10°

27°

Spettacoli

Bashmet, solista tra i Solisti

Bashmet, solista tra i Solisti
Ricevi gratis le news
0

Sembra davvero quasi il prolungamento del suo prestigioso strumento la compagine che Yuri Bashmet guida ormai da venticinque anni, con la stessa «nonchalance» con cui imbraccia la preziosa viola, espressione di un talento musicale di rara forza accattivante: stessa morbidezza di suono, dalle mille variegature, stessa precisione nel modo d’attacco del suono, quindi nella creazione di quel tessuto unico che sembra avvolgerti come un manto rassicurante; quello che I Solisti di Mosca hanno dispiegato l’altra sera al «Paganini» in un programma quanto mai variato, dove appunto prendeva corpo tangibile questa circolarità osmotica tra il direttore, il solista e il gruppo.
 Programma rivelatore anche di quella separatezza che contraddistingue la cultura musicale russa rispetto a quella orientale; a partire da quel Bach del «Terzo Concerto Brandeburghese» che pareva ignorare tutto il travaglio che ha accompagnato nell’ultimo cinquantennio gli interpreti, nella ricerca di una presunta, quanto utopica 'fedeltà', investigazione che ha toccato esiti anche estremi; avranno probabilmente avuto moti di ripulsa, l’altra sera, i fedeli di tale fondamentalismo filologico nell’ascoltare il discorso muoversi con una flessibilità, una sinuosità nel respiro delle dinamiche quanto nel velluto impalpabile del 'legato', tratti che invece abbiamo colto come un rasserenante invito, in quel vitalismo che si espandeva naturalmente, senza sovrapposte istigazioni, sospinto solo dalla felicità del far musica: felicità, ovviamente, riscattata grazie a quello straordinario prestigio strumentale.  Sarà stato pure un Bach «fuori moda» ma ci è parso vividamente eloquente, sottilmente esaltante.
 E «fuori moda» suonavano anche le due trascrizioni che seguivano, operazioni che trovavano (e trovano tuttora) appunto ricorrenza nella pratica musicale della Russia, con una sfida al gusto a volte discutibile; ricordo una trascrizione per pianoforte e orchestra fatta da Kabalevsky (a misura del sommo Gilels) della «Fantasia in fa minore» per pianoforte a quattro mani di Schubert, poco meno che esecrabile. Tale non era invece quella fatta da Balasov dell’«Arpeggione»: naturalmente mutava il rapporto di intimità che Schubert instaura tra l’ormai disusato e un po' misterioso strumento e il fortepiano le cui fragili sonorità il trascrittore ha amplificato attraverso gli archi, ma con discrezione, ben rapportata alla misura dell’eloquenza liberata con la sua impagabile qualità insinuante da Bashmet. Il cui scatto solistico ha poi trovato più scoperta evidenza nella rielaborazione di un Quartetto di Paganini, musica piacevole, attraversata dai riconoscibili riverberi operistici: la vera genialità Paganini la destina a quei prodigiosi «Capricci» in cui la tecnica, il virtuosismo si metabolizzano in vertiginosa invenzione.
Seguendo l’erratico programma il senso di quella 'separatezza' cui si è accennato sopra mutava direzione, questa volta in chiave di autenticità, perché il testimone era Caikovskij, musicista che gli interpreti russi - si pensi anche a Temirkanov - leggono attraverso una lente propria, che filtra sempre i fantasmi inquieti da cui é percorsa la partitura decantando la vocazione decadentistica - amplificata invece, e pur con forte suggestione, dalle letture occidentali - secondo quella linea di classicità che il compositore perseguiva, a contrastare - sosteneva- le asprezze 'dilettantistiche' della linea nazionalista incarnata da Mousorgskij.
 Su tale fondale consolidato ha reso vita l’altra sera «Souvenir de Florence», nella versione allarga dell’originario sestetto, senza che tale allargamento turbasse la freschezza del discorso che la compagine dei Solisti ha sciolto con assoluta felicità, delibandone le segrete fragranze e liberando le più vibranti accensioni.
Interminabili gli applausi ai quali Bahsmet e il suo formidabile gruppo hanno risposto con generosità, dapprima con un pensoso Adagio di Benda quindi con lo scatto esilarante di una Polka» di Schnittke, il grande musicista russo, scomparso da una decina d’anni, cui Bashmet fu particolarmente legato nell’interpretare quei suoi umori graffianti, dove il grottesco era spesso sinistro mascheramento, testimone di un drammatico disagio: al di là della 'separatezza'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

genova

Toti: "Il ponte si può costruire in 12-15 mesi: non accetteremo ritardi"

vezzano sul crostolo

Pizzaiolo coltiva marijuana in un bosco, preso con la "fototrappola"

1commento

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street