-0°

TRIPOLI

Archivio Gazzetta di Parma - I tre italiani liberati in Libia: «Quel carcere è un inferno»

La loro missione resta un mistero
Ricevi gratis le news
0

In questo articolo pubblicato il 28 agosto 2011 dalla Gazzetta di Parma parlano i tre italiani che erano stati arrestati dal regime di Gheddafi e poi liberati. Fra loro Antonio Cataldo

TRIPOLI
«Ci chiedevano “Siete spie?”. E giù botte».
Il racconto di un mese da incubo

Catturati in Tunisia, nella zona turbolenta al confine con la Libia, e consegnati alle milizie di Gheddafi. Poi rinchiusi in carcere, ammanettati, bendati, picchiati.
Un’esperienza lunga un mese, durissima, che racconteranno nei dettagli «solo quando saremo in Italia, qui non ci sentiamo al sicuro», dicono Antonio Cataldo, 27 anni, di Chiusano di San Domenico (Avellino), Luca Boero (42), genovese, e Vittorio Carella, anche lui 42enne, di Peschiera Borromeo (Milano).
Liberati tra domenica e lunedì scorsi dai ribelli, sono stati accompagnati all’Hotel Corinthia di Tripoli, dove si trovano anche molti degli inviati italiani e internazionali che stanno raccontando la guerra.
Torneranno in Italia insieme ai quattro giornalisti sequestrati e liberati.
«Dal 23 di luglio siamo scomparsi nel nulla e ci ha ritrovati cinque giorni fa un gruppo di ribelli: hanno assaltato un carcere, hanno liberato i prigionieri all’interno e hanno liberato tutti quanti, probabilmente per avere più ribelli possibili per combattere a Tripoli», racconta al Tg1, ripreso di spalle, uno dei tre. Durante gli interrogatori in carcere - non è chiaro quale, forse quello di Maya, a 25 chilometri da Tripoli, o forse la terribile prigione di Abu Salim, in città, teatro delle peggiori violenze - gli uomini di Gheddafi «volevano sapere se eravamo spie, chi ci aveva mandato, chi ci pagava, cosa facevamo lì. Mi hanno preso a calci, mi hanno preso a pugni in faccia. Non so più che altro dire».
Cataldo, Boero e Carella non dicono cosa erano andati a fare in Libia, affermando però di «non avere niente da nascondere». Boero – un body guard che ha lavorato in numerosi locali notturni di Genova come addetto alla sicurezza, esperto di arti marziali e piuttosto noto nel suo settore in città – si limita a spiegare che «avevamo un incontro, vicino a Bengarden», ma appena giunti in Tunisia «siamo stati presi e consegnati alle forze» di Gheddafi. «Questo è tutto quello che posso dire». Pare che, insieme ai suoi due compagni, fosse partito per lavorare in qualità di addetto alla sicurezza per conto di alcune famiglie benestanti libiche. Contractor, insomma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

brad pitt & charlize theron

gossip

Brad Pitt e Charlize Theron stanno insieme (secondo la stampa inglese)

L'espressività della danza "catturata" in 25 scatti: mostra a Bibbiano

FOTOGRAFIA

L'espressività della danza "catturata" in 25 scatti: mostra a Bibbiano Foto Video

Marco eliminato, allievi Amici occupano la scuola

Foto da Instagram di Marco Alimenti

televisione

Marco eliminato dal professore di ballo: gli allievi di Amici occupano la scuola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il CineFilo

CINEMA

Da Maria Stuarda al film-realtà "Mia e il leone bianco": i consigli del Cinefilo Video

di Filiberto Molossi

Lealtrenotizie

Ciclista caduto a Cabriolo: sul posto anche l'elicottero del 118

FIDENZA

Cabriolo: ferito un ciclista caduto in via Ponte Nuovo Video

L'uomo ha riportato ferite di media gravità

APPELLO

Massacro di Natale, i giudici: «Alessio senza pietà, ma subalterno al padre ed educato al cinismo e alla violenza»

WEEKEND

Benedizioni degli animali, escursioni e falò: l'agenda della domenica

FELINO

Auto fuori strada a Poggio Sant'Ilario: gravi due ragazze

Soragna

Buttano i rifiuti in tangenziale ma il sindaco li fa multare

2commenti

san leonardo

Auto in fiamme in via Milano La spaventosa sequenza video

FIDENZA

Chiusi fuori casa dai ladri

1commento

FIDENZA

È morto il professor Rossini

VIDEOSORVEGLIANZA

Il vicesindaco Bosi: «Palasport a rischio furti. Interverremo»

PARMA

Donati al Senegal i vecchi arredi della Scuola per l'Europa Video

COMUNE

Domenica ecologica: niente veicoli inquinanti entro l'anello delle tangenziali fino alle 18,30

COLLECCHIO

Addio a «Gigetto», casaro appassionato di moto

1commento

Intervista

Raphael Gualazzi: «A Parma torno sempre volentieri»

QUATTRO CASTELLA

"Il fantasma protegge il castello": il Bianello fra suggestione, storia e turismo Video-intervista

Sono tante le storie legate al maniero matildico. Parla l'assessore alla Cultura Danilo Morini

1commento

12 tg parma

A Parma il fenomeno "Momo": allarme sui cellulari dei giovanissimi Video

SAN POLO D'ENZA

Vende un cellulare online ma è una truffa: denunciato 49enne

Denunciato un 49enne di Napoli. La vittima del raggiro è un 35enne di San Polo d'Enza

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Cesare Battisti e il peccatore che vive in noi

di Michele Brambilla

IL DISCO

Led Zeppelin I, quando la leggenda ebbe inizio Video

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

GIALLO

Bologna: grave una donna trovata in strada priva di sensi e senza cappotto

BERGAMO

Donna carbonizzata: l'ex amante del marito confessa l'omicidio

SPORT

20a giornata

Atalanta, che cinquina (al Frosinone). Fiorentina, pari thrilling Risultati e classifica

Cortina

Vonn, annuncio choc: "Finisce qui". Quell'abbraccio con la Goggia che commuove Foto

SOCIETA'

Ravenna

«Preside gay» sul muro della scuola. Lui: «Non lo cancellerò»

cucina

"Il sale rosa dell'Himalaya è un bluff: è impuro e costa il doppio"

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai