16°

29°

Quartieri-Frazioni

Oscar Ruggeri guardiano dell'Oca morta e di parmigianità

Oscar Ruggeri guardiano dell'Oca morta e di parmigianità
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo Sartorio

E' da quasi cinquant'anni che frequenta il circolo, di cui è il presidente, tutti i giorni che il buon Dio manda sulla terra. Oscar Ruggeri, 78 anni portati bene, presidente del circolo «Amici Artigiani» (soprannominato l'Oca morta) anche se non esibisce la carta di identità, si sente e si vede subito che è un parmigiano. Il suo viso bonario, il suo accento, la sua spiccata simpatia, le sue battute spiritose, non possono che essere frutto di un «pramzàn dal sas» di quelli, però, nati «dedlà da l’acua» come appunto Oscar, nato in via Imbriani. Figlio di Paolo, maestro gelataio con laboratorio in via Golese il quale, in estate, con il cognato «Carlòn» Roveri, girava i paesini della bassa e del primo contado a bordo di quel tradizionale trabiccolo a pedali soprannominato «la näva», Ruggeri, a sedici anni, è assunto come operaio alla Bormioli. Dopo  qualche anno si trasferisce a Torino dove lavora sempre in una vetreria e intanto gioca a calcio, come mediano sinistro nel Bainasco. Ritorna a Parma assunto alla Singer come venditore e prosegue la sua attività di calciatore dilettante nel Pro Parma e nel Marinelli.
Non era così facile entrare nel circolo Amici Artigiani una cinquantina d’anni fa. Infatti anche Ruggeri fa la sua bella anticamera e poi, quando giunge il suo turno, viene iscritto  in quel sodalizio  che,  per i parmigiani e per... tutto il mondo,  è l'Oca Morta. A questo punto un breve cenno sulla storia di questa realtà è d’obbligo in quanto il circolo di via Costituente è il decano tra i circoli parmigiani. Il sodalizio sorge agli inizi del 1878 in «bórogh Bartàn»,  ad opera di dodici artigiani provenienti dalla «Casa di Provvidenza Arti e Mestieri» e prende il nome di Società Amici Artigiani. Dopo tre anni, l’istituzione oltretorrentina si afferma, i soci aumentano, viene approvato e varato uno statuto e creata la bandiera sociale. Nel 1901, il circolo, perfettamente costituito, è  denominato Società di Mutuo Soccorso fra Amici Artigiani e, da «bórogh Bartàn» (borgo Bernabei), trasferisce la propria sede in borgo Fiore dove rimane fino al 1936. Per quale motivo, dunque, fu battezzato Oca Morta? A questo punto bisogna affidarsi alla  leggenda. Si dice che in borgo Fiore una donna del popolo, affacciatasi alla finestra in una giornata di primavera e manifestando tutta l’euforia e la spumeggiante verve che è in grado di testimoniare  un’oltretorrentina specie in questa stagione, chiese ad un socio se era proprio quella la società nella quale l’ingresso alle donne era interdetto. Avutane risposta affermativa, con sorriso beffardo, replicò all’indirizzo dei soci del circolo: «Allora siete proprio delle oche morte».  Una «bolla» che, dal 1936, il Circolo si porterà appresso  con grande humor e altrettanta disinvoltura anche nelle altre sedi di via Imbriani, strada D’Azeglio all’ombra delle Torri dei Paolotti, in borgo delle Grazie ed in via Costituente  (l’attuale sede ) dove gli Amici Artigiani alloggiano ormai dal lontano 1950. Un ambiente ancora all’antica dove il bianchino è accompagnato da salume nostrano e uova soda cosparse di sale, dove si possono incontrare  gli ultimi «guardiani» di una parmigianità  che sta scomparendo, come il nostro Oscar, il popolare Igino Chierici, meglio conosciuto come «Gaión», Giorgio  Volta, Walter Ferrari «mitràja» e pochi altri. Melomane, ex loggionista, verdiano doc, Ruggeri,  ricorda  un episodio di cui fu protagonista proprio nella sede del circolo, alcuni anni fa, quando un socio fu colpito da infarto. Immediatamente Oscar e altri amici lo soccorsero e lo tennero in vita mentre arrivava l'automedica. Si commuove, Ruggeri, quando cita questo episodio  come pure quando ricorda le date canoniche del circolo : l'11 novembre, San Martino, che coincide con il pranzo sociale ed il 1° maggio dove, per tradizione, da oltre un secolo,  gli «Amici Artigiani»  celebrano  la «Festa del lavoro» con brindisi e la banda. Recentemente il circolo ha subìto una visita notturna dai ladri che hanno scardinato la porta e  asportato il  denaro dalla cassa. Un fatto che ha profondamente  addolorato  il buon Oscar. «Non ci voleva - dice scrollando la testa -  con i furti, i vandalismi e  la cattiveria a s’ va pòch lontan». E, come si fa, a dargli torto?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

6commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street