19°

30°

spettacoli

I Negrita fanno «Bum bum bum» e tutto il Regio è in piedi a ballare

Negrita al Regio

Negrita al Regio

Ricevi gratis le news
0

 

Giulia Viviani
Acustico sì, da salotto per niente. Partiamo col dire che i Negrita venerdì sera al Teatro Regio hanno fatto il tutto esaurito, e già non è poco di questi tempi, ma come se non bastasse sono riusciti anche a far stare il pubblico in piedi per buona parte del concerto. 
Dopo un inizio «di rodaggio», è lo stesso Pau a suggerire la rotta: «Questo è uno dei teatri più belli che abbiamo visto, ci rendiamo conto che siate rapiti dalla magnificenza del luogo, ma voi siete sempre il pubblico dei Negrita: fatevi sentire!». E la platea non se l’è fatto dire due volte. A scaldare con grande eleganza sono «Bonanza», canzone dell’album d’esordio che porta il titolo di una famosa serie televisiva western americana, e un pezzo da novanta come «Ho imparato a sognare» che fa immediatamente sfoderare al pubblico fotocamere e telefonini. Una partenza emozionale, che cala lo spettatore nella dimensione teatrale, fatta di luci semplici ma perfettamente studiate, di un suono meno ruvido del solito che si accompagna alla voce sempre intensa e senza sbavature di Pau.
Arriva «Bum bum bum», a portare un tocco di quel blues che la band masticava nei primi anni Novanta, poi «Malavida en Buenos Aires» in versione swing manouche, con evidente omaggio al mitico Django Reinhardt. Spunta anche il primo inedito dell’album «Deja vù», «Anima lieve», dopo «Brucerò per te» e «Che rumore fa la felicità?»; poi Drigo con la sua chitarra si lancia in «Splendido», pezzo la cui intensità viene sottolineata da un suggestivo gioco di luci per cui si sfoderano addirittura delle mirror ball. Seguono «Il libro in una mano, la bomba nell’altra» e «Sale». Ma il tempo per affondare nelle poltroncine del Regio sta finendo, lo show cresce d’intensità di canzone in canzone con il pubblico che non si accontenta più di cantare e muovere i piedi ma alza le mani, incita, batte il tempo e infine, si alza. Quello che già era evidente sui palchi e in loggione, diventa letteralmente plateale: tutto il teatro è in piedi. E balla. Il ritmo è quello di «Soy Taranta», brano dal sapore caldo e meticcio, tra Salento e Sudamerica, poi tocca a «Radio Conga», seguita da uno dei pezzi probabilmente più amati, la sensuale e romantica «Magnolia». Sorprende una versione completamente rivisitata di «Mama maè» e improvvisamente ci si rende conto che quello che era iniziato come il classico concerto acustico a teatro di una band pop rock, sta diventando quasi il live elettrico che ci si aspetta in un club. 
«Dannato vivere» e «La tua canzone» traghettano verso un finale dove non può mancare l’accento reggaeton di «Rotolando verso sud». E come previsto, il tutto si conclude con una «Gioia infinita». Quella di tutti. 
Giulia Viviani

Acustico sì, da salotto per niente. Partiamo col dire che i Negrita venerdì sera al Teatro Regio hanno fatto il tutto esaurito, e già non è poco di questi tempi, ma come se non bastasse sono riusciti anche a far stare il pubblico in piedi per buona parte del concerto. Dopo un inizio «di rodaggio», è lo stesso Pau a suggerire la rotta: «Questo è uno dei teatri più belli che abbiamo visto, ci rendiamo conto che siate rapiti dalla magnificenza del luogo, ma voi siete sempre il pubblico dei Negrita: fatevi sentire!». E la platea non se l’è fatto dire due volte. A scaldare con grande eleganza sono «Bonanza», canzone dell’album d’esordio che porta il titolo di una famosa serie televisiva western americana, e un pezzo da novanta come «Ho imparato a sognare» che fa immediatamente sfoderare al pubblico fotocamere e telefonini. Una partenza emozionale, che cala lo spettatore nella dimensione teatrale, fatta di luci semplici ma perfettamente studiate, di un suono meno ruvido del solito che si accompagna alla voce sempre intensa e senza sbavature di Pau.Arriva «Bum bum bum», a portare un tocco di quel blues che la band masticava nei primi anni Novanta, poi «Malavida en Buenos Aires» in versione swing manouche, con evidente omaggio al mitico Django Reinhardt. Spunta anche il primo inedito dell’album «Deja vù», «Anima lieve», dopo «Brucerò per te» e «Che rumore fa la felicità?»; poi Drigo con la sua chitarra si lancia in «Splendido», pezzo la cui intensità viene sottolineata da un suggestivo gioco di luci per cui si sfoderano addirittura delle mirror ball. Seguono «Il libro in una mano, la bomba nell’altra» e «Sale». Ma il tempo per affondare nelle poltroncine del Regio sta finendo, lo show cresce d’intensità di canzone in canzone con il pubblico che non si accontenta più di cantare e muovere i piedi ma alza le mani, incita, batte il tempo e infine, si alza. Quello che già era evidente sui palchi e in loggione, diventa letteralmente plateale: tutto il teatro è in piedi. E balla. Il ritmo è quello di «Soy Taranta», brano dal sapore caldo e meticcio, tra Salento e Sudamerica, poi tocca a «Radio Conga», seguita da uno dei pezzi probabilmente più amati, la sensuale e romantica «Magnolia». Sorprende una versione completamente rivisitata di «Mama maè» e improvvisamente ci si rende conto che quello che era iniziato come il classico concerto acustico a teatro di una band pop rock, sta diventando quasi il live elettrico che ci si aspetta in un club. «Dannato vivere» e «La tua canzone» traghettano verso un finale dove non può mancare l’accento reggaeton di «Rotolando verso sud». E come previsto, il tutto si conclude con una «Gioia infinita». Quella di tutti. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

2commenti

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

MILANO

In Pakistan con l'inganno, è tornata in Italia: "Nessuno venuto prendermi"

SPORT

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Video

SOCIETA'

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse