16°

primopiano

'Austria first' al governo, ministri chiave ultradestra ma 'no Oexit'

'Austria first' al governo, ministri chiave ultradestra ma 'no Oexit'
Ricevi gratis le news
0
BERLINO - Prima di tutto vengono "gli interessi del popolo austriaco": in sintesi la lezione di Trump è servita, Austria first. Vienna resta tuttavia "parte integrale" dell'Ue e garantisce un "forte impegno europeo". Con questo programma alla mano, di buon mattino, Sebastian Kurz, il cancelliere più giovane d'Europa, si è presentato dal presidente austriaco con il suo alleato dell'ultradestra, per annunciare la "buona nuova": l'accordo c'è, il governo dei popolari dell'Oevp e dei populisti del Fpoe è pronto a insediarsi.   Nell'elenco del nuovo esecutivo, con cui Vienna scivola decisamente a destra, caselle cruciali come Interni, Difesa ed Esteri saranno assegnate proprio agli oltranzisti del partito un tempo guidato da Joerg Haider. Il diritto di asilo verrà inasprito, il ritorno a Schengen è previsto "solo quando le frontiere esterne saranno sicure", viene promessa più polizia entro il 2020, pene più severe per i crimini sessuali e la violenza. Il pugno duro della destra nazionalista, insomma, nel programma è evidente. Ma si vieta, per i prossimi 5 anni, il referendum sull'Oexit, l'eventuale uscita dell'Austria dall'Ue, e Vienna assicura lealtà ai partner europei, "nel solco del principio di sussidiarietà". In programma ci sono poi gli aiuti annunciati per le famiglie, meno tasse, e l'uscita dal carbone. Entro il 2030, l'Austria vuole puntare su un approvvigionamento energetico, che sia basato esclusivamente sulle rinnovabili.   A questo punto nulla sembra ostacolare la strada del giovane di 31 anni, che a maggio si è preso il partito popolare austriaco, cambiando il colore da nero in turchese, e mettendo il suo nome nel logo, verso la cancelleria. Sabato scorso il patto di coalizione - 180 pagine che sono l'esito di 7 settimane di trattative - ha incassato l'approvazione unanime dei presidi dei due partiti. Il presidente ha affermato di voler contattare i ministri nel weekend, per conoscerli personalmente, e porgere alcune domande, ma ha anche detto che non vede ostacoli. L'ufficializzazione potrebbe arrivare oggi.   La preoccupazione che l'Austria diventi una spina nel fianco dell'Ue, avvicinandosi ai paesi Visegrad, è però quasi esplicita: tanto che van der Bellen ha ribadito che la direzione del governo dovrà essere chiaramente pro-europeista. Kurz, che da ministro degli Esteri della legislatura uscente è riuscito a prendere il potere, virando a destra soprattutto nella gestione dell'emergenza profughi, non ha affatto cambiato linea, dalla vittoria delle elezioni del 15 ottobre. La decisione di affidare gli Interni a uno come Hebert Kickl, mastino del Fpoe, mostra che l'enfant prodige dei conservatori non ammiccava a destra per una temporanea strategia elettorale. Il governo che ha scelto, dopo aver scartato l'ipotesi di consultazioni coi socialdemocratici dell'ex cancelliere Christian Kern - il quale ha annunciato di voler fare una forte opposizione in Parlamento - è a tutti gli effetti un governo di destra, dove l'ultradestra ha una partecipazione quasi paritaria. Dell'esecutivo proposto faranno parte 16 persone: sette ministri e una sottosegretaria del partito popolare Oevp, e sei ministri e un sottosegretario degli alleati del Fpoe. Oltre al vicecancelliere Heinz-Christian Strache, e a Kickl, la difesa va a Mario Kunasek, agli Esteri va Karin Kneissl. Ma un team di diplomatici si trasferirà in cancelleria, per seguire la politica europea. L'Oevp ha una ministra per la Cancelleria, l'Ue, i Media, l'Arte e la Cultura: Gernot Bluemel. Oltre alle Finanze, Hartwig Loeger, l'Economia, Margarete Schramboeck, e la Giustizia, Josef Moser.   Mentre il nuovo governo austriaco si affretta a rendere nota la sua "affidabilità" come partner europeo, l'Europa tarda - forse casualmente, forse no, in altre occasioni le istituzioni sono state più rapide - a congratularsi con il premier Kurz e la formazione del suo governo in cui i ministri chiave di Esteri, Difesa e Interni sono dell'ultradestra nazionalista del Fpoe. Il silenzio delle istituzioni europee emana la diffidenza verso il partito guidato da Heinz-Christian Strache. L'alleato del 'popolare' Kurz, nel Parlamento europeo lo è di Marine Le Pen, di Matteo Salvini, del Pvv di Wilders e dei separatisti fiamminghi. Solo qualche giorno fa, e solo per entrare nel governo, Strache ha rinunciato all'obiettivo di convocare un referendum per portare l'Austria fuori dall'Ue. In compenso, lui fumatore ha cancellato il divieto di fumo nei ristoranti voluto dall'Ue. La "Oexit" non ci sarà, ha assicurato il nuovo governo.   Ma la preoccupazione dell'Ue non si esaurisce lì: dai migranti all'integrazione dell'Unione, le politiche della coalizione turchese-blu sono destinate a scontrarsi con quelle di Bruxelles. E dal momento che l'Austria assumerà la presidenza di turno dell'Ue nel secondo semestre del 2018, i timori di una battuta d'arresto dell'agenda della Commissione europea, in particolare per la riforma di Dublino, sono ancora più concreti. A dare sostanza alle preoccupazioni ci sono le numerose uscite del partito che fu di Georg Haider. L'Fpoe è convinto che l'Europa vada salvata dall'Unione europea, concetto che i suoi alleati in Europa (Front National, Pvv e Lega Nord) hanno ribadito proprio oggi nella riunione delle destre populiste a Praga: "L'Ue è un'organizzazione disastrosa che sta uccidendo l'Europa". Anche se lo Fpoe ha rinunciato alle posizioni più estreme per poter sottoscrivere l'accordo di coalizione, la sua matrice anti-immigrazione e contro una maggiore integrazione europea restano.   "E' importante che il programma di governo austriaco non preveda l'uscita dall'Ue, un 'Oexit', un referendum. Il neo cancelliere Kurz verrà a parlare con noi la prossima settimana a Bruxelles e ascolteremo il suo programma. L'importante è che si muova nella direzione del sostegno all'Europa", ha detto il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani al Tg3. L'idea ipotizzata da Kurz di concedere il passaporto austriaco agli italiani di madrelingua tedesca o ladina sarebbe "una mossa velleitaria, non sarebbe una mossa distensiva". L'Europa ha tanti difetti ma "ha chiuso la stagione dei nazionalismi", ha aggiunto Tajani.    

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Conte il 22 novembre a Parma (10 e 11 dicembre a Bologna)

musica

Paolo Conte il 22 novembre a Parma (10 e 11 dicembre a Bologna)

Ambra e Allegri  si sposano: matrimonio previsto a giugno 2019

GOSSIP

Ambra e Allegri si sposano: matrimonio previsto a giugno 2019

Manhattan Transfer, a Carpi l'unica data italiana

musica

Manhattan Transfer, a Carpi l'unica data italiana

Notiziepiùlette

Ultime notizie

iPad pro, il tablet che sostituisce il Pc

HI-TECH

iPad pro, il tablet che sostituisce il Pc

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Polveri sottili

ambiente

Torna l'emergenza pm10: blocco del traffico in arrivo? Video

lavori

17 e 19 notte, A1 chiusa tra Parma e bivio Autocisa (verso Milano): traffico su tangenziale e via Emilia

anteprima gazzetta

Giallo a Collecchio, auto forata da colpo di arma da fuoco

ospedale

Ancora grave il bimbo ustionato a Busseto Video

12Tg Parma

Alla fermata del bus con un chilo e mezzo di marijuana nello zaino: arrestato Video

colorno

Addio ad Alberto Panciroli, il libraio della Reggia

verso le feste

Luminarie, sabato si "accende" il Natale (l'8 dicembre l'albero in piazza) Video

calcio

Due giornate a Higuain: salterà il Parma. E intanto i tifosi sognano... Video

gazzareporter

Parcheggio davanti al parco Martini: "game over" Le foto

CONQUIBUS

Aversa si dimette da Ateneo e Ospedale, ma deve restare ai domiciliari

1commento

FIDENZA

Scuolabus, nuovi disagi. Il Comune: «Sostituiamo la ditta che ha in appalto i trasporti»

VACCINI

Parma, gli studenti non in regola sono 7mila

1commento

comune

Domande al Comune per sale, contributi e patrocini? Prima devi dire «no» al fascismo

8commenti

URZANO

Cerva uccisa da un bracconiere

2commenti

Zibello

Raid all'alba in una villetta : rubato anche il liquore

Collecchio

Vandali al Mainardi se la prendono con un cestino e un estintore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Caso Tav: M5S alla resa dei conti con la realtà

di Stefano Pileri

LA BACHECA

Ecco 24 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

Pisa

Narcotizza, sequestra e violenta una donna per giorni, arrestato 54enne macedone senza fissa dimora

IL DIVORZIO

Svolta Brexit, definita la bozza dell'accordo

SPORT

Calciomercato

L'Udinese esonera Velazquez e annuncia il sostituto

gazzatifosi

Un "Forza Parma" anche alla Bombonera per Boca-River Foto

SOCIETA'

MUSICA

Courtney, una voce pazzesca per il un video da record

Iniziativa

Siae, Rockol e Alitalia a caccia di nuovi talenti musicali. In volo

MOTORI

MODEL YEAR 2019

Renault rinnova il top di gamma. Nuovi motori per Koleos, Espace e Talisman

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni