11°

26°

Provincia-Emilia

Quando Fontanellato aiutò i soldati inglesi

Quando Fontanellato aiutò i soldati inglesi
Ricevi gratis le news
0

Andrea Del Bue

Erano in platea, aiutati da una traduzione simultanea in inglese, nella sala conferenze della Rocca Sanvitale di Fontanellato, alcuni famigliari dei soldati inglesi che furono prigionieri nel campo PG 49, ricavato all’interno dell'edificio che oggi ospita il Centro Cardinal Ferrari.
Ieri sono iniziate le iniziative che ricordano,   a 70 anni di distanza, l’armistizio dell’8 settembre 1943 e, in particolare, ciò che avvenne la mattina dopo, quando si aprirono i cancelli del PG 49; da quel momento, circa 600 soldati britannici erano in fuga dai tedeschi.
E qui inizia la bella storia di solidarietà che ha come protagonista la comunità fontanellatese, come ricordato, in apertura di lavori, dal vicesindaco Francesco Trivelloni: «Da un momento all’altro la gente di Fontanellato trovò nei propri cortili e nei propri campi coloro che fino a poco prima erano i nemici, descritti come persone brutte, cattive, pericolose. E cosa fecero? Li aiutarono, dando loro rifugio, cibo e vestiti, un grande esempio di umanità e solidarietà. E’ giusto, quindi, ricordare questo avvenimento».
Per nulla formali i saluti di Attilio Ubaldi, delegato, per l’occasione, del prefetto Luigi Viana: ha citato un passo del libro di Eric Newby, il militare britannico, poi scrittore, scomparso nel 2006, che da marzo al 9 settembre 1943 fu internato al PG 49. Uscì dai cancelli trasportato da un asino, perché ferito; fu poi trasferito all’ospedale Peracchi, dove fu curato.
A dirigere il convegno, Lorenzo Bertucelli, presidente della Fondazione ex campo Fossoli di Carpi, ente che ha organizzato l’evento insieme all’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea di Parma e all’istituto storico Parri Emilia Romagna: «A settant’anni dall’inizio della lotta di Liberazione – osserva -  possiamo avere uno sguardo più obiettivo. Questo convegno è l’esempio di come sia possibile approfondire la storia collaborando tra più istituzioni; siamo invece abituati, per esempio per quanto riguarda i campi di prigionia, a lavorare con progetti specifici, mentre di fronte a sfide così importanti e impegnative bisogna uscire da una logica territoriale. Non si capisce perché il nostro Paese non abbia ancora trovato la forza di ricordare luoghi come i campi di prigionia, che contengono una miriade di vicende e storie da raccontare: si tratta di una grande opportunità di crescita per il nostro Paese.
S’intitola «I “fortunati”: i prigionieri italiani in Gran Bretagna 1941-1946» la relazione di Isabella Insolvibile, ricercatrice dell’Università Federico II di Napoli. Perché «fortunati»? «Per vari motivi – spiega la studiosa - Prima di tutto, i nostri circa 158 mila soldati venivano utilizzati dagli inglesi per la manodopera, soprattutto nell’agricoltura: per sfruttarli al meglio, andavano quindi tenuti in buone condizioni, nel rispetto delle convenzioni internazionali sul trattamento dei prigionieri di guerra».
Gli inglesi, però, fecero di più: «Le “baracche” dei campi erano tali solo di nome: avevano l’acqua calda ed erano sollevate dal terreno per evitare l’umidità. Inoltre, le razioni alimentari prevedevano anche pasta e pane».
Ciò che sorprende è la lunghezza, in termini temporali, della prigionia: fino al ’46 gli italiani furono agli ordini degli inglesi.
«Effettivamente – precisa la Insolvibile -, né l’armistizio né la fine della guerra misero  termine alla prigionia dei nostri soldati. La motivazione di parte inglese fu che non li avrebbero rilasciati fino a quando non avrebbero terminato il raccolto nei campi. Questo all’Italia andava bene: temeva, e per questo voleva rimandare il più possibile il loro ritorno, il reinserimento di 158 mila soldati in un’Italia uscita sconfitta dalla guerra».
Sull’«Africa settentrionale nel quadro della seconda guerra mondiale» è stato incentrato l’intervento di Marco Di Giovanni, ricercatore all’università di Torino: «Lì, dal ’39 fino al ’41 avanzato, si è combattuta una guerra piccola, ma di grande interesse: gli schieramenti, Gran Bretagna da una parte e l’asse Germania-Italia dall’altra, hanno fatto le prove generali per le più importanti battaglie successive. E’ stata una guerra di eserciti, di uomini in divisa, con la dignità dei combattenti davanti a tutto. E di tattica, tra i comandanti Montgomery e Rommel».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

La 2° C della scuola Vicini visita la Gazzetta di Parma

SCUOLE IN REDAZIONE

La 2° C della scuola Vicini visita la Gazzetta di Parma

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

INSERTO

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

Lealtrenotizie

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

RISSE NELLA NOTTE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

3commenti

Incidente a Pastorello

Federico Miodini, «il Miodo» giovane padre innamorato della vita

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Noceto

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

Soragna

Ragazzi rapinati, notte di terrore alla «Ponzella»

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

4commenti

PARMA

Incidente in tangenziale sud: rallentamenti fra le uscite Campus e via Montanara

Disagi fra le 9 e le 10

Intervista

Carminati: «Tosca è una tavolozza perfetta»

AMORE SENZA FINE

Laura e Raffaele, marito e moglie muoiono a 24 ore di distanza

FIDENZA

Svincolo killer, finalmente i lavori per renderlo sicuro

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

baseball

Un monte che fa sognare: Parma pareggia a Nettuno

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

4commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

BELGIO

Tentò una strage di poliziotti: il terrorista Abdeslam condannato a 20 anni

SCRUTINIO

Elezioni in Molise: si rafforza il vantaggio del centrodestra

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

SERIE A

Campionato riaperto: il Napoli batte la Juve ed è a -1

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover