12°

20°

Rugby

Calvisano è campione d'Italia

Battuta Rovigo in finale per 11-10.

Calvisano è campione d'Italia
Ricevi gratis le news
0
Il Cammi Calvisano conquista il quinto scudetto della propria storia, il secondo consecutivo, superando per 11-10 la FemiCZ Rovigo nella Finale giocata questa sera allo Stadio “Mario Battaglini”, casa dei Bersaglieri.
 
Il successo dei bresciani nella Finale del Campionato Italiano d’Eccellenza 2014/2015 arriva in fondo ad ottanta minuti da ricordare nella storia del rugby italiano, con la squadra di Gianluca Guidi - in inferiorità numerica per quasi tre quarti della gara per un cartellino rosso mostrato da Mitrea al pilone Costanzo per stamping – applaudita a fine gara dal pubblico di Rovigo.  
 
La cronaca
 
Nei primi dieci minuti, i padroni di casa mostrano un pacchetto di mischia in grande giornata, mettono pressione al Calvisano ma faticano a mantenere il possesso, con una serie di in-avanti che riconsegnano l’ovale al Calvisano.
 
Gli ospiti, dopo il piazzato di Seymour in apertura di gara che smuove il tabellino, sembrano soffrire nelle fasi statiche ma, poco dopo il quarto d’ora, su un attacco veloce, ancora il numero dieci giallonero inventa il calcio all’ala che Di Giulio raccoglie, planando in meta. Da posizione defilata Seymour non trasforma, ma la marcatura ospite gela il pubblico di casa.
 
Rovigo sembra accusare il colpo nella fase centrale del primo tempo, il pubblico sostiene i ragazzi di Filippo Frati ma al ventiquattresimo è Calvisano a poter affondare nuovamente: Steyn avanza in percussione, serve Chiesa e l’estremo lancia Rokobaro all’ala. Il figiano trova l’intervallo giusto ma perde palla in avanti, niente di fatto.
 
Al ventisettesimo, su un maul del Calvisano, l’episodio che sembra destinato a cambiare il match: Costanzo colpisce un avversario a terra, Mitrea chiede l’intervento con il TMO e dopo una lunga consultazione con Pennè, in cabina di regia, mostra il cartellino rosso al pilone destro degli ospiti.
 
Con un uomo in meno, però, i Campioni in carica provano a spingere sull’acceleratore invece che optare per una strategia conservativa e chiudono il primo tempo allungando ulteriormente con Seymour, che non sbaglia dalla piazzola: si va a riposo sullo 0-11.
 
Rovigo torna in campo decisa a rimontare, si riversa subito in avanti e accorcia le distanze con Basson dalla piazzola, 3-11. I Bersaglieri attaccano in forze, ma faticano come nel primo tempo a conservare l’ovale ed all’undicesimo Bergamo intercetta un pallone sventagliato al largo dall’attacco rossoblù. Il centro calvino si invola ma viene recuperato, dal punto d’incontro che segue Calvisano ottiene un piazzato che però Seymour, questa volta, stampa sul palo.
 
Al quarto d’ora della ripresa, Mitrea ristabilisce temporaneamente la parità numerica con un giallo al tallonatore di casa Ceccato, che ferma ripetutamente in modo falloso il maul bresciano. Calvisano ha due possibilità dalla piazzola nei dieci minuti di parità numerica, ma non concretizza mentre Rovigo continua ad evidenziare i problemi di conservazione dell’ovale.
 
Quando si entra negli ultimi quindici minuti di gara, e Rovigo ritrova la superiorità, il risultato non è cambiato: sempre 3-11. Calvisano sembra accusare la stanchezza, Rovigo cerca con un ultimo sforzo di riaprire i conti installandosi nella metà campo avversaria mentre i minuti passano rapidamente. Alla mezzora, da rimessa laterale, i Bersaglieri avanzano con il maul e sfondano oltre la linea bresciana, ma l’azione è viziata da un velo che vanifica gli sforzi dei rossoblù.
 
 La squadra di casa ed il coloratissimo pubblico del “Battaglini” continuano a credere nella rimonta e, mentre si entra nelle battute finali della Finale scudetto, sembrano andare nuovamente al di là della linea avversaria con un pick-and-go: intervento del TMO e nulla da fare.
 
Calvisano è in apnea, assediato nei propri cinque metri dagli attacchi ospiti che vengono premiati a due minuti dalla fine: dopo una nuova serie di raccoglie e vai, è il capitano in pectore della Femi-CZ Rovigo, Luke Mahoney, entrato nella ripresa, ad andare in meta.
 
Basson trasforma e porta i suoi a -1, 10-11, quando manca un minuto al fischio finale.
 
Seymour rimette la palla in gioco, calciando in profondità nei ventidue di Rovigo che prova subito a contrattaccare. Ma, ancora una volta, una perdita di possesso risulta fatale al XV di casa: Majstorovic va a contatto ma perde l’ovale e Mitrea fischia la fine della gara, consegnando partita e titolo di Campione d’Italia al Cammi Calvisano.
 
Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – sabato 30 maggio
 
Eccellenza, Finale Titolo
 
Femi-CZ Rovigo v Cammi Calvisano 10-11
 
Marcatori: p.t. 4’ cp. Seymour (0-3); 17’ m. Di Giulio (0-8); 37’ cp. Seymour (0-11); s.t. 4’ cp. Basson (3-11); 38’ m. Mahoney tr. Basson (10-11)
 
Femi-CZ Rovigo: Basson; Menon (21’ st. Mahoney), Majstorovic, Van Niekerk, McCann; Rodriguez, Bronzini; De Marchi (19’ st. Lubian E.), Caffini, Ruffolo; Ferro (cap.), Boggiani; Roan (21’ st. Ravalle), Ceccato, Quaglio (33’ st. Roan)
 
all. Frati
 
Cammi Calvisano: Chiesa; Di Giulio (29’ pt. Panico), Bergamo (39’ st. Buscema), Castello (cap, 26’ st. Castello), Rokobaro; Seymour, Violi M.;  Steyn, Mbandà, Belardo; Beccaris, Cavalieri; Costanzo (27’ st. Ngawini), Ferraro, Morelli
 
all. Guidi
 
arb. Mitrea
 
g.d.l. Rizzo, Roscini
 
quarto uomo: Brescacin
 
quinto uomo: Mariotti
 
TMO: Pennè
 
Cartellini: 27’ pt. cartellino rosso Costanzo (Calvisano); 15’ st. giallo Ceccato (Rovigo)
 
Man of the match: Steyn (Calvisano)
 

Calvisano è campione d'Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Ken Kercheval: Cliff Barnes, il rivale di JR in Dallas

Lutto

E' morto Ken Kercheval: Cliff Barnes, il rivale di JR in Dallas

Torna Springsteen... in stile Burt Bacharach: Western Stars esce il 14 giugno

nuovo album

Torna Springsteen... in stile Burt Bacharach: Western Stars esce il 14 giugno

La donna più bella del mondo (secondo "People") è Jennifer Garner

donne

La donna più bella del mondo (secondo "People") è Jennifer Garner

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Una visita virtuale a Notre-Dame

HI-TECH

Una visita virtuale a Notre-Dame

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

25 Aprile, Parma in piazza (e in corteo) canta "Bella Ciao" - Video -

Liberazione

25 Aprile, Parma scende in piazza e canta "Bella Ciao" - I discorsi - Video 

3commenti

12Tg Parma

Raid notturno nella zona di via Langhirano

ANTEPRIMA GAZZETTA

San Leonardo, residenti esasperati dai misteriosi lanci di sassi

tempo libero

Mercatino di via Spezia, il 25 Aprile tra bancarelle e curiosità - Le foto

fidenza

Oltre 150 mezzi militari per la rievocazione storica "Colonna della Libertà" Fotogallery Video

Liberazione

Moni Ovadia: "Salvini ignora le leggi: non sa cosa sia il 25 Aprile" - Video

Intervista post orazione

3commenti

paura ieri sera

Si accende una sigaretta (elettronica?) in sala: allarme, evacuato il "Cinema Space Campus". Centinaia di persone in strada - Video

6commenti

corsa salvezza

Verso Chievo-Parma, appello ai tifosi di Kucka: "Tutti a Verona!" Video

piacenza

Investito da fiammata al lavoro, 22enne gravemente ustionato ricoverato al Maggiore

Colpito il 60% del corpo.Trasportato al centro ustionati dell'Ospedale di Parma

carabinieri

Incendio in un negozio, paura nella notte in via Garibaldi

Montecchio

Peppone e Don Camillo inaugurano la Fiera di San Marco - Le foto

IL PROVVEDIMENTO

I giudici: «Pesci è pericoloso e non ha capacità di autocontrollo»

Via Garibaldi e Verdi

Emergenza commercio: sempre più negozi chiudono

1commento

25 aprile

Zanichelli: le bombe fuori e noi a sobbalzare nel rifugio

MAHMOOD

«Orgoglioso di suonare per il 25 aprile»

L'INTERVISTA

Il prefetto: «Furti e spaccio, minaccia per la sicurezza»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

«Le faremo sapere». E i talenti fuggono

di Patrizia Ginepri

4commenti

EDITORIALE

L'eredità del 25 Aprile va coltivata, non sperperata

di Franco Mosconi (Università di Parma)

ITALIA/MONDO

Piacenza

Ancora nessuna traccia della donna scomparsa

reggio emilia

Parto precipitoso a Castelnovo Monti, il bimbo nasce in ambulanza

SPORT

COPPA ITALIA

L'Atalanta piega la Fiorentina: è in finale con la lazio

calcio

Quando a vincere è il marketing: Juve, nuova maglia, via alle strisce. Tifosi (non tutti) in rivolta

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Frittelle di zucchine

L'ESPERTO

Redditi all'estero, chi risiede in Italia deve dichiararli

MOTORI

IL TEST

Alfa Romeo Stelvio, il lato sportivo del Suv

motori

Esaurita sul web in poche ore l'Aprilia RSV4 X