17°

28°

Spettacoli

Cinema recensioni - Frost/Nixon

Cinema recensioni - Frost/Nixon
Ricevi gratis le news
0

di Filiberto Molossi

Questo non è un film: è un match di pugilato, è Alì contro Foreman, è la Storia che affronta se stessa e finisce all’angolo. E’ più che cinema: è sport, sfida, battaglia. E soprattutto vita. Quella che passa attraverso la sottile fessura del dubbio che si apre tra la risposta e la domanda successiva, varco invisibile dell’attesa dove nemmeno il cuore, nemmeno il respiro, sembrano fare più rumore. E’ bello tosto «Frost/Nixon», e non solo perché ricostruisce, con geniale intuizione, una (mitica) intervista televisiva come fosse un incontro di boxe mettendo l’uno contro l’altro il playboy che piaceva alle gente e il presidente che non piaceva a nessuno, il più improbabile dei cavalieri bianchi e il più avido e ingordo tra gli uomini neri: ma anche perché nel restituire dignità e valore alla parola celebra la forza rivelatrice dell’immagine, là dove un volto impresso sullo schermo (piccolo o grande che sia...) diventa la metafora di un mondo, muta resa incondizionata di chi preferisce andare al tappeto piuttosto che gettare la spugna. Scritto molto bene e montato anche meglio, «Frost/Nixon - Il duello» rievoca usando anche la forma (narrativamente efficace) del finto documentario la lunga intervista televisiva a cui il presentatore David Frost - qualcosa in verità di più vicino a Mammuccari che non a Minoli - sottopose l’ex presidente Richard Nixon.  Travolto dal Watergate, ma graziato dal successore Ford di tutti i suoi peccati, Nixon non aveva mai ammesso pubblicamente le sue colpe. A provare a incastrarlo tra la diffidenza generale fu proprio Frost, un inglese che non aveva mai votato in vita sua, più avvezzo alle feste che non alle tribune politiche: la persona apparentemente meno adatta ad affrontare una vecchia volpe come Nixon.
 
Stretto sui primi piani come nei migliori uno contro uno televisivi, serio, convinto, impegnato nel senso buono e meno anacronistico del termine, «Frost/Nixon», il più maturo (ma anche il migliore) film di Ron Howard (il Richie Cunningham di «Happy Days»...), è una serrata e per nulla barbosa rivisitazione di cronaca vera che, grazie all’ottimo lavoro di Peter Morgan (lo sceneggiatore di «The queen» e «The last king of Scotland») riesce, nella complessa umanizzazione dei suoi protagonisti, a proporre una prospettiva dinamica ma solidissima di fatti recenti e forse ancora non del tutto metabolizzati. Respirata a pieni polmoni l’aria benefica del cinema anni '70, Howard - che nonostante sia tutt'altro che un autore spigoloso per una volta non arrotonda gli angoli -, gioca sul dualismo di due ex perdenti che si affrontano nel salotto della Storia, girando un film politico in senso moderno, che oltre a modi, schemi e dialoghi («continui così, risposte lunghe, non gli faccia affondare i colpi...») da ring, ha basette lunghe e facce giuste e la consapevolezza della forza endemica del giornalismo d’inchiesta, quello che round dopo round bada solo al risultato finale: la verità.
Ma la pellicola, candidata a 5 Oscar (tra cui quello per il miglior film), non sarebbe la stessa senza l’interpretazione «monstre» e molto fisica (anche da seduto...) di Frank Langella, glorioso caratterista di Hollywood che (ben coadiuvato da un cast di prima classe: a partire dal gallese Michael Sheen - Frost -, già Tony Blair in «The Queen») è semplicemente formidabile nel riprodurre con flemma da Actor's studio tic e manie di Nixon, restituendo allo spettatore non solo corpo e anima del presidente imbroglione ma anche e soprattutto la dimensione epica della sua sconfitta e la sconfinata e desolante solitudine di un potere che logora chi non ce l’ha.

Giudizio: 4/5

Scheda
Regia: Ron Howard
Sceneggiatura: Peter Morgan dalla sua omonima piece teatrale
Con : Frank Langella,  Kevin Bacon, Matthew MacFadyen, Michael Sheen, Oliver Platt, Rebecca Hall, Ssam Rockwell, Toby Jones
Montaggio: Daniel P. Hanley e Mike Hill
Fotografia: Salvatore Totino
Musica: Hans Zimmer
Genere: drammatico
Usa/Gb/Fra 2008, colore, 2h' 2'
Dove: Cinecity

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

OLIMPIADI 2026

Il Governo: "La candidatura a tre è morta qui"

SPORT

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

serie d

Audace Reggio - S.Marino al Tardini? Pare improbabile...

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design