-0°

LA CURIOSITA'

Viaggio nella stazione Mediopadana. Dove i binari sono… al contrario

«Radiografia» dell’unica fermata dell’alta velocità tra Milano e Bologna

Stazione Mediopadana

Stazione Mediopadana

Ricevi gratis le news
14


OGNI GIORNO 60 TRENI
La stazione «Reggio Emilia AV Mediopadana» è l’unica fermata della linea dell’alta velocità fra Milano e Bologna. Dista una trentina di chilometri da Parma e quattro chilometri da Reggio. Ogni giorno si fermano una sessantina di treni: due minuti di sosta e poi via a 300 chilometri all’ora. Ecco le principali destinazioni raggiungibili senza dover cambiare treno: Roma, Napoli, Milano, Torino, Firenze, Salerno e Bari.

La caratteristica struttura bianca della stazione Mediopadana, che richiama un movimento «a onda», è stata progettata dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava. La stazione - inaugurata nel giugno 2013 - ha quattro binari: il primo binario è riservato alla fermata dei convogli diretti verso nord, al quarto fermano i treni diretti verso sud, e i due binari centrali - separati con cancellate fisse in metallo - sono riservati ai treni in transito.

Il piano in cui si trovano i binari è sopraelevato rispetto alle biglietterie, agli ingressi e alle zone di parcheggio: per salire ci sono ascensori panoramici, scale mobili e scale tradizionali.

FRECCIAROSSA E ITALO

Ogni giorno fermano alla Mediopadana una trentina di treni Frecciarossa di Trenitalia e una trentina di treni Italo della società Nuovo Trasporto Viaggiatori. Non tutti i treni che percorrono la linea fermano alla Mediopadana: la percentuale dei convogli che si fermano si aggira attorno al 30 per cento per i Frecciarossa e attorno al 60 per cento per i treni Italo.


BINARI 1 E 4

È curioso che il binario che si trova dalla parte da cui entrano tutti i viaggiatori - cioè dalla parte in cui ci sono i parcheggi delle auto e dei taxi e dove fermano gli autobus urbani che arrivano da Reggio Emilia - sia l’ultimo in ordine di numerazione, cioè il numero 4. Il primo binario è dall’altra parte, verso l’autostrada del Sole che corre parallela alla linea ferroviaria. «La Mediopadana - affermano a Trenitalia - non è una stazione tradizionale». A cominciare, evidentemente, dalla numerazione dei binari.


VIAGGIANO IN TRE PAGANO IN DUE

Se il cane è di piccole dimensioni e viaggia in un cosiddetto «trasportino», per lui il viaggio è gratis. Nel caso di cani di dimensioni maggiori, è richiesto il pagamento di metà biglietto di seconda classe ma in agosto il prezzo è scontato: 5 euro.

VETRATA PRECIPITATA: ORARI IRRAGGIUNGIBILI

Impossibile leggere questo tabellone delle partenze: ci vorrebbe un… binocolo. Ma come mai ci sono le transenne? Ecco il motivo: all’inizio di giugno una grossa lastra di vetro è caduta dal tetto, fortunatamente senza colpire alcuna persona. Il fatto, ovviamente, ha messo in allarme Trenitalia che - in via precauzionale - ha provveduto a transennare tutti i punti dei marciapiedi in cui, nei cosiddetti «giunti di dilatazione», si trovano lastre simili a quella precipitata. «Verifiche e analisi - assicurano a Trenitalia - sono in corso, per scongiurare qualsiasi pericolo per l’incolumità pubblica».

LA SITUAZIONE DEI PARCHEGGI

Il maxi-parcheggio davanti alla stazione Mediopadana, completamente gratuito, registra spesso il tutto esaurito ed è facile vedere ovunque auto parcheggiate in posizioni irregolari. È quindi necessario prevedere di arrivare con un buon anticipo se si deve parcheggiare l’auto. In questi giorni sono in corso dei lavori di ampliamento della zona riservata alla sosta delle auto. «Se ci fossero anche posti a pagamento – si lamenta un parmigiano che usa spesso la Mediopadana – probabilmente ci sarebbero maggiori possibilità di trovare parcheggio».

OCCHIO A DOVE METTI LE RUOTE

Tra queste due auto malparcheggiate c’è un piccolo canale, che si vede a fatica. Se un automobilista pensasse di parcheggiare in questo «posto» vuoto, si troverebbe sicuramente nei guai. E con un carro gru da chiamare.

UN "NASTRO AZZURRO" LUNGO 1200 METRI

Se non si trova posto davanti alla stazione, si può lasciare l’auto nella zona della Fiera di Reggio, che dista un chilometro e 200 metri. Un itinerario ciclo-pedonale azzurro, con tanto di indicazioni relative alla distanza e ai tempi di percorrenza (a piedi), collega la Fiera alla Mediopadana. Fortemente sconsigliato se si hanno valigie non provviste di ruote.


SIAMO IN CENTRO STORICO?

È proprio vero che la Mediopadana non è una stazione tradizionale. La pavimentazione dell’atrio al piano dei parcheggi è formata da cubetti di porfido, come la piazzetta di un centro storico. Perché mai questa originalità? «Bisognerebbe chiederlo a Santiago Calatrava», è il parere di due ferrovieri.


UNA SANA BOCCATA DI NICOTINA

La fermata alla Mediopadana è apprezzata anche da chi non ha ancora terminato il viaggio: diversi fumatori approfittano dei due minuti di sosta per accendersi una sigaretta. Ma due minuti sono pochi per fumarla tutta: ecco perché sui marciapiedi si vedono tante sigarette spente a metà.


FIORIERE, NON POSACENERE

A proposito di sigarette, sulle fioriere di un bar viene chiesto di riflettere sull’identità delle cose: le fioriere sono una cosa e i posacenere un’altra. Le scritte "Le fioriere non sono dei posacenere" sono molto chiare. 


L'"ALTRA" MEDIOPADANA

Oltre alla Mediopadana sopraelevata che ospita i treni ad alta velocità c’è anche la «versione» bassa: qui fermano i treni regionali della linea Reggio Emilia-Guastalla. In sette minuti si arriva alla stazione di Reggio sulla linea tradizionale Milano-Bologna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lupo

    29 Giugno @ 19.35

    Reggio è la nuova piccola Parigi!! E comunque, resta sempre l'aeroporto a dar lustro alla città

    Rispondi

  • paolo

    27 Giugno @ 22.24

    A parte tutte le diatribe (a Parma ......a Reggio .....) ormai fuori luogo e tempo vorrei precisare alcune cose- Grande opera vista da lontano. Ma comodità ZERO. Parcheggio selvaggio. Ma soprattutto le sale d'aspetto dove sono? Bar piccolissimo, ascensori spesso fuori uso.

    Rispondi

    • Nicola Martini

      28 Giugno @ 00.27

      Sig. Paolo, che tutte le diatribe siano proprio fuori luogo e tempo in realtà non è proprio esatto, quantomeno per il fatto che i protocolli firmati con città come Parma non sono stati rispettati. Ricordo ad esempio che erano state promesse alle città non dotate di fermata in linea inizialmente 12 coppie giornaliere di Tav, poi ridotte a 8 ed infine a 6. Soggetti minimamente scafati (in materia trasporti) non avrebbero creduto alla promessa di un servizio AV propriamente detto per il tramite delle interconnessioni, che da progetto sono considerate raccordi d'emergenza. Detto ciò, una classe dirigente degna di tale nome (da quella locale sino alla nazionale) accantonerebbe la "follia" di una fermata unica e metterebbe a bilancio le risorse per costruire, come normale che sia, stazioni in linea in tutte le città capoluogo. Lo si sarebbe dovuto fare già originariamente a dire il vero, considerato che il costo della Mediopadana avrebbe coperto la costruzione di 4 stazioni normali.

      Rispondi

  • Pier Luigi

    27 Giugno @ 17.28

    60 treni! Ma quanti scendono per visitare Reggio? E quanti prendono una coincidenza (pullman) per Parma? Quanti soldi spesi male, per fortuna non li hanno spesi i destri, sapete quante litanie!

    Rispondi

  • olderthanpilotta

    27 Giugno @ 15.09

    La pavimentazione dell'atrio con cubetti di porfido non è una novità: anche la stazione di Trento (inaugurata nel 1936) è così.

    Rispondi

  • Paolo

    27 Giugno @ 14.59

    paolo.regg@email.it

    Contro la stupidità neanche gli dei possono nulla! Capito PD (Partito Demenziale) perché gli elettori ti stanno stangando a ripetizione? Una stazione "medio"padana a 150 km da Milano ed a 50 km da Bologna, messa nel vuoto cosmico di una periferia malmessa, in una città senza i collegamenti ferroviari sud (già presenti, ad esempio, a Parma) e nord (solo da potenziare, sempre ad esempio, a Parma) dimostra quella stupidità già in aritmetica (da seconda elementare) ed ancor più in geografia (bastava un atlante di scuola per vedere come stavano le cose). Adesso, a pochi anni dalla sua costruzione, è già in fase di problemi strutturali non indifferenti: solo per un fortunatissimo caso la caduta di quella vetrata non ha ucciso alcune persone. E quella stazione è soltanto un dettaglio dell'immensa stupidità che come PD hai profuso in tutta Italia; isole comprese.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Queen: "We will rock you", nuova data a Parma l'11 aprile

Foto d'archivio

Teatro Regio

"We will rock you": nuova data a Parma giovedì 11 aprile

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Brizzi, archiviate le accuse di violenza sessuale

MOLESTIE

Brizzi, archiviate le accuse di violenza sessuale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Maggiolino il culto dell'utilitaria hippy

C'ERA UNA VOLTA

Maggiolino il culto dell'utilitaria hippy Video

Lealtrenotizie

Dopo l'Appennino e la Pedemontana, la neve sta arrivando a Parma. Nevischio in A1 e A15 - Manda le tue foto

PARMENSE

Dopo l'Appennino e la Pedemontana, la neve sta arrivando a Parma. Allerta in A1 e A15  Manda le tue foto

Cinque centimetri di neve in Appennino, nevischio tra Fidenza, Parma e Bologna in A1

PARMA

Scontro auto-scooter in viale Partigiani d'Italia  Foto

ANTEPRIMA GAZZETTA

Ingoia un tagliaunghie: salvato un bimbo di 22 mesi Video

12tgparma

Ladri-vandali devastano la sede della squadra di calcio del Felino Video

12 TG PARMA

Caso Pesci: il Comune di Parma chiederà di costituirsi parte civile Video

1commento

LUTTO

Maria Gorreri stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

12tgparma

Parma facciamo squadra: 227mila euro per i bambini più fragili Video

salute

Alzheimer, all'Università di Parma 200mila dollari per una ricerca sulla proteina "sospetta"

BALI LAWAL

Da top model a operatrice culturale: «Insegno ai giovani ad essere liberi» Foto

carabinieri

Sorpreso a spacciare in stazione e arrestato (dopo colluttazione)

MALTRATTAMENTI

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

Romagnosi

«La mia civetta? Un simbolo dell'antica Grecia»

bardi

Fiamme in un'abitazione: due intossicati da fumo e casa parzialmente inagibile Foto Video

SPACCIO

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

fidenza

Violenza sessuale sulla figlia dell'ex compagna: operaio finisce in carcere

GOVERNO

Il Viminale sblocca fondi per edifici pubblici e strade: 2,6 milioni di euro a 42 Comuni del Parmense

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il ritorno di Berlusconi. La sua sfida più difficile

di Luca Tentoni

1commento

ECONOMIA

Dove investire nel 2019? I suggerimenti di Amundi

ITALIA/MONDO

VENEZUELA

Guaidò si autoproclama presidente, Trump lo riconosce

Calcio

"Non c'è più nessuna speranza per il bomber Sala". L'ultimo drammatico audio: "Ho paura" Video

1commento

SPORT

Baseball

Marc Andrè Habeck è un giocatore del Parma Clima

CALCIO

Salvini: Milan-Napoli, si giocherà senza limitazioni

1commento

SOCIETA'

Regione Lombardia

Fido potrà essere tumulato nella stessa tomba del padrone

SPECIALE SPOSI

Un’organizzazione ideale per la giornata più bella

MOTORI

MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

MOTO

Kawasaki W800, il ritorno al Motor Bike Expo