18°

LA CURIOSITA'

Viaggio nella stazione Mediopadana. Dove i binari sono… al contrario

«Radiografia» dell’unica fermata dell’alta velocità tra Milano e Bologna

Stazione Mediopadana

Stazione Mediopadana

Ricevi gratis le news
14


OGNI GIORNO 60 TRENI
La stazione «Reggio Emilia AV Mediopadana» è l’unica fermata della linea dell’alta velocità fra Milano e Bologna. Dista una trentina di chilometri da Parma e quattro chilometri da Reggio. Ogni giorno si fermano una sessantina di treni: due minuti di sosta e poi via a 300 chilometri all’ora. Ecco le principali destinazioni raggiungibili senza dover cambiare treno: Roma, Napoli, Milano, Torino, Firenze, Salerno e Bari.

La caratteristica struttura bianca della stazione Mediopadana, che richiama un movimento «a onda», è stata progettata dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava. La stazione - inaugurata nel giugno 2013 - ha quattro binari: il primo binario è riservato alla fermata dei convogli diretti verso nord, al quarto fermano i treni diretti verso sud, e i due binari centrali - separati con cancellate fisse in metallo - sono riservati ai treni in transito.

Il piano in cui si trovano i binari è sopraelevato rispetto alle biglietterie, agli ingressi e alle zone di parcheggio: per salire ci sono ascensori panoramici, scale mobili e scale tradizionali.

FRECCIAROSSA E ITALO

Ogni giorno fermano alla Mediopadana una trentina di treni Frecciarossa di Trenitalia e una trentina di treni Italo della società Nuovo Trasporto Viaggiatori. Non tutti i treni che percorrono la linea fermano alla Mediopadana: la percentuale dei convogli che si fermano si aggira attorno al 30 per cento per i Frecciarossa e attorno al 60 per cento per i treni Italo.


BINARI 1 E 4

È curioso che il binario che si trova dalla parte da cui entrano tutti i viaggiatori - cioè dalla parte in cui ci sono i parcheggi delle auto e dei taxi e dove fermano gli autobus urbani che arrivano da Reggio Emilia - sia l’ultimo in ordine di numerazione, cioè il numero 4. Il primo binario è dall’altra parte, verso l’autostrada del Sole che corre parallela alla linea ferroviaria. «La Mediopadana - affermano a Trenitalia - non è una stazione tradizionale». A cominciare, evidentemente, dalla numerazione dei binari.


VIAGGIANO IN TRE PAGANO IN DUE

Se il cane è di piccole dimensioni e viaggia in un cosiddetto «trasportino», per lui il viaggio è gratis. Nel caso di cani di dimensioni maggiori, è richiesto il pagamento di metà biglietto di seconda classe ma in agosto il prezzo è scontato: 5 euro.

VETRATA PRECIPITATA: ORARI IRRAGGIUNGIBILI

Impossibile leggere questo tabellone delle partenze: ci vorrebbe un… binocolo. Ma come mai ci sono le transenne? Ecco il motivo: all’inizio di giugno una grossa lastra di vetro è caduta dal tetto, fortunatamente senza colpire alcuna persona. Il fatto, ovviamente, ha messo in allarme Trenitalia che - in via precauzionale - ha provveduto a transennare tutti i punti dei marciapiedi in cui, nei cosiddetti «giunti di dilatazione», si trovano lastre simili a quella precipitata. «Verifiche e analisi - assicurano a Trenitalia - sono in corso, per scongiurare qualsiasi pericolo per l’incolumità pubblica».

LA SITUAZIONE DEI PARCHEGGI

Il maxi-parcheggio davanti alla stazione Mediopadana, completamente gratuito, registra spesso il tutto esaurito ed è facile vedere ovunque auto parcheggiate in posizioni irregolari. È quindi necessario prevedere di arrivare con un buon anticipo se si deve parcheggiare l’auto. In questi giorni sono in corso dei lavori di ampliamento della zona riservata alla sosta delle auto. «Se ci fossero anche posti a pagamento – si lamenta un parmigiano che usa spesso la Mediopadana – probabilmente ci sarebbero maggiori possibilità di trovare parcheggio».

OCCHIO A DOVE METTI LE RUOTE

Tra queste due auto malparcheggiate c’è un piccolo canale, che si vede a fatica. Se un automobilista pensasse di parcheggiare in questo «posto» vuoto, si troverebbe sicuramente nei guai. E con un carro gru da chiamare.

UN "NASTRO AZZURRO" LUNGO 1200 METRI

Se non si trova posto davanti alla stazione, si può lasciare l’auto nella zona della Fiera di Reggio, che dista un chilometro e 200 metri. Un itinerario ciclo-pedonale azzurro, con tanto di indicazioni relative alla distanza e ai tempi di percorrenza (a piedi), collega la Fiera alla Mediopadana. Fortemente sconsigliato se si hanno valigie non provviste di ruote.


SIAMO IN CENTRO STORICO?

È proprio vero che la Mediopadana non è una stazione tradizionale. La pavimentazione dell’atrio al piano dei parcheggi è formata da cubetti di porfido, come la piazzetta di un centro storico. Perché mai questa originalità? «Bisognerebbe chiederlo a Santiago Calatrava», è il parere di due ferrovieri.


UNA SANA BOCCATA DI NICOTINA

La fermata alla Mediopadana è apprezzata anche da chi non ha ancora terminato il viaggio: diversi fumatori approfittano dei due minuti di sosta per accendersi una sigaretta. Ma due minuti sono pochi per fumarla tutta: ecco perché sui marciapiedi si vedono tante sigarette spente a metà.


FIORIERE, NON POSACENERE

A proposito di sigarette, sulle fioriere di un bar viene chiesto di riflettere sull’identità delle cose: le fioriere sono una cosa e i posacenere un’altra. Le scritte "Le fioriere non sono dei posacenere" sono molto chiare. 


L'"ALTRA" MEDIOPADANA

Oltre alla Mediopadana sopraelevata che ospita i treni ad alta velocità c’è anche la «versione» bassa: qui fermano i treni regionali della linea Reggio Emilia-Guastalla. In sette minuti si arriva alla stazione di Reggio sulla linea tradizionale Milano-Bologna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lupo

    29 Giugno @ 19.35

    Reggio è la nuova piccola Parigi!! E comunque, resta sempre l'aeroporto a dar lustro alla città

    Rispondi

  • paolo

    27 Giugno @ 22.24

    A parte tutte le diatribe (a Parma ......a Reggio .....) ormai fuori luogo e tempo vorrei precisare alcune cose- Grande opera vista da lontano. Ma comodità ZERO. Parcheggio selvaggio. Ma soprattutto le sale d'aspetto dove sono? Bar piccolissimo, ascensori spesso fuori uso.

    Rispondi

    • Nicola Martini

      28 Giugno @ 00.27

      Sig. Paolo, che tutte le diatribe siano proprio fuori luogo e tempo in realtà non è proprio esatto, quantomeno per il fatto che i protocolli firmati con città come Parma non sono stati rispettati. Ricordo ad esempio che erano state promesse alle città non dotate di fermata in linea inizialmente 12 coppie giornaliere di Tav, poi ridotte a 8 ed infine a 6. Soggetti minimamente scafati (in materia trasporti) non avrebbero creduto alla promessa di un servizio AV propriamente detto per il tramite delle interconnessioni, che da progetto sono considerate raccordi d'emergenza. Detto ciò, una classe dirigente degna di tale nome (da quella locale sino alla nazionale) accantonerebbe la "follia" di una fermata unica e metterebbe a bilancio le risorse per costruire, come normale che sia, stazioni in linea in tutte le città capoluogo. Lo si sarebbe dovuto fare già originariamente a dire il vero, considerato che il costo della Mediopadana avrebbe coperto la costruzione di 4 stazioni normali.

      Rispondi

  • Pier Luigi

    27 Giugno @ 17.28

    60 treni! Ma quanti scendono per visitare Reggio? E quanti prendono una coincidenza (pullman) per Parma? Quanti soldi spesi male, per fortuna non li hanno spesi i destri, sapete quante litanie!

    Rispondi

  • olderthanpilotta

    27 Giugno @ 15.09

    La pavimentazione dell'atrio con cubetti di porfido non è una novità: anche la stazione di Trento (inaugurata nel 1936) è così.

    Rispondi

  • Paolo

    27 Giugno @ 14.59

    paolo.regg@email.it

    Contro la stupidità neanche gli dei possono nulla! Capito PD (Partito Demenziale) perché gli elettori ti stanno stangando a ripetizione? Una stazione "medio"padana a 150 km da Milano ed a 50 km da Bologna, messa nel vuoto cosmico di una periferia malmessa, in una città senza i collegamenti ferroviari sud (già presenti, ad esempio, a Parma) e nord (solo da potenziare, sempre ad esempio, a Parma) dimostra quella stupidità già in aritmetica (da seconda elementare) ed ancor più in geografia (bastava un atlante di scuola per vedere come stavano le cose). Adesso, a pochi anni dalla sua costruzione, è già in fase di problemi strutturali non indifferenti: solo per un fortunatissimo caso la caduta di quella vetrata non ha ucciso alcune persone. E quella stazione è soltanto un dettaglio dell'immensa stupidità che come PD hai profuso in tutta Italia; isole comprese.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

5commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

anteprima gazzetta

L'export made in Parma vola: +13% nel secondo trimestre

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

2commenti

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

1commento

CALCIO

Gobbi a Bar Sport: "A Napoli per tentare di fare punti" Video

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

7commenti

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Aggressione

"Violento predatore sessuale", condanna tra 3 e 10 anni a Bill Cosby, il papà de "i Robinson"

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOFTBALL

Collecchio Under 13, la fotogallery delle finali nazionali

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel