14°

26°

Provincia-Emilia

Nuove province : chi va con chi ? Fra Grande Emilia, nuovi Ducati e vecchie diffidenze

Nuove province : chi va con chi ? Fra Grande Emilia, nuovi Ducati e vecchie diffidenze
Ricevi gratis le news
25

Grandi manovre, lungo la via Emilia. O grande confusione......

La riorganizzazione delle province, infatti, sta sollecitando allo stesso tempo le voglie (o le necessità...) di una collaborazione che superi i vecchi campanili e consenta di fronteggiare meglio una crisi che colpisce ovunque, ma sta sollecitando anche le vecchie diffidenze di campanile. E, più concretamente, sta preoccupando chi teme, con nuovi accorpamenti, di perdere autonomia o servizi.

Dal 118 ai rifiuti, alla riorganizzazione più generale delle amministrazioni provinciali (già prevista dal governo), se ne parla un po' dappertutto. E in prima fila, nel dibattito, c'è sicuramente Piacenza, che per dimensioni è la provincia masggiormente candidata a scomparire.

Così, dopo che nei giorni scorsi il quotidiano La Libertà aveva poroposto un refendum fra i lettori (ipotesi più gettonata l'annessione alla Lombardia), ora il dibattito prosegue a vari livelli: quello dele istituzioni, quello degli intellettuali e delle forze economiche, e quello dell'opinione pubblica.

Bocciata, come già appariva dal referendum del quotidiano, la semplice unione con Parma (forse per il timore di dover di nuovo subire l'egemonia della ex capitale), prendono corpo altre ipotesi più allargate, e ipotesi più paritarie. Così, ad esempio, il sindaco Dosi non disprezzerebbe l'idea di una Grande Emilia: e il recente dibattito alla festa Pd sui rifiuti avrebbe rafforzato soprattutto i contatti con Parma e Reggio.

Ma qui occorre fare i conti con Modena: qualcuno, nell'Emilia occidentale, la "sbolognerebbe" (il verbo calza a pennello) a un tris con il capoluogo e Ferrara. A Modena, però, si guarda molto a un dialogo con Reggio, non fosse altro che per il legame già proficuamente instuarato con l'Università che unisce le due province.

Insomma, fra mono-province, bi-province, tri-province o addirittura il poker della Grande Emilia (Piacenza-Parma-Reggio-Modena), la strada sembra ancora lunga. E il parere dei nostri lettori poltrebbe offrire spunti interessanti: il dibattito è aperto nello spazio commenti di questo articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gioppino

    21 Settembre @ 20.37

    1- reggio e modena sono il comprensorio ceramico e maglieria, non possono che stare insieme 2- piacenza e parma in lombardia, la prima con pavia, eventualmente anche lodi, la seconda con cremona, eventualmente anche mantova, oppure il contrario cremona e mantova in emilia con parma

    Rispondi

  • Paolo Reggiani

    21 Settembre @ 16.15

    Finalmente si ricomincia a confrontarsi con la realtà e con i numeri. Non voglio apparire il saputello di turno ma essendo la cartografia e quindi la geografia la mia materia elettiva penso di poter dire qualcosa in argomento. Purtroppo la sintesi non favorisce di esprimere completamente tutti gli aspetti di questo problema regalatoci dalla politica arruffona dei nostri tempi.\\r\\n\\r\\nLa questione non è più tenere o non tenere le province ma di cogliere l’occasione per riorganizzare interamente le amministrazioni locali e semplificarle al massimo, soprattutto nei contatti con i cittadini: che è lo scopo primo delle riforme. Ma, attenzione, carissimi amici, la vera semplificazione toglie poltrone al riciclo dei politici che escono dai piani alti; quindi si opporranno con tutte le forze ad una razionale riforma mettendo in campo tanta aria fritta da inquinare l’intero universo.\\r\\n\\r\\nSemplificare significa innanzi tutto ridurre il numero dei componenti. Più sono gli elementi è più c’è frammentazione, complicatezze, particolarità. Ci sono poi i limiti fisiologici dimensionali da considerare: se troppo piccolo è complicazione, il troppo grande diventa lontananza e trascuratezza del dettaglio: che è il quotidiano della gente. I Latini dicevano che la virtù sta nel mezzo e nelle amministrazioni locali italiane (comuni, province, regioni) dove sta il mezzo? Qui non entrano opinioni (tutte buone e valide) ma cifre e dati (incontrovertibili). Infine c’è da tener conto della stratificazione storica e sociale ed una certa rassegnazione a che le cose vadano in un certo modo, anche se quel “modo” non è quello più giusto.\\r\\n\\r\\nAd esempio, i comuni così come sono giunti a noi riflettono varie cose, non ultima la grande prossimità ai cittadini che permettono: al municipio si arriva in un attimo. Giusto! Ma quando i mezzi di comunicazione erano embrionali, in pratica compiuti di persona. Ma vale ancora questo aspetto. Questo è solo un punto di riflessione prima di decidere da che parte stare. Il discorso è complesso e quindi lungo.\\r\\n\\r\\nIl gioco della politica sull’abolizione delle province ha diretto la discussione sull’aspetto quasi inesistente del risparmio economico e sull’ineluttibilità dell’iniziativa (sono bravissimi a confondere le menti) non sull’utilità di razionalizzare l’amministrazione locale su basi fortemente rappresentative dei singoli posti ma senza le superfetazioni che oggi ci sono ed uguali a quelle di 150 anni fa. In pratica hanno imbrogliato bellamente. Ma, tanto, è il loro mestiere.\\r\\n\\r\\nRaggruppare le province come prospettato secondo vari schemi: da Piacenza a Reggio, oppure a Modena. Ferrara, Modena e Bologna unite. La grande Romagna eccetera, sono eccellenti idee ma che rispondono alla confusione che la politica ha creato ad arte e non a quella razionalizzazione verso le necessità dei cittadini che è la base di una riforma.\\r\\n\\r\\nQuelle soluzioni prospettano una dimensione (sia di superficie che di abitanti) eccessiva per consentire quella prossimità fisiologica coniugata alla semplificazione che soltanto un equilibrio dimensionale permette. In pratica sono piccole regioni (con quel che ciò vuol dire) piuttosto che grandi province. Qui sta il busillis. Il lato positivo delle attuali province (rivedendone un po’ la struttura che hanno ora) è proprio l’equilibrio dimensionale che permette anche quello dell’acquisizione e gestione delle risorse. Questo è il punto sul quale fare un confronto vero ed anche risolutivo della questione. Ma questa non è la sede giusta per discuterlo in quanto richiede l’apporto di dati e spiegazioni. Una sola domanda: vi siete mai chiesti perché non esistono, o quasi, atlanti che mostrano i confini dei comuni? Tutti si fermano alle province!\\r\\n\\r\\nRingrazio di cuore gli amici commentatori per la cortesia di aver dato un’accoglienza positiva al mio precedente intervento. Sono soltanto le osservazioni di un tecnico che si ostina a credere che due più due fa quattro. E non si schioda da lì.

    Rispondi

  • Fabio

    21 Settembre @ 12.53

    La soluzione più semplice e naturale: Piacenza, Parma e Reggio Emilia (1.266.000 abitanti, 140 comuni e 8.332 km2) Modena, Bologna e Ferrara (2.067.000 abitanti, 133 comuni e 9.022 km2) Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini (1.117.000 abitanti, 75 comuni e 5.099 km2) Eventualmente unirei la provincia di Pesaro-Urbino a quest'ultimo gruppo per evidenti collegamenti naturali (economia, dialetto, ecc.) che portano i residenti a sentirsi più romagnoli che marchigiani (con Pesaro-Urbino 1.484.000 abitanti, 135 comuni e 7.663 km2)

    Rispondi

  • stefano

    20 Settembre @ 22.55

    io fare il Pareggio, con l'unione di parma reggio, e lo stadio lo chiamiamo Mirabini o Tardello

    Rispondi

  • franco

    20 Settembre @ 22.17

    quando si parla di provincie rimanere seri è veramente difficle però un paio di considerazioni secondo me vanno fatte la prima molto pratica è che le nuovo ordinamento le provincie avranno importanza primaria nella viabilità e nella gestione del territorio. E' evidente che con queste premesse una provincia che va da Modena a Piacenza è la scelta migliore.Il tessuto connetivo industriale e di servizi , cioè chi da benessere al nostro territorio non può che trarne giovamento . La seconda è altrettanto pratica, come costi per noi contribuenti è meglio una sola provincia che due .Pensate solo a quanti politici di professione in più ci toccherà mantenere ( con la metà dei ben Sicuramente ci saranno dei problemi ego pratico logistici da superare, almeno proviamoci . Paolo Reggiani 8 per il buon senso 6 per la teoria

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

MALTRATTAMENTI

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «un danno per il commercio»

festa

25 Aprile: un parmense di appuntamenti in piazza, in bici e in musica L'agenda

Concerto in città con Baustelle e Mara Redeghieri

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

Intervista

Baustelle: «Non archiviamo il 25 aprile»

Polesine Zibello

Per i soldi per la dose minaccia il padre con un coltello

Ticket

«Stangata» sulle cure per la psoriasi

L'ASTA

Il 9 maggio si saprà il destino del centro sportivo di Collecchio

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

piacenza

Due discoteche chiuse per alcol a minorenni

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento