12°

news

Vertice May-Macron, destini comuni oltre la Brexit

Vertice May-Macron, destini comuni oltre la Brexit
Ricevi gratis le news
0
(di Alessandro Logroscino) (ANSA) - LONDRA - Un "destino comune" e una condivisione delle stesse sfide che vengono da lontano e vanno oltre la Brexit. E' il refrain che Emmanuel Macron e Theresa May provano a intonare per rinnovare i legami tra Regno Unito e Francia - specialmente sul terreno della difesa e del contenimento dell'immigrazione - nel vertice di Sandhurst: il primo da presidente francese per Macron e forse l'ultimo prima che il divorzio britannico da Bruxelles divenga realtà nel 2019. I risultati sul tappeto sono quelli annunciati, senza conigli dal cilindro.   Affiancati da corpose delegazioni ministeriali, i due leader confermano la fedeltà ai vecchi accordi di Le Touquet sulla gestione condivisa del confine di Calais, ma con qualche novità. May accetta di sborsare una cifra extra di 50 milioni di euro (44,5 milioni di sterline) per rafforzare le installazioni di sicurezza attraverso le quali la Francia continuerà a tenere a bada i migranti sull'altra sponda della Manica anche dopo la Brexit. E promette di rendere più facili le procedure per accogliere almeno una quota di bambini abbandonati accampati tuttora nella città portuale francese (anche se May si guarda bene dall'indicare numeri): "una sfida comune" da affrontare per superare una situazione finora "insoddisfacente", sottolinea Macron, evocando un'accelerazione dei tempi delle pratiche per i più piccoli dai circa sei mesi attuali a "25-30 giorni". In 'cambio' Parigi conferma la volontà di prestare alla Gran Bretagna il celeberrimo arazzo di Bayeux - prezioso simbolo di antiche contese, gelosamente e orgogliosamente custodito nella sua fragilità - seppure verso "il 2022" o giù di lì. Non proprio le premesse per destinare ai libri di storia questo sorridente incontro, ospitato in una giornata di tempo volubile e ventoso dietro i reticolati della Royal Military Academy di Sandhurst. E tuttavia concrete nella direzione di quella sorta di nuovo "entente cordiale post Brexit", evocato dal Guardian in ricordo dell'intesa del 1904 con cui Londra e Parigi misero le basi di una nuova alleanza (allora in chiave anti-tedesca) cominciando con lo spartirsi le zone d'influenza coloniale africane.   Un riferimento importante all'Africa non manca del resto neppure oggi. Con l'annuncio - sempre in in tema di sicurezza e immigrazione - di una cooperazione rafforzata nel continente: sia "nella lotta al terrorismo" in Mali - laddove la premier conservatrice britannica offre tre elicotteri da combattimento Chinook della Raf e alcuni decine di militari in appoggio logistico delle forze di Parigi schierate nel Sahel - sia in quella per la stabilizzazione, lo sviluppo e la pacificazione di quei Paesi da cui tanti migranti partono. Macron da parte sua concede al Regno il riconoscimento di potenza militare europea: una posizione che a accumuna alla stessa Francia e che nemmeno la Brexit può modificare, nota il leader dell'Eliseo, non senza fare riferimento alle radici di un'alleanza che proprio in questo 2018 commemora i cento anni dalla vittoria nella Grande Guerra.   Un'alleanza che rimane e che si fonda peraltro sui "valori", fa eco May, proclamando la volontà comune di fronteggiare "ogni minaccia alle democrazie occidentali" e salutando anche - in tempi nei quali a Londra più che altrove tornano a spirare refoli di guerra fredda - l'impegno francese di accrescere il proprio contributo alla missione Nato a guida britannica in Estonia per far barriera contro quella che Londra definisce "l'aggressione russa in Europa dell'est".   Il tutto lasciando per oggi di sfondo quella Brexit che rimane comunque una potenziale pietra d'intralcio. Perché sarà pur vero - come ripete per l'ennesima volta la signora di Downing Street - che il Regno "si prepara a lasciare l'Ue e non l'Europa". Ma é altrettanto vero che su temi come i futuri accordi commerciali (e sulla sorte di quei servizi finanziari che fanno ricca la City) Parigi e Londra intravvedono in effetti un terreno di competizione. Per una volta da trincee opposte. Come May non può non temere, mentre ribadisce che il suo Paese lascerà pure il mercato unico. E come Macron non nega, osservando sornione di "non essere qui per punire" la Gran Bretagna per la Brexit, ma neppure "per premiarla".  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Maneskin

Maneskin

MUSICA

Primo tour in Europa per i Maneskin. Ecco le date all'estero e in Italia

1commento

Grande Fratello

REALITY SHOW

Grande Fratello: sempre più baci appassionati fra Giulia e Francesco Video

Birrifici in fiera a Sorbolo: ecco chi c'era - Foto

FESTE PGN

Birrifici in fiera a Sorbolo: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cucina di casa alla parmigiana con fantasia

CHICHIBIO

Trattoria Vigolante: cucina di casa alla parmigiana con fantasia

Lealtrenotizie

Luci a led, strade più buie

ILLUMINAZIONE

Luci a led, strade più buie

Violenza

Aggredì senza motivo un ragazzo: condannato il capo di una baby gang

BASILICANOVA

Ladri messi in fuga dai cani

Carcere

Cavalieri: «Il mio impegno per i detenuti nei prossimi cinque anni»

FIDENZA

Addio allo storico meccanico di biciclette, Paolino Pellegrini

RISPARMIO

Libretti al portatore addio, multe a chi non li estingue

LUTTO

Fede e impegno, addio alla «prof» Onelia Ravasini

INTERVISTA

Malmesi: «Il Parma è sano. Noi di passaggio»

Sicurezza

Furto con rissa davanti al Teatro Regio Video

in serata

(Ancora) Auto parcheggiata male crea il caos in stazione

2commenti

stazione

Evade dai domiciliari per comprare droga: arrestata lei e lo spacciatore Video

anteprima gazzetta

Nuovi lampioni in città: i pro e i contro

televisione

Al via "Hairmaster", il talent dei parrucchieri: la star è il "parmigiano" Rossano Ferretti

2commenti

Università

(Il 23 novembre) Apertura dell'anno accademico e laurea ad honorem a don Luigi Ciotti

Parma

Centinaia di studenti in piazza contro razzismo e discriminazioni Video Foto

COMUNE

Oggetti smarriti, i ritrovamenti di ottobre

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Povertà educativa, quei bimbi senza ali

di Anna Maria Ferrari

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

1commento

ITALIA/MONDO

Parere

Padre e madre sui moduli della Carta d'identità: il garante boccia Salvini

Alitalia

Per hostess e steward le nuove divise Alberta Ferretti

SPORT

gossip

Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez vicini alle nozze Foto

CALCIO

Lizhang verso l'acquisizione del Tondela in Portogallo Video

SOCIETA'

Tabacco

Gli Stati Uniti verso la messa al bando delle sigarette al mentolo

MOSTRA

Le foto di Furoncoli raccontano il Sessantotto a Parma

MOTORI

PRIMO TEST

Nuova BMW X5: gli highlights  fotogallery

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni