14°

TRIPOLI

Archivio Gazzetta di Parma - I tre italiani liberati in Libia: «Quel carcere è un inferno»

La loro missione resta un mistero
Ricevi gratis le news
0

In questo articolo pubblicato il 28 agosto 2011 dalla Gazzetta di Parma parlano i tre italiani che erano stati arrestati dal regime di Gheddafi e poi liberati. Fra loro Antonio Cataldo

TRIPOLI
«Ci chiedevano “Siete spie?”. E giù botte».
Il racconto di un mese da incubo

Catturati in Tunisia, nella zona turbolenta al confine con la Libia, e consegnati alle milizie di Gheddafi. Poi rinchiusi in carcere, ammanettati, bendati, picchiati.
Un’esperienza lunga un mese, durissima, che racconteranno nei dettagli «solo quando saremo in Italia, qui non ci sentiamo al sicuro», dicono Antonio Cataldo, 27 anni, di Chiusano di San Domenico (Avellino), Luca Boero (42), genovese, e Vittorio Carella, anche lui 42enne, di Peschiera Borromeo (Milano).
Liberati tra domenica e lunedì scorsi dai ribelli, sono stati accompagnati all’Hotel Corinthia di Tripoli, dove si trovano anche molti degli inviati italiani e internazionali che stanno raccontando la guerra.
Torneranno in Italia insieme ai quattro giornalisti sequestrati e liberati.
«Dal 23 di luglio siamo scomparsi nel nulla e ci ha ritrovati cinque giorni fa un gruppo di ribelli: hanno assaltato un carcere, hanno liberato i prigionieri all’interno e hanno liberato tutti quanti, probabilmente per avere più ribelli possibili per combattere a Tripoli», racconta al Tg1, ripreso di spalle, uno dei tre. Durante gli interrogatori in carcere - non è chiaro quale, forse quello di Maya, a 25 chilometri da Tripoli, o forse la terribile prigione di Abu Salim, in città, teatro delle peggiori violenze - gli uomini di Gheddafi «volevano sapere se eravamo spie, chi ci aveva mandato, chi ci pagava, cosa facevamo lì. Mi hanno preso a calci, mi hanno preso a pugni in faccia. Non so più che altro dire».
Cataldo, Boero e Carella non dicono cosa erano andati a fare in Libia, affermando però di «non avere niente da nascondere». Boero – un body guard che ha lavorato in numerosi locali notturni di Genova come addetto alla sicurezza, esperto di arti marziali e piuttosto noto nel suo settore in città – si limita a spiegare che «avevamo un incontro, vicino a Bengarden», ma appena giunti in Tunisia «siamo stati presi e consegnati alle forze» di Gheddafi. «Questo è tutto quello che posso dire». Pare che, insieme ai suoi due compagni, fosse partito per lavorare in qualità di addetto alla sicurezza per conto di alcune famiglie benestanti libiche. Contractor, insomma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Maneskin

Maneskin

MUSICA

Primo tour in Europa per i Maneskin. Ecco le date all'estero e in Italia

1commento

Grande Fratello

REALITY SHOW

Grande Fratello: sempre più baci appassionati fra Giulia e Francesco Video

Birrifici in fiera a Sorbolo: ecco chi c'era - Foto

FESTE PGN

Birrifici in fiera a Sorbolo: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cucina di casa alla parmigiana con fantasia

CHICHIBIO

Trattoria Vigolante: cucina di casa alla parmigiana con fantasia

Lealtrenotizie

Rubano una borsa, poi aggrediscono a bottigliate: due denunce

Sicurezza

Furto con rissa davanti al Teatro Regio Video

in serata

(Ancora) Auto parcheggiata male crea il caos in stazione

Università

(Il 23 novembre) Apertura dell'anno accademico e laurea ad honorem a don Luigi Ciotti

Parma

Centinaia di studenti in piazza contro razzismo e discriminazioni Video Foto

televisione

Al via "Hairmaster", il talent dei parrucchieri: la star è il "parmigiano" Rossano Ferretti

1commento

Parma

Nasce lo "spazzino di quartiere": 20 operatori in tutta la città. Video di "Io parlo parmigiano"

Lo spazzino sarà riconoscibile da una pettorina speciale con poesie su Parma

4commenti

COMUNE

Oggetti smarriti, i ritrovamenti di ottobre

qualità della vita

Anche secondo Ey Parma nella top 10 delle città più smart d'Italia

Dl Genova

Pizzarotti: "M5s ha spento la stella dell'ambiente"

1commento

PARMA

Biciclette recuperate dalla polizia: qualcuno le riconosce? Foto

"I legittimi proprietari - dice la polizia - potranno presentarsi presso quest'Ufficio per ottenerne la restituzione muniti della relativa denuncia di furto"

1commento

Parma

Rubano una borsa, poi aggrediscono alcuni ragazzi a bottigliate: denunciati Video

SMOG

A Parma 30mila auto inquinanti

18commenti

Storia

I Ris di Parma risolvono l'ennesimo giallo. Questa volta...con la macchina del tempo

Pico della Mirandola fu avvelenato con l'arsenico

Colorno

Al funerale le ultime parole di Panciroli

VIA EMILIA

Lavori sul cavalcavia, ancora code e tamponamenti

Ponte sul Po

Ricorso al Tar, cittadini e amministratori preoccupati. Ecco cosa succederà

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Povertà educativa, quei bimbi senza ali

di Anna Maria Ferrari

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Auto si incendia dopo lo scontro: due morti carbonizzati

BOLOGNA

Sfregiata con l'acido: Tavares condannato a 15 anni

SPORT

gossip

Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez vicini alle nozze Foto

CALCIO

Lizhang verso l'acquisizione del Tondela in Portogallo Video

SOCIETA'

ECCELLENZA

Il tartufo record del 2018 finisce a un ristorante italiano a Dubai

MOSTRA

Le foto di Furoncoli raccontano il Sessantotto a Parma

MOTORI

PRIMO TEST

Nuova BMW X5: gli highlights  fotogallery

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni