20°

33°

ECONOMIA

Quote latte, addio: l'Ue chiude un'era

Quote latte, addio: l'Ue chiude un'era
Ricevi gratis le news
5

Dal primo aprile i produttori europei potranno produrre tutto il latte che vorranno. Una vera e propria rivoluzione, che segna la fine del regime delle 'quote lattè che ha tenuto banco per oltre 30 anni, a partire dal 1984.
Un’epoca lontana, quando si decise di contingentare la produzione per contenere le eccedenze di burro e di latte in polvere dei Paesi del Nord Europa. Oggi la sfida invece è la conquista di frontiere emergenti del mercato globale. Nord e Sud Europa in questa partita viaggiano su due binari separati: Paesi come Irlanda e Olanda, al pari di un big come la Germania, vedono la fine delle quote come una grande opportunità, mentre in Francia e Italia, memori della grande crisi del 2009, si teme un crollo dei prezzi e le difficoltà dei produttori delle aree svantaggiate, come quelle di montagna.
La fine delle quote latte, decisa nel 2003 «non è certo una sorpresa» ha detto il commissario europeo all’agricoltura, Phil Hogan, secondo cui questa tappa costituisce «una sfida e un’opportunità». Rispetto al passato «adesso il settore è molto più legato al mercato: siamo capaci di esportare l’11% del nostro latte senza nessun tipo di sussidi» ha sottolineato il commissario europeo all’agricoltura. Le recenti grida d’allarme sulla discesa dei prezzi, in concomitanza con l’embargo russo e dopo l’aumento di produzione nel 2014 di oltre il 5% a livello europeo in vista della fine delle quote, non smuovono Bruxelles.
«L'industria deve trovare il modo di adattarsi alla realtà, noi monitoreremo la situazione» ha assicurato Hogan, secondo cui "non c'è nessun collasso del settore». Eventuali contromosse sono nelle mani degli Stati membri, tramite le misure già messe a punto nel 'pacchetto lattè e nell’ambito dello sviluppo rurale. «Non reintrodurremo misure» ha affermato il commissario europeo all’agricoltura, che dopo la crescita di produzione del 2014 non prevede «grandi aumenti nel 2015».
Per l’Italia le 'quote lattè sono il sinonimo di un’odissea, non ancora conclusa: quella delle multe, con un gruppo di irriducibili che non solo non hanno rispettato le regole, ma non hanno mai pagato. Di conseguenza a fronteggiare la spesa con il bilancio pubblico è stata l’Italia, che per il mancato recupero di circa 1,3 miliardi di euro finirà davanti alla Corte di giustizia europea. Negli anni infatti il Belpaese è riuscito ad ottenere dall’Ue aumenti della propria quota di produzione, ma nel periodo tra il 1995 e il 2009 ad accumularsi sono state le multe. Una misura che verrà seppellita dall’apertura dell’Ue al libero mercato, a partire dal primo aprile. Alcuni allevatori però non sono ancora convinti di potercela fare da soli e per questo il 31 marzo a Bruxelles a segnare la fine di un’epoca non mancherà una manifestazione, promossa dallo European Milk Board, davanti al Parlamento europeo. (

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salamandra

    29 Marzo @ 15.15

    I nostri allevatori che protestavano tanto contro le regole europee adesso sbatteranno il muso con altre regole ben piú ferree: quelle del mercato. Come credete sia possibile che il nostro latte possa competere -senza andar troppo lontano- con quello tedesco e austriaco? Senza poi sottovalutare che la pianura padana è uno dei luoghi piú inquinati d'Europa.

    Rispondi

  • Marco

    28 Marzo @ 16.54

    Mi sembra giusto, per trent'anni obbligano gli allevatori ad un sistema iniquo ed antiliberale, quando ormai si sono abituati al nuovo regime e a stento riescono a sopravvivere, lo tolgono facendo ripiombare il caos e dando il colpo di grazia alle piccole aziende ed avvantaggiando a dismisura la produzione industriale. ancora un enorme successo per l'unione europea! applausi!

    Rispondi

  • davide

    28 Marzo @ 13.47

    il problema non è per l'industria . il vero problema sarà per gli allevatori!!! come sempre!!

    Rispondi

    • antonio

      28 Marzo @ 16.43

      Però non dovremo più NOI pagare le multe, chiaro che ritengo ingiuste, che gli allevatori spalleggiati dalla Lega non hanno pagato.

      Rispondi

      • davide

        28 Marzo @ 22.14

        condivido pienamente!!! le multe se le devono pagare gli allevatori disonesti, quei pochi, molto pochi che non hanno rispettato la legge. non capisco neanche perché la politica (LEGA NORD) e l'opinione pubblica abbia dato tanto spazio ad un gruppo cosi piccolo di allevatori. che ancora oggi prendono in giro chi ha fatto mutui per rateizzare le multe e per acquistare le quote per essere in regola

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bohemian Rhapsody: ecco le prime scene del film sui Queen

CINEMA

Bohemian Rhapsody: ecco le prime scene del film sui Queen Video

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

LONDRA

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia

PGN

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia Foto

Notiziepiùlette

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

L'Onu dichiara guerra al Parmigiano: come il fumo. Coro di critiche

Il caso

Sale e grassi: l'Onu dichiara "guerra" al Parmigiano. Poi la marcia indietro: "Solo una dichiarazione politica"

24commenti

parma

Portata con l'inganno in Italia e costretta a prostituirsi: minorenne salvata dai vigili

12 tg parma

Migranti, la nuova mappa dell'accoglienza Video

anteprima gazzetta

Parma e caso sms, il verdetto potrebbe arrivare venerdì Video

CALCIO

L'amministratore delegato del Parma Luca Carra: "Siamo fiduciosi e lavoriamo per la serie A" Video

Ecco l'intervista del 12 Tg Parma

Processo sms

La Procura picchia duro

14commenti

12Tg Parma

Ozono estivo, a Parma già 29 sforamenti Video

VIABILITA'

Lavori in corso: code sulla via Emilia a Parola. Problemi anche in tangenziale a Parma

SPACCIO

Affari d'oro con i ragazzini: condannati i baby pusher di piazzale Borri

5commenti

PARMA

"Sì al divertimento sicuro": l'alcoltest davanti a locali e ingressi di feste Video

Ecco il calendario delle uscite dal 20 luglio in poi

BORGOTARO

Si sente male dopo la puntura di un calabrone: paura per una 55enne

Soragna

E' morto il professor Demaldè, una vita per i campi e per l'Università

Funerale

A Collecchio l'ultimo saluto a Filippo, morto a 32 anni nell'incidente di Stradella

gazzareporter

Parco di via XXIV Maggio, i vandali spezzano i nuovi alberi Foto

mobilità

Piste ciclabili, in Emilia il top della crescita. Con Parma a metà classifica

scuola

Via libera al trasferimento di 4 presidi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

3commenti

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

di Chichibio

ITALIA/MONDO

venezia

Borseggiato scrive al ladro: "Sono malato terminale, ti perdono"

PALERMO

Pitbull stacca a morsi il braccio a una ragazza nel Palermitano

4commenti

SPORT

ciclismo

Tour: Thomas vince l'11ª tappa ed è la nuova maglia gialla

EDITORIALE

Va in scena «Il processo» di Kafka

SOCIETA'

curiosità

Spopola sul web il primo robot in cerca di un'anima

VERONA

Grave tamponamento in A4: ferite due donne, indagato l'attore Marco Paolini

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani