18°

Provincia-Emilia

"Antonio era una persona tranquilla, affabile e simpatica"

"Antonio era una persona tranquilla, affabile e simpatica"
Ricevi gratis le news
1

L’incredulità di un paese non solo legata alla tragicità del gesto ma anche e, soprattutto, alla persona uccisa. Antonio La Penna, nato a Carapelle, in provincia di Foggia, nel 1963, ma residente a Sorbolo da quasi vent’anni, era un uomo molto benvoluto da tutti. Una persona di grande convivialità, che amava stare con gli amici. Il primo aggettivo che arriva dalle bocche di tutti i conoscenti è «tranquillo». La Penna, una persona tranquilla, morto tragicamente con un colpo in testa senza che nemmeno se ne potesse rendere conto. Le testimonianze parlano di Antonio Muto, l’assassino, che appoggia la canna della pistola alla nuca e fa fuoco senza una parola. Un’esecuzione in piena regola. Ma che dietro all’assassinio di La Penna si celino moventi legati a regolamenti di conti, nessuno lo crede. Tutti sono più propensi a credere ad un raptus di follia di Muto, senza una motivazione logica, senza un movente. «Ho lavorato con lui per oltre quindici anni - ha commentato C.P., 38enne sorbolese - e non posso dire altro che Antonio era una persona molto affabile e simpatica. Non riesco a capire come possa aver fatto qualcosa di così grave da poter finire così». La Penna era un saldo-carpentiere metallico e lavorava alla Terex, multinazionale americana, con uno stabilimento a Lentigione di Brescello.
Era dipendente dell’azienda da oltre quindici anni e stimato per la mansione che svolgeva. Un’altra passione di Antonio era la bicicletta: era iscritto con i ragazzi del «Levante Bike», squadra ciclistica di Sorbolo a Levate. «Più che un vero agonista - ricordava Stefano Gatti, titolare del “Levante” -, Antonio era da considerarsi un cicloamatore. Infatti più che l’agonismo, amava la compagnia unita a qualche giro con la bici da corsa». Anche un altro ciclista del «Levante Bike» ha ascoltato incredulo la notizia dell’uccisione dell’amico, tradendo l’emozione per un fatto così tragico. «Ma quale può essere stato il motivo? - si è interrogato l’uomo - Come si poteva voler così male ad Antonio? Non posso credere ci fossero ragioni “strane” - ha aggiunto alludendo ad un regolamento di conti in pieno stile malavitoso -. L’unica ragione non può essere altro che la follia».
Gli amici del bar lo chiamavano «Forchetta», un nomignolo affibbiatogli a causa della passione per la buona cucina, mancando difficilmente ad una cena in compagnia. L'unica ombra nella vita di Antonio La Penna è un episodio che risale a diversi anni addietro quando lui perse la sua autovettura a causa di un rogo, rivelatosi successivamente doloso.P.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Kenny

    24 Aprile @ 19.27

    Sarà stato anche tranquillo, affabile e simpatico, ma passando davanti a tutti i bar di Sorbolo SEMPRE E SOLO davanti a quello li, la mia ragazza diceva sempre: "ma che razza di facce ci sono qui dentro??"

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Harlem Gospel Choir

Auditorium Paganini

Arriva l'Harlem Gospel Choir

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

2commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Il ragazzo ucciso scrisse: "Se mi volete morto, la fila è lunga"

RIMINI

Prostituzione e droga: sequestrato il night "Lady Godiva", 19 misure di custodia cautelare

SPORT

BASEBALL

Parma Clima: Yomel Rivera raggiunge i compagni in Arizona

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel