13°

28°

Provincia-Emilia

Rabboni: "Valuteremo tutela dopo le parole di Grillo sulla Food Valley"

Rabboni: "Valuteremo tutela dopo le parole di Grillo sulla Food Valley"
Ricevi gratis le news
6

 Non è piaciuto al consigliere regionale dell’Emilia-Romagna Marco Barbieri (Pd) un intervento del 30 agosto di Beppe Grillo sul proprio blog, dove avrebbe paventato 'neoplasie future degli abitanti di Parma per il cibo avvelenato della Food Valley» e avrebbe chiesto «chi mangerà in futuro parmigiano e prosciutti imbottiti di diossina?». Di qui la presentazione di una domanda al question time in Assemblea legislativa, nella seduta di ieri, per chiedere se la Giunta regionale abbia intenzione di prendere provvedimenti o attivare azioni legali per tutelare uno dei comparti più importanti della nostra economia.

«Le affermazioni di Grillo sulla diossina – ha risposto l'assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni – sono destituite da qualsiasi fondamento, così come confermato dal sindaco di Parma». Hanno tuttavia determinato – ha aggiunto - «un indubbio danno alla reputazione e all’affidabilità delle più significative filiere produttive dell’agroalimentare europeo».
«L'avvio di azioni legali o di altri provvedimenti per ripristinare la verità dei fatti e tutelare gli operatori coinvolti compete però – ha sottolineato ancora Rabboni – ai danneggiati e ai Consorzi di tutela, la Regione valuterà come sostenere adeguatamente queste iniziative, già preannunciate dal Consorzio di tutela del parmigiano-reggiano». L'assessore ha anche chiarito che le numerose analisi effettuate sulle emissioni dell’inceneritore cittadino, «oltre a escludere problemi di funzionamento», avrebbero evidenziato «il pieno rispetto dei limiti fissati dalle leggi italiane e dai regolamenti comunitari».
Barbieri ha apprezzato: «Non si possono lasciare spazi a polemiche politiche di questo tenore – ha detto – che danneggiano la nostra economia e i produttori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Siegfried

    12 Settembre @ 11.15

    Se ne è cosi sicuro consigliere Rabboni sarei felice di servirle colazione , pranzo e cena in abbondanti porzioni dei cibi da lei ritenuti sani, vita natural durante e alloggiarla di fianco all'inceneritore per sempre, l'unico termine per definire lei , Bersani, Errani e Bernazzoli è "ECOTERRORISTI " , con la speranza che paghiate in salute sulla vostra pelle, quella dei vostri figli e nipoti, le vostre scelte scellerate, se avete fatto scelte salutari vorrà dire che mi sono sbagliato e voi non avete nulla da temere per la vostra salute altrimenti in caso di tumore recitate pure il mea culpa.

    Rispondi

  • INDIGNATA 70

    12 Settembre @ 11.11

    condivido in pieno i due commenti precedenti: adesso i consorzi piangono lacrime di coccodrillo. Inceneratori e cogeneratori (che di certo non buttano nell'aria vapore acqueo) senz'altro non fanno bene all'ambiente in cui vengono prodotti prosciutto di Parma e Parmigiano Reggiano..se non ci pensano i consorzi a tutelare i loro prodotti, i consumatori possono solo scegliere di non acquistarli più.Inutile controbattere che è stato fatto tutto a norma di legge....in passato era legale anche l'uso dell'amianto....e quando a fronte delle pubblicità con colline e campi verdi, i consumatori vedono invece camini fumosi....

    Rispondi

  • Puzzi

    12 Settembre @ 09.23

    Invece che perdere tempo e sprecare risorse per guardarsi l'ombelico, perché Rabboni & Co. non valutano la possibilità di RIPRISTINARE LA COSTITUZIONE che ieri l'altro è stata stuprata? La Costituzione, definita la più bella del mondo da Benigni (ahi ahi, un altro giullare che sfida il potere! Io gli farei causa...) ha, anzi dovremmo dire "aveva", un articolo che garantiva che non potesse essere stravolto lo Stato italiano da un qualunque Governo in carica. Questo articolo, il 138, prevedeva che ogni modifica della Costituzione stessa dovesse nascere o da una comunione di intenti fra maggioranza e minoranza in Parlamento (ottenere il voto dei due terzi dei parlamentari) o essere voluta dal popolo attraverso un referendum confermativo. Ieri l'altro l'attuale maggioranza in Parlamento HA FATTO SCEMPIO di questo articolo affidando la possibilità di modificare la nostra amata Costituzione ad una lobby di 40 "saggi". E' due notti che non dormo dal dispiacere e noto, con una certa rabbia, che solo una forza politica è scesa in campo per difendere la Costituzione. A questo punto mi chiedo: non è che questi attacchi a Beppe Grillo, ribadisco, un comico, siano manovrati da chi vuole distruggere la nostra amata Italia? Spero di sbagliarmi, ma visto ciò che sta accadendo (fare causa ad un comico!!! è un'idea oscena), il dubbio è legittimo. P.S.: Arriveremo a fare causa alla Gazzetta perché riferisce fatti che potrebbero danneggiare l'immagine di qualcuno? Mah

    Rispondi

  • Puzzi

    12 Settembre @ 09.10

    Nel medio evo, quando i giullari, con ironia, dicevano cose vere sul conto del re, venivano giustiziati dai monarchi più pavidi, insicuri, vigliacchi. Prendersela con i deboli, con chi, attraverso battute graffianti, sta evidenziando i nostri errori è stupido e denota insicurezza, debolezza di argomenti. Grillo è un comico e, come accade da quando è stata inventata la satira politica, ci racconta attraverso i suoi frizzi e lazzi, sacrosante verità sulle nostre debolezze. Se ce la prendessimo con lui, dovremmo prendercela con ogni comico che critica i politici e le loro azioni, dovremmo mettere un laccio alla libertà di espressione che ci riporterebbe al medio evo. MAI PIU' questi errori. BASTA col monopolio dell'informazione falsa e deviata. VIVA i blog (ringrazio ancora la Gazzetta di Parma per questo giocattolo che ci ha donato), VIVA la possibilità di critica che è imprescindibile dalla democrazia. D'altronde se è così vero che gli inceneritori non inquinano, le vendite di prosciutto e parmigiano non caleranno soltanto perché Grillo ha detto qualche sciocchezza. Se invece si ha la coda di paglia, ahi ahi, forse l'errore non l'ha fatto Grillo, vero?

    Rispondi

  • antonella

    11 Settembre @ 19.42

    Passando da Parma in autostrada è bellissimo vedere l'inceneritore a due passi dalla Barilla...così come è stato piacevole apprendere che anche vari salumifici della provincia si stanno dando un gran da fare per iniziare il nuovo business "camini" tentando (qualcuno ci è riuscito) di costruire altri inceneritori per eliminare i rifiuti delle lavorazioni del prosciutto. Peccato che dai progetti si capisse subito che i camini erano un po'....come dire....esagerati alla bisogna....stava per sorgerne uno a langhirano, fermato appena in tempo...Sarebbe stata una pubblicità favolosa, non credete??? Mi risulta che uno nel comune di Felino sia già attivo, così il salame sarà migliore....... Che gente illuminata!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno