14°

27°

Focus

Partiti al Maggiore i trapianti "incompatibili"

Staminali di midollo osseo da donatori non compatibili: l'anno scorso 16 interventi

Ospedale

Ricercatrice

Ricevi gratis le news
0

 

L'ospedale Maggiore di Parma è partito con il trapianto di cellule staminali «incompatibili» di midollo osseo, ossia cellule di un donatore non compatibile con il ricevente.
Nel Centro trapianti di midollo osseo (Ctmo) dell'Azienda ospedaliero-universitaria sono stati eseguiti, negli ultimi 16 mesi, 20 trapianti «incompatibili» (di cui 16 solo l'anno scorso), e il prossimo - il primo del 2014 - è in programma domani. «Con la previsione - dice Aversa - di eseguirne nell'arco dell'anno almeno una ventina, e di eseguire un'altra ventina di trapianti autologhi, in cui donatore e ricevente sono la stessa persona. Sono obiettivi alla nostra portata», aggiunge il primario. Parallelamente, infatti, il Ctmo porta avanti il lavoro degli autotrapianti (fra il 2012 e il 2013 ne sono stati eseguiti 25) e i trapianti da donatore compatibile (nove nel 2012).
E' il traguardo di un percorso iniziato dall'arrivo alla guida dell'Ematologia e Ctmo, a fine 2011, di Franco Aversa, pioniere in Italia - e in particolare a Perugia - del trapianto di staminali non compatibili fin dal 1993, e fra gli utilizzatori di tecniche di «manipolazione» delle staminali di avanguardia.
Tecniche così innovative che il centro per la cura del cancro «MD Anderson» dell'Università del Texas, a Houston, ha deciso - durante il meeting della Società americana di ematologia che si è tenuto lo scorso dicembre a New Orleans - di premiare Aversa per il lavoro di assistenza e ricerca svolto negli ultimi anni a Parma. Sulla manipolazione delle staminali uscirà anche a giorni, il 30 gennaio, un articolo sul New England Journal of Medicine.
Ma cosa fanno i medici dell'Ematologia di Parma, in stretta collaborazione con il centro trasfusionale e il laboratorio del centro trapianti, con le cellule staminali «incompatibili» prima di infonderle nel malato di leucemia?
«Le trattiamo per migliorare il loro attecchimento e fare in modo che diano la migliore risposta possibile nel ricevente - risponde Aversa - Nelle ore precedenti l'intervento, stimoliamo con un fattore di crescita l'uscita delle cellule staminali dal midollo osseo del donatore. Quando le cellule si diffondono in buona quantità nel sangue, intervengono i colleghi del centro trasfusionale che raccolgono il sangue e lo consegnano al laboratorio. Qui, con una biotecnologia super-selettiva, si cerca di eliminare dalle staminali i linfociti T, elementi cellulari pericolosi per il ricevente perchè lo possono aggredire causando la cosiddetta “malattia del trapianto contro il ricevente”, che può portare anche alla morte. Una volta depurate le staminali dagli elementi “pericolosi”, e mantenendo invece gli elementi “buoni”, le cellule vengono infuse nel donatore», spiega Aversa.
Purtroppo, tiene a precisare il medico, non esiste un successo del 100% in medicina. «Le percentuali di buon esito cambiano a seconda del tipo di malattia, della fase, delle condizioni del paziente e di quelle del donatore, e variano dal 10% all'80%. Ma se si sceglie bene il donatore e si opera nel momento giusto, si ottengono i migliori risultati, dice Aversa.
Ed è proprio sulla selezione del donatore «non compatibile» che si sta concentrando l'equipe di lavoro del Ctmo di Parma. «Bisogna capire, attraverso lo studio genomico, come identificare la coppia donatore/ricevente che possa mettere in atto meccanismi di difesa contro le infezioni. La fase più critica in un trapianto di staminali, per il rischio di infezioni, è infatti la “finestra” temporale nella quale il sistema immunitario del ricevente è stato distrutto per permettere di ricevere le cellule estranee, e non si è ancora attivato il nuovo sistema immunitario innestato», spiega il primario.
Aversa ha dimostrato già dal 2008 che la madre - anche non compatibile - è la migliore donatrice per i figli, soprattutto se giovani, e viceversa. «La chiamiamo “tolleranza materno-fetale” e deriva dal fatto che i due sistemi immunitari hanno avuto modo di “conoscersi” durante i nove mesi di gestazione e ritrovano in occasione del trapianto una memoria immunologica che permette di tollerare la controparte paterna», spiega Aversa.
Una scoperta che ha aperto nuove prospettive per i trapianti sui bambini malati di leucemia, che hanno quasi sempre «a disposizione» la mamma donatrice. Su questo tipo di trapianto sta lavorando il Bambin Gesù di Roma, a conferma che questa strada disegnata ormai 20 anni fa si sta rivelando utile per la cura di bambini affetti da malattie del sangue e non altrimenti curabili.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Chi l'ha visto, Federica Sciarelli fregata in diretta dal disturbatore: una furia cieca in diretta, mai vista così

televisione

Chi l'ha visto, il disturbatore colpisce ancora: la Sciarelli si arrabbia Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

La Moric torna al Gf ed è una furia: "Bulli da tastiera, marci dentro"

Grande Fratello

La Moric torna al Gf ed è una furia: "Bulli da tastiera, marci dentro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Oggi nuovo esame di scienze: che voto ti darebbe Piero Angela?

GAZZAFUN

Esame di cultura nerd: scopri se Sheldon ti promuoverebbe!

Lealtrenotizie

Bimbi maltrattati alla materna di Colorno, le indagini continuano

BASSA

Bimbi maltrattati a Colorno, le indagini continuano: genitori dai carabinieri Video

MAESTRE ARRESTATE

Una mamma: «Anche mio figlio maltrattato 4 anni fa» Video-choc

3commenti

PARMA

Nella sua casa di via Buffolara teneva cocaina per 8mila euro: arrestato 22enne

Denunciato anche il coinquilino: aveva 10 grammi di hashish

Sanità

Visite Ausl "bucate", in arrivo sanzioni

PARMA

Furto alla scuola Pezzani: rubati tre computer, sfondate porte e finestre Foto

Danni ingenti dopo il "colpo" avvenuto nella notte. Indaga la polizia

2commenti

CARABINIERI

Vende i biglietti per Juventus-Real Madrid ma è una truffa: denunciato 38enne

Tre studenti di Parma volevano vedere la partita di Champions allo stadio ma sono incappati in un truffatore

PARMA

Deruba una donna che parla al telefono in auto: inchiodato dalle telecamere

I carabinieri hanno riconosciuto l'auto del malvivente e lo hanno denunciato: si tratta di un 47enne napoletano

SONDAGGIO

Parma (ritorna) in A, ma qual è la più grande "goduta" della storia? Vota

PARMA CALCIO

Tante feste nel week-end per celebrare la promozione Video

dolore

Busseto in lacrime per la scomparsa della piccola Carla Video

PARMA

La Notte de "Il Terzo Giorno": tanti eventi sabato 26 maggio Foto

NOCETO

Vecciatica, la casa di tutti i nocetani

Gattatico

L'amicizia era virtuale, l'incubo reale: denunciati in 5

INTERVISTA

Karim Franceschi, combattente anti Isis a Parma per "Siamo Afrin" Video

BEDONIA

Si perde sul Monte Penna: anziano trovato dopo una notte di ricerche

La storia

Dalla Borgogna a Parma in bici per abbracciare la sorella

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un nuovo premier e tante incognite

di Domenico Cacopardo

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

TORINO

Treno contro un tir: due morti e 25 feriti, camionista indagato per disastro Foto

Ucraina

Gli investigatori internazionali: "I russi abbatterono il volo Malaysia MH17 nel 2014"

SPORT

FORMULA UNO

Red Bull super, Ricciardo e Verstappen su tutti a Monaco

LEGA PRO

Sorteggiati gli abbinamenti dei playoff: la Reggiana giocherà con il Siena

SOCIETA'

Natura

Volpe contro aquila, contro coniglio: chi vince? Video

ARTE

Scoperto un nuovo Mantegna a Bergamo

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

ANTEPRIMA

Nuova Audi A6, la tradizione continua. E il mild-hybrid è di serie