-1°

L'intervista - Michela Sillari

"Vincere si può. Col bel gioco"

Sei Nazioni: "Contro le scozzesi serviranno più palloni per i trequarti. Il nostro obiettivo restano tre successi"

Sei Nazioni

La squadra di rugby femminile

Ricevi gratis le news
0

 

Domenica, 23 febbraio, Michela Sillari compirà 21 anni. E la sorte gli ha riservato, a lei che ha scelto di giocare a rugby, di festeggiare il compleanno affrontando la Scozia nel Sei Nazioni. Non è la prima volta però che il suo compleanno coincide con gli impegni azzurri: febbraio è sempre tempo di nazionale. La trequarti del Colorno è stata infatti confermata, al pari della sua compagna di squadra Irene Campanini, per il terzo turno del prestigioso torneo, prima partita casalinga per le azzurre che si disputerà in Campania, a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Per la nazionale femminile del commissario tecnico Andrea Di Giandomenico quello contro le britanniche sarà una sorta di esame di maturità. Infatti dopo un debutto a dir poco pirotecnico culminato con la vittoria 12-11 a Port Talbot in Galles, le azzurre hanno poi frenato sensibilmente in Francia. L'8 febbraio scorso, infatti, a Blagnac hanno rimediato un perentorio 29-0 da parte delle transalpine. Ecco perché adesso, tra le mura amiche, l'Italdonne deve dimostrare di essersi prontamente ripresa dal recente ko. E a Michela, che abita a Bogolese e studia Ingegneria all'Università, spetterà il compito, dall'alto dei suoi 16 «caps», di essere una delle trascinatrici. I numeri per farlo la trequarti biancorossa li ha tutti: in campo è tenace e fredda al punto giusto. Lo ha dimostrato anche quando, contro le gallesi, ha preso il posto della Schiavon dalla piazzola. Piazzare, in fin dei conti, le piace e si allena sempre con serietà. La stessa con cui studia.
In questo Sei Nazioni siete partite molto bene con il Galles. Poi con la Francia è andata male. E' stato un passo indietro? C'è da preoccuparsi?
«La Francia, comunque, quest'anno è una delle squadre candidate a vincere il Sei Nazioni. E' molto competitiva e sapevamo che contro le transalpine sarebbe stata dura».
Quanto vi è bruciato però essere state sconfitte senza riuscire a segnare neppure un punto?
«Devo dire che purtroppo non abbiamo giocato benissimo. Il primo tempo è andato meglio, eravamo in svantaggio solo 0-5. L'errore è stato forse quello di non riuscire a concretizzare quanto di buono avevamo fatto. Nella ripresa loro ci hanno fatto soffrire e abbiamo ceduto alla loro maggiore fisicità. E' per questo motivo che il punteggio è stato così pesante».
Domenica, giorno del suo ventunesimo compleanno, affronterete la Scozia. Vi siete date un obiettivo in questo Sei Nazioni? Ad esempio, quante vittorie puntate a ottenere?
«Devo dire che il nostro obiettivo iniziale era quello di riuscire a vincere le prime tre partite. Ma la Francia ci ha messo sotto. Del resto, aveva battuto l'Inghilterra al debutto e quindi ci poteva stare di arrendersi contro una nazionale così preparata».
Per ottenere tre successi comunque c'è ancora tempo.
«Adesso dobbiamo pensare a battere la Scozia e successivamente a fare bene nelle ultime due partite anche se Inghilterra e Irlanda sono due squadre davvero molto forti».
Contro le scozzesi quale può essere la chiave per vincere?
«Un gioco più veloce e aperto, con più palloni per i trequarti. Non come contro la Francia».
Lei ha giocato ala e centro. Ma qual è il suo vero ruolo?
«Il mio ruolo è centro».
Contro il Galles lei ha anche piazzato.
«La Schiavon non è potuta scendere in campo perché aveva la febbre e io l'ho sostituita come calciatrice».
Una responsabilità in più.
«Io sono la seconda calciatrice e perciò toccava a me. Devo dire che piazzare mi piace anche se è difficile e delicato. Occorre sangue freddo».
E lei pensa di averlo?
«Direi di sì, pensavo peggio. Non ero tanto agitata. Comunque ora la Schiavon è tornata».
Non ha mai pensato di provare a fare un'esperienza rugbistica all'estero, ad esempio in Francia o in Inghilterra?
«Ci ho pensato, ma prima dovrei almeno finire i primi tre anni di Università. E' un'ipotesi che mi tenta. Tra le mie compagne azzurre ci sono ragazze che giocano in Francia e mi hanno detto che il livello rugbistico femminile è molto più alto rispetto all'Italia. Idem per quanto riguarda l'Inghilterra, in cui si gioca un rugby che mi piacerebbe provare a conoscere. Credo che un'esperienza all'estero potrebbe servirmi per migliorare».
Lei gioca ad alti livelli, ma studia anche Ingegneria. Riesce sempre a conciliare i due impegni?
«Io faccio del mio meglio. Fortunatamente chi mi allena è disponibile con chi ha impegni di studio o di lavoro. Faccio un esempio: giovedì, giorno del raduno azzurro in Campania, ho un esame e per questo motivo mi è stato concesso di arrivare alla sera e non al pomeriggio. Infatti non siamo professioniste e perciò dobbiamo far combaciare tutto».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma.

Cinema

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma

Quasi 6 mln e 21.9% per 1/a parte Adrian

ASCOLTI TV

Quando c'è il Molleggiato in scena quasi 6 milioni di spettatori per "Adrian"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nino Frassica a Roccabianca, Amanda Sandrelli a Fidenza, aspettando Flashdance al Regio

VELLUTO ROSSO

Attesa per Flashdance al Regio

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

MALTRATTAMENTI

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

SPACCIO

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

Romagnosi

«La mia civetta? Un simbolo dell'antica Grecia»

BALI LAWAL

Da top model a mediatrice culturale: «Insegno ai giovani ad essere liberi»

Borgotaro

È morto Marco Terroni, il prof cercatore di funghi

BERCETO

Addio al consigliere comunale Roberto Ablondi

LUTTO

Maria Gorreri, stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

Teatro Due

RezzaMastrella, l'adrenalina in scena

immigrazione

"Caso Cara", Pizzarotti: "Pagina nera del governo"

bedonia

Scopre il ladro in casa, lo insegue e lo riconosce: arrestato un giovane del paese Video

Parma

Minacce, insulti e tensione alla biglietteria della stazione: denunciata una 25enne

legambiente

Brescia, Lodi e Monza le città più inquinate. Parma seconda in Emilia: "Si respira smog un giorno su tre"

2commenti

sentenza

Tecnici rapiti in Libia: condannati 3 manager della Bonatti, "Pronti all'appello"

La società: «Pur non condividendo l’esito del giudizio, siamo vicini alle famiglie dei dipendenti deceduti nei tragici fatti».

Udinese-Parma

Parma-San Daniele, dal campo alla tavola lo sfottò è...affettato Video

La storia

Linda Vukaj, dalla fuga in barcone ai viaggi da fotografa senza confini-Gli scatti

Just eat

Healthy food: Parma nella top ten in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Da Cagliari è salpato il partito del non voto

di Vittorio Testa

2commenti

LA BACHECA

Ecco 78 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

Mantova

Lo chef stellato Tamani rapinato e sequestrato per 1 ora nel suo ristorante

POLITICA

Di Maio: "Lino Banfi nominato nella commissione Unesco". L'ironia di Salvini

SPORT

calciomercato

E' fatta, Piatek va al Milan (per 40 milioni)

arbitri

Nicchi: "Var, i tifosi tranne pochi scemi sono meglio di addetti ai lavori"

SOCIETA'

WASHINGTON

Le cascate del Niagara ghiacciate Video

ristoranti stellati

Chef italiano festeggia la terza stella Michelin in Francia

MOTORI

ANTEPRIMA

Toyota, il nuovo Rav4 arriva a marzo

MOTORI

Citroën: ecco C3 Uptown, l'auto «pour homme»