11°

26°

Provincia-Emilia

Il Consiglio di Reggio: "Sì a un'unica provincia dell'Emilia"

Ricevi gratis le news
18

REGGIO EMILIA – Via libera dal Consiglio provinciale di Reggio Emilia ad un’unica provincia formata dall’unione di quelle di Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza. In un ordine del giorno, approvato nella seduta di oggi, definisce quest’area in grado di dare nuovo impulso all’intero Paese e chiede alla Regione Emilia-Romagna di promuovere nelle diverse forme e sedi il progetto 'Emilià.
Respinti invece altri due ordini del giorno, uno della Lega Nord (4 sì, 9 contrari, 12 astenuti) e uno dell’Udc (4 sì, 15 no e 6 astenuti): il primo chiedeva l’impegno della Provincia di Reggio Emilia a impugnare davanti al Tar del Lazio la deliberazione del Consiglio dei ministri del 20 luglio sui criteri per il riordino delle Province, il secondo di proporre quale unico criterio per l’identificazione delle nuove Province il solo numero di abitanti (almeno 300.000).
«Non vogliamo essere accorpati e scomparire, ma chiediamo di unirci alle Province in modo paritario», afferma la presidente della Provincia di Reggio Emilia, Sonia Masini. «Vogliamo mantenere il nostro nome – aggiunge – e chiamarci anche Emilia in una aggregazione nuova che guardi all’Europa dove diventeremo una delle aree importanti con 2 milioni di abitanti, con Pil, infrastrutture, la capacità di attrarre servizi e tutta la cultura che conosciamo».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giustapizza

    02 Agosto @ 11.06

    se c'è un territorio omgeneo è proprio quello che va da modena a parma (e perchè non fino a piacenza ) Territorio che fino ad ora , basta guardare le strade , è sempre stato trattato in maniera campanilistica . Proposta da accogliere , poi sinceramente dove sarà la capitale posso dire un bel machisennefrega . Facciamola a colorno e non se ne parli più .

    Rispondi

  • Matteo

    31 Luglio @ 14.29

    Non sono d'accordo con questa proposta, Parma è una delle poche province che potrebbe tranquillamente andare per conto suo perciò non vedo perchè doversi aggregarer ad altre solo perchè queste hanno paura di perdere prestigio. Parma ha i requisiti mentre Reggio e Piacenza no, fine del discorso, una se la prenderà Parma e l'altra Modena, se poi a piacentini e reggiani la cosa non piace se la faranno piacere. Tanto la loro è tutta una farsa pietosa per non perdere la scrana!

    Rispondi

  • Marco

    31 Luglio @ 12.45

    La proposta dei reggiani NON mi piace. E' chiaramente volta a non passare in secondo piano rispetto a Modena, mentre noi unificando PR e PC manterremmo la sede delle provincia, inoltre si rischia di diventare una miniregione nella regione ER, con il rischio di avere i prbolemi che abbiamo a farci ascoltare da Bologna. La mia non è (solo) una questione di campanile (perchè quello dei reggiani cos'è?) ma l'interesse per il benessere di Parma.

    Rispondi

  • Paolo Reggiani

    31 Luglio @ 12.19

    Se ciascuno facesse il proprio mestiere, cioè quello per cui ha studiato, tanto per capirci, non ci sarebbero tante sciocchezze. Chi ci governa è (ed è sempre praticamente stato) un avvocato o, nella migliore delle ipotesi, un economista, rari sono gli appartenenti ad altre discipline ed ancor meno a quelle davvero tecniche ed anche questi non hanno quasi mai dato prove di autentico “tecnicismo” quando hanno preso delle importanti decisioni: forse la politica corrompe le menti. O forse chissà. La farsesca sceneggiata dell’abolizione delle province per risparmiare soldi è una prova lampante di questa incapacità a vedere le cose per quelle che sono. Qualunque geografo vede nel rapporto superficie-abitanti (2500 km² e 350.000) proposto dai “tecnici” (se-dicenti) del governo come un’assurdità confrontandolo con i dati delle province: sono numeri in contrasto tra di loro e che, ad esempio in Toscana si salverebbe soltanto Firenze. Una vera sciocchezza fatta da chi non ha mai guardato un atlante o letto un libro di storia: perché la geografia dei luoghi va a braccetto con la storia. La provincia di Reggio ha avuto coraggio con la sua proposta ma l’esito sarebbe mostruoso: un’entità di 11.000 km² e quasi 2.000.000 di abitanti … ma che cos’è? Sarebbe una realtà di dimensioni maggiori ad alcune regioni; si pensi alla Liguria che è di minor superficie rispetto a Parma e Reggio unite e pure con meno abitanti della nuova “entità”. Ma anche le Marche e l’Abruzzo sono più piccole (anche per abitanti) di questa nuova unione emiliana. Quindi troppo grande per essere una provincia ed in concorrenza con la regione Emilia-Romagna per dimensioni e potrebbe nascere la tentazione del “colpo gobbo” autonomistico. E poi la capitale: Parma o Modena che hanno entrambe le tipologie minime per restare province e la prima eccelle per superficie mentre la seconda per abitanti? Come discriminare le cose. Una stupidata come questa pseudo riforma, fatta da incompetenti del settore e senza il confronto con la carta geografica e dati territoriali ed antropici, resta tale anche quando si prova a rattopparla con iniziative (quelle del governo) di correzione che comunque non faranno mai “stare il 3 nel 2”. E meno male che abbiamo un governo di tecnici! A proposito, in questa grottesca iniziativa non c’è neanche risparmio economico, in quanto sarebbe stato di circa 150 milioni di euro annui con la totale abolizione degli enti (ma non dei servizi ed addetti!) mentre ora, con la nuova revisione, se arriverà ai 100 milioni sarà tutto grasso che cola. Ma quando smetteranno di prenderci in giro con i loro falsi numeri?

    Rispondi

  • wolf

    31 Luglio @ 10.49

    la proposta de IL CORVO è a dir poco grandiosa. Peccato che per troppi sporchi interessi non ci sia la possibilità di attuarla.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' nato il terzo royal-bay: è un maschio

William e Kate con George e Charlotte

Gran Bretagna

E' nato il terzo royal-baby: è un maschio

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

INSERTO

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

Lealtrenotizie

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Incidente a Pastorello

Federico Miodini, «il Miodo» giovane padre innamorato della vita

PARMA

Spazzatura accumulata su scale e corridoi di un palazzo del centro  Foto

3commenti

PARMENSE

Superenalotto: vincita da oltre 41mila euro a San Secondo

CARABINIERI

Trovata a Fidenza dopo 13 giorni la ragazza scomparsa da Piacenza

RISSE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

5commenti

METEO

"Salvo" il ponte del 25 aprile, 1°maggio a rischio pioggia Video

GAZZAREPORTER

Grosso ramo cade al Parco Ducale: le foto di un lettore Foto

Foto di Massimo Mari

1commento

Soragna

Ragazzi rapinati, notte di terrore alla «Ponzella»

Noceto

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

1commento

Serie B

Stasera Frosinone-Empoli. Lucarelli su Facebook: "Non esiste sconfitta nel cuore di chi lotta" Video

1commento

PARMA

Bersaglieri ciclisti: i fanti piumati in festa per le strade della città Foto

alimentare

Anno da record per il Parmigiano Reggiano

I dati del 2017: 3 milioni 650 mila forme prodotte, +5,2% rispetto 2016 nonostante l'aumento dei prezzi

PARMA

Incidente in tangenziale sud: rallentamenti fra le uscite Campus e via Montanara

Disagi fra le 9 e le 10

3commenti

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

PARMA

Ruspa danneggia un tubo: perdita di gas in zona Mercati, evacuati due edifici

L'emergenza è scattata attorno alle 9 ma è rientrata presto: sono intervenuti i tecnici di Ireti e i vigili del fuoco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Trattative perditempo: Mattarella in campo

di Vittorio Testa

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

8commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella: "Mandato a Fico per esplorare un'intesa tra Pd e M5S

Scuola

Insegnante sostegno arrestato: gridava alla classe "porci", "maiali"

SPORT

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

4commenti

tg parma

Crespo: "Non sono sorpreso del momento positivo del Parma, merito dei giocatori" Video

1commento

SOCIETA'

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover