16°

28°

Salute-Fitness

Pronti al Maggiore per il trapianto "incompatibile"

Pronti al Maggiore per il trapianto "incompatibile"
Ricevi gratis le news
0

Monica Tiezzi

La cura della leucemia  ha una data miliare: il  4 marzo 1993 quando,  all'ospedale di Perugia, un ragazzo ventenne di Reggio Emilia venne sottoposto a un trapianto di cellule staminali da midollo osseo estratte da un donatore non compatibile. Era la prima volta al mondo, e l'èquipe che eseguì il trapianto  era diretta da  Franco Aversa, neodirettore dell'Ematologia e Centro trapianti midollo osseo dell'ospedale Maggiore: «Avevamo forti certezze di successo perchè gli esperimenti sui topi avevano dato risultati positivi. Decisivo fu l'atteggiamento del padre del ragazzo, che ci dette fiducia».
 Da allora  in Italia sono stati eseguiti poco meno di 800 trapianti «incompatibili», due terzi  dei quali a Perugia, e gli altri  negli ospedali  San Raffaele di Milano, Policlinico Tor Vergata, San Martino di Genova, Pescara, Bambin Gesù, Pavia. La tecnica ultimamente è stata  «esportata» anche in Usa, Belgio, Olanda e Germania, e Aversa annuncia: «Siamo pronti per il trapianto incompatibile anche a Parma. Potrebbe avvenire entro marzo».
Professor Aversa, come si possono trapiantare cellule non compatibili?
Abbiamo capito che nel midollo osseo ci sono tante cellule e dobbiamo scegliere quelle che hanno capacità positive  e non effetti negativi. Questo è possibile con una tecnica di «purificazione» delle staminali, messa a punto in collaborazione con l'Istituto Weizmann di Israele. Parallelamente, bisogna preparare il ricevente sopprimendo la sua capacità immunitaria (per evitare il rigetto) e distruggendo  il midollo osseo malato (per  curare la leucemia). Nel 90% dei  trapianti incompatibili si usano le cellule prelevate dal sangue (metodo più semplice per il donatore),  mentre nella metà circa dei trapianti compatibili si usano ancora cellule prelevate dal midollo osseo. 
I rischi per il donatore? 
Praticamente nessuno. Questo è un trapianto in vita per la vita. Le cellule staminali del donatore si rigenerano già a poche ore dalla donazione.   
I vantaggi del trapianto incompatibile?
Su 100 pazienti, poco più di  20 hanno la possibilità di trovare un donatore geneticamente compatibile fra i familiari.  E anche il registro dei Donatori volontari di midollo  consente, con gli  oltre  12 milioni di iscritti, la possibilità di trapianto solo ad un 20-30% di pazienti in lista di attesa. Il trapianto incompatibile   offre  la possibilità del trapianto praticamente a tutti. L'uso del donatore incompatibile consente un tempismo cruciale: intervenire nel «momento giusto», quando il paziente ha maggiori possibilità di guarire e cioè subito dopo aver raggiunto la «prima remissione» con 1-2 cicli di chemioterapia. Se poi si considera che oggi si trapiantano anche soggetti anziani (fino a 70 anni),  si comprende come il trapianto sia diventata una terapia senza limiti di età e compatibilità. Abbiamo operato con questa tecnica anche bambini di due-tre mesi e si spera di poter proseguire anche a Parma nel campo pediatrico grazie alla collaborazione  con la Pediatria e l'Oncoematologica pediatrica.  
Le percentuali di successo?
Variano dal tipo di malattia, dalla fase della malattia e dal donatore e vanno dal 20% all'80%. Se si sceglie bene il donatore e si opera nel momento giusto, la percentuale si aggira intorno  al 70-80%.
L'Ematologia  di Parma è pronta per questo intervento?
L'Ematologia di Parma ha una grande tradizione. Negli anni Ottanta Vittorio Rizzoli, il mio predecessore,  è stato  uno dei pionieri del trapianto autologo, nel quale il paziente è sia donatore che ricevente. Fra Parma e Perugia c'è una collaborazione ultratrentennale. Qui ci sono  una scuola e un patrimonio umano validi. In questo momento i tecnici di laboratorio di Perugia stanno collaborando con il personale del Maggiore. Per ora abbiamo in programma trapianti compatibili, ma spero di  eseguire  un   incompatibile già a marzo. E' importante partire e dimostrare la «fattibilità» del programma.  Il mio obiettivo per il 2012 è di almeno 10 trapianti tra compatibili  e incompatibili. 
Parma potrebbe diventare un centro di attrazione?
Sì, perchè saremmo il primo ospedale in Regione a fare il trapianto incompatibile. Per questo è importante che l'Azienda creda e investa nel progetto. Attualmente abbiamo  dieci  medici, ma due sono precari e il loro contratto è in scadenza. E anche due dei tre biologi in servizio hanno contratti a tempo determinato, mentre su  cinque  specializzandi, due  sono al termine della borsa di studio.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Il New York Times: "Weinstein sarà arrestato domani "

Harvey Weinstein in una foto d'archivio

Molestie

Il New York Times: "Weinstein sarà arrestato domani"

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Oggi nuovo esame di scienze: che voto ti darebbe Piero Angela?

GAZZAFUN

Esame di cultura nerd: scopri se Sheldon ti promuoverebbe!

Lealtrenotizie

Bimbi maltrattati alla materna di Colorno, le indagini continuano

BASSA

Bimbi maltrattati a Colorno, le indagini continuano: genitori dai carabinieri Video

1commento

MAESTRE ARRESTATE

Una mamma: «Anche mio figlio maltrattato 4 anni fa» Video-choc

9commenti

triplice "salto"

Domenica festA al Tardini per la promozione del Parma: il programma

meteo

Le piogge si fermano: arrivano l'anticiclone e il grande caldo

Tra domenica e lunedì aumenta instabilità, a partire dal Nord

anteprima gazzetta

Il nome del figlio? Benito (Mussolini). Interviene il Tribunale Video

1commento

Sviluppo sostenibile

Sabato, prove di isola pedonale tra via Garibaldi e strada Repubblica Video

1commento

ufficiale

Insulti per il rigore sbagliato contro il Parma: Gilardino lascia lo Spezia

1commento

PARMA

Nella sua casa di via Buffolara teneva cocaina per 8mila euro: arrestato 22enne

Denunciato anche il coinquilino: aveva 10 grammi di hashish

3commenti

Calcio e sorrisi

Parma in A: la colonna sonora della cavalcata cantata da giocatori e... Video

1commento

venerdì in edicola

Pablo e Montanara in festa: Gazzaweekend in pillole

Sanità

Visite Ausl "bucate", in arrivo sanzioni

4commenti

PARMA

Furto alla scuola Pezzani: rubati 3 pc, sfondate porte e finestre

Danni ingenti dopo il "colpo" avvenuto nella notte. Indaga la polizia

4commenti

GAZZAREPORTER

Ancora parcheggio selvaggio in via Montebello

CARABINIERI

Vende i biglietti per Juventus-Real Madrid ma è una truffa: denunciato 38enne

Tre studenti di Parma volevano vedere la partita di Champions allo stadio ma sono incappati in un truffatore

1commento

PARMA

Deruba donna al telefono in auto: inchiodato dalle telecamere

I carabinieri hanno riconosciuto l'auto del malvivente e lo hanno denunciato: si tratta di un 47enne napoletano

PARMA CALCIO

Tante feste nel week-end per celebrare la promozione Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un nuovo premier e tante incognite

di Domenico Cacopardo

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

carabinieri di cavriago

Auto di lusso a prezzi bassissimi: ma è una truffa. 5 arresti

il caso

Femminicidio, il paese di Tenno non è unito: il sindaco si dimette

SPORT

Foruma Uno

"Libere" a Montecarlo, attacco tedesco: "Ferrari irregolare"

Bufera

In ginocchio durante l'inno per protesta. Bufera Nfl

SOCIETA'

Stati Uniti

Trump concede la grazia postuma al grande Jack Johnson

Cina

I vicini sono spider man e salvano il bimbo

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv