20°

Il caso

L'ultima frontiera della lirica: il «Rigoletto» con pubblicità

"Debutto" dell'iniziativa a Genova

Il Teatro Carlo Felice di Genova

Il Teatro Carlo Felice di Genova

Ricevi gratis le news
0

 

Mara Pedrabissi
«...La costanza tiranna del core/ Detestiamo qual morbo crudele,/ Sol chi vuole si serbi fedele;/ Non v'ha amor se non v'è...»... Il resto? Dopo la pubblicità. 
Abbiamo esagerato, le cose non stanno proprio così e il Duca di Mantova ha potuto concludere in «libertà» (questa la parola mancante) la ballata «Questa o quella»  nel «Rigoletto» andato in scena mercoledì al Carlo Felice di Genova. Però quella recita - inaugurazione della stagione lirica del capoluogo ligure - ha fatto parlare di sé: per la prima volta in Italia, infatti, sono stati proiettati (sullo schermo sul quale di solito scorrono i testi dei libretti) alcuni video pubblicitari  come accade al cinema.  Per ora hanno aderito quattro sponsor: Regione Liguria,  My Movies, la piattaforma usata dal teatro per diffondere in streaming le opere, una pasticceria che collabora col teatro, e una società di buoni pasto. Ovviamente nel teatro guidato dal sovrintendente Giovanni Pacor (in curriculum molti anni spesi all'estero) sperano di poter ampliare il business per dare ossigeno alla difficile situazione economica. 
«Mi trovo in imbarazzo a dare dei giudizi», pone come premessa la parmigiana Cristina Ferrari, direttore artistico del Teatro Comunale di Piacenza e già al Carlo Felice dal gennaio 2008 al settembre 2009. «Credo che a Genova  - prosegue Ferrari - stiano cercando risorse alternative, vista la difficile situazione in cui il teatro versa. E' in quest'ottica che va letta l'idea di inserire la pubblicità, che non demonizzo purché sia proposta con rispetto e buon senso. Penso che sarebbe più proficuo noleggiare il teatro, a fronte di un buon canone d'affitto, per concerti di musica leggera. Così si aprirebbero le porte a un pubblico nuovo».
  L'idea del break pubblicitario approderà anche al Teatro Regio? L'amministratore esecutivo Carlo Fontana risponde: «Non mi scandalizzo ma non sono per le invenzioni, anche geniali, del popolo che è abituato a vivere arrangiandosi. Sono per le riforme strutturali». E allarga il ragionamento: «Il problema vero è la ridefinizione dei rapporti tra Stato italiano e mondo della cultura e dello spettacolo. Se è vero che lo Stato non ha più risorse per mantenere in vita il mondo della cultura - ed è ovviamente chiarissimo - allora deve cambiare completamente modello e  favorire il processo di defiscalizzazione degli interventi privati. Questa è la via maestra». Con un pizzico di fiducia («Il ministro Bray sembra invertire una rotta, di lungo corso, di tagli al Fus») e un proposito  come Agis di cui è presidente, Fontana annuncia: «Porremo il problema della defiscalizzazione dei contributi privati». 
Per la cronaca, al Carlo Felice il pubblico, non foltissimo, ha applaudito il «Rigoletto».  «Ho letto di Genova ma sono un po' perplesso -  analizza  Paolo Zoppi, del Cral Amici della Lirica Cariparma e pure dei “27”,  mentre è in trasferta a Bilbao con un gruppo di parmigiani per assistere alla Forza del Destino con l'Orchestra dell'Opera di Parma - . Se può servire, mettano la pubblicità ma la vedo un po' come una “diminutio” della forma d'arte che è l'opera». Concorda Andrea Rinaldi, corista storico del Regio e presidente della Corale Verdi: «Viviamo un momento particolarmente difficile, se può servire alla causa». Se l'obiettivo era che se ne parlasse, la battaglia è vinta. Vincere la guerra è un'altra cosa.  
Mara Pedrabissi

 

«...La costanza tiranna del core/ Detestiamo qual morbo crudele,/ Sol chi vuole si serbi fedele;/ Non v'ha amor se non v'è...»... Il resto? Dopo la pubblicità. Abbiamo esagerato, le cose non stanno proprio così e il Duca di Mantova ha potuto concludere in «libertà» (questa la parola mancante) la ballata «Questa o quella»  nel «Rigoletto» andato in scena mercoledì al Carlo Felice di Genova. Però quella recita - inaugurazione della stagione lirica del capoluogo ligure - ha fatto parlare di sé: per la prima volta in Italia, infatti, sono stati proiettati (sullo schermo sul quale di solito scorrono i testi dei libretti) alcuni video pubblicitari  come accade al cinema.  Per ora hanno aderito quattro sponsor: Regione Liguria,  My Movies, la piattaforma usata dal teatro per diffondere in streaming le opere, una pasticceria che collabora col teatro, e una società di buoni pasto. Ovviamente nel teatro guidato dal sovrintendente Giovanni Pacor (in curriculum molti anni spesi all'estero) sperano di poter ampliare il business per dare ossigeno alla difficile situazione economica. «Mi trovo in imbarazzo a dare dei giudizi», pone come premessa la parmigiana Cristina Ferrari, direttore artistico del Teatro Comunale di Piacenza e già al Carlo Felice dal gennaio 2008 al settembre 2009. «Credo che a Genova  - prosegue Ferrari - stiano cercando risorse alternative, vista la difficile situazione in cui il teatro versa. E' in quest'ottica che va letta l'idea di inserire la pubblicità, che non demonizzo purché sia proposta con rispetto e buon senso. Penso che sarebbe più proficuo noleggiare il teatro, a fronte di un buon canone d'affitto, per concerti di musica leggera. Così si aprirebbero le porte a un pubblico nuovo». 

L'idea del break pubblicitario approderà anche al Teatro Regio? L'amministratore esecutivo Carlo Fontana risponde: «Non mi scandalizzo ma non sono per le invenzioni, anche geniali, del popolo che è abituato a vivere arrangiandosi. Sono per le riforme strutturali». E allarga il ragionamento: «Il problema vero è la ridefinizione dei rapporti tra Stato italiano e mondo della cultura e dello spettacolo. Se è vero che lo Stato non ha più risorse per mantenere in vita il mondo della cultura - ed è ovviamente chiarissimo - allora deve cambiare completamente modello e  favorire il processo di defiscalizzazione degli interventi privati. Questa è la via maestra». Con un pizzico di fiducia («Il ministro Bray sembra invertire una rotta, di lungo corso, di tagli al Fus») e un proposito  come Agis di cui è presidente, Fontana annuncia: «Porremo il problema della defiscalizzazione dei contributi privati». Per la cronaca, al Carlo Felice il pubblico, non foltissimo, ha applaudito il «Rigoletto».  «Ho letto di Genova ma sono un po' perplesso -  analizza  Paolo Zoppi, del Cral Amici della Lirica Cariparma e pure dei “27”,  mentre è in trasferta a Bilbao con un gruppo di parmigiani per assistere alla Forza del Destino con l'Orchestra dell'Opera di Parma - . Se può servire, mettano la pubblicità ma la vedo un po' come una “diminutio” della forma d'arte che è l'opera». Concorda Andrea Rinaldi, corista storico del Regio e presidente della Corale Verdi: «Viviamo un momento particolarmente difficile, se può servire alla causa». Se l'obiettivo era che se ne parlasse, la battaglia è vinta. Vincere la guerra è un'altra cosa.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Code anche in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

1commento

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

UNIVERSITA'

L'Ateneo di Parma visto dagli studenti

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

1commento

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno