tangenziale «Cispadana», e nel 2007, delle due rotatorie poste ai limiti della frazione, opere che hanno permesso la declassazione da strada statale a comunale, la gestione e la manutenzione del ponte Maria Luigia sono passate alle Amministrazioni comunali di Parma, Noceto e Fontevivo. Metà ponte è in carico al Comune di Parma, mentre nell'altra metà il lato sud è a carico del Comune di Noceto e quello nord del Comune di Fontevivo. Tutto il ponte è soggetto a degrado ma i problemi più vistosi si sarebbero notati nella parte che spetterebbe al Comune di Parma. Il problema principale è quello riguardante erba e sterpaglie che stanno letteralmente attaccando la struttura in diversi punti e che dovrebbero essere rimosse al più presto. Percorrendo il ponte quello che salta subito all’occhio è che verso la metà della struttura, mentre si viaggia da Parma verso Pontetaro, sulla parte destra della carreggiata è cresciuta  una pianta di due metri. E' pericolosa: i rami, in caso di maltempo, potrebbero spezzarsi e invadere la carreggiata provocando disagi  e pericoli al passaggio dei mezzi. Inoltre crescendo, la pianta potrebbe espandere le sue radici tra i mattoni del ponte provocando crepe sia nell’asfalto sia nell’interno della struttura. Un altro problema riguarda le quattro statue che, situate su altrettanti basamenti, rappresentano i quattro corsi d’acqua principali del Parmense: il Taro, lo Stirone, l’Enza e la Parma. Anche queste statue sono lasciate alla  mercé degli agenti atmosferici, dell’erosione e delle edere che si arrampicano sui pilastri del ponte fino a toccare le sculture. Anche le arcate del ponte presentano problemi: sono soggette ad un degrado murario causato dagli anni, dagli agenti atmosferici e, probabilmente, anche dal traffico intenso al quale il ponte è quotidianamente soggetto. Ai lati della strada sono inoltre presenti fili d’erba e sterpaglie che, in caso di pioggia, potrebbero ostruire il deflusso dell’acqua piovana nel canale di scolo, provocando così allagamenti. Infine anche le due scalinate che sono situate all’inizio del ponte, dalla parte del Comune di Parma, giacciono in un avanzato stato di degrado.  Un tempo permettevano l’accesso al ponte e alla zona sottostante ai pedoni;  ora sono praticamente inagibili, molti gradini sono rotti e le sterpaglie sbucano un po’ da tutte le crepe che, nel tempo, si sono formate tra i mattoni che compongono la scalinata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

2commenti

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

2commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

4commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ASTI

Il pick-up del padre lo investe: muore un bimbo di tre anni

brescia

Carabiniere dà fuoco ai peluches della figlia e la chiude nella casa in fiamme

SPORT

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

Tour Championship

Il ritorno della tigre: tutti pazzi per Tiger Woods Video

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"