13°

28°

cinema

Jasmine Trinca: «Ogni regista mi ha fatto crescere»

L'attrice stasera ritira il premio Schiaretti. «Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro»

L'attrice Jasmine Trinca

L'attrice Jasmine Trinca posa in occasione della conferenza stampa di presentazione del film "Un giorno devi andare"

Ricevi gratis le news
0

 

Lisa Oppici
Che  per lei questo sia stato un anno d’oro lo dicono i fatti: i premi e i riconoscimenti ricevuti, le tante proposte arrivate anche da oltreoceano (ha appena finito di girare con Sean Penn e Javier Bardem). Ora per Jasmine Trinca arriva un ulteriore suggello: è lei la vincitrice dell’edizione 2013 del Premio Maurizio Schiaretti, voluto dal cinema D’Azeglio e realizzato in collaborazione con la Gazzetta di Parma e con il patrocinio del Comune per ricordare il giornalista e critico cinematografico della «Gazzetta» scomparso nove anni fa. Il riconoscimento, destinato ai migliori emergenti del cinema italiano, sarà consegnato all’attrice romana oggi alle 21 al cinema D’Azeglio, in una serata a ingresso gratuito durante la quale Jasmine Trinca incontrerà il pubblico in una conversazione condotta dal critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi. A seguire la proiezione di «Un giorno devi andare» di Giorgio Diritti, una delle interpretazioni recenti più intense dell’attrice.
Jasmine Trinca, questo per lei è stato un anno da incorniciare: ne ha fatta di strada dai tempi di Nanni Moretti. A chi deve di più in questo percorso?
«È un percorso che si è costruito passo passo. Devo tanto alle persone, certo, a partire da Nanni; a tutti i registi con cui ho lavorato, e che hanno aggiunto ognuno qualcosa alla mia formazione; agli incontri speciali con Giorgio Diritti e Valeria Golino, che mi hanno dato tanto. Ma credo sia stata anche la vita stessa, e il suo svolgersi, a portarmi a quello che sono ora, a farmi crescere». 
Diritti e Golino: che registi sono?
 «Giorgio con “Un giorno devi andare” era al terzo film, Valeria con “Miele” era all’esordio. Le esperienze erano piuttosto diverse. Entrambi hanno una visione molto personale, autoriale. Con Giorgio è stata proprio un’avventura, un viaggio e un incontro speciale con quei luoghi (l’Amazzonia, ndr) e con quelle persone, con Valeria c’è stata più la costruzione di un personaggio e di una storia: si può dire che se con Giorgio abbiamo tolto tutto, con Valeria abbiamo aggiunto». 
Che cosa le hanno lasciato queste due esperienze?
«L’incontro con Giorgio e Valeria è stato importante: quello che mi è successo è stato un punto di svolta, anche se ciò non vuol dire che ora ho addosso il “bollino di garanzia”. Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro, anche perché è avvenuto in un momento particolare della mia vita. Con Valeria devo dire che ho avuto l’opportunità di misurarmi con un ritratto femminile che è difficile trovare in Italia e che mi ha segnato molto come attrice».
Questi due ruoli le hanno aperto porte significative anche all’estero. Cosa c’è stato dopo? La Francia, il film con Sean Penn...
«Quello con la Francia è un legame che c’era anche prima. Avere lavorato in film e con registi là molto amati, come Moretti, o Giordana, o Placido, mi ha permesso di essere vista e poi chiamata a lavorare là. L’occasione di “The Gunman”, il film di Pierre Morel con Sean Penn e Javier Bardem che ho appena finito di girare, è invece totalmente dovuta a “Miele” e a Valeria Golino. È stato un set lungo che mi ha dato tantissimo, ed è stato anche un vero piacere essere a contatto con una produzione hollywoodiana e attori eccezionali».
Lisa Oppici

 

Che  per lei questo sia stato un anno d’oro lo dicono i fatti: i premi e i riconoscimenti ricevuti, le tante proposte arrivate anche da oltreoceano (ha appena finito di girare con Sean Penn e Javier Bardem). Ora per Jasmine Trinca arriva un ulteriore suggello: è lei la vincitrice dell’edizione 2013 del Premio Maurizio Schiaretti, voluto dal cinema D’Azeglio e realizzato in collaborazione con la Gazzetta di Parma e con il patrocinio del Comune per ricordare il giornalista e critico cinematografico della «Gazzetta» scomparso nove anni fa. Il riconoscimento, destinato ai migliori emergenti del cinema italiano, sarà consegnato all’attrice romana oggi alle 21 al cinema D’Azeglio, in una serata a ingresso gratuito durante la quale Jasmine Trinca incontrerà il pubblico in una conversazione condotta dal critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi. A seguire la proiezione di «Un giorno devi andare» di Giorgio Diritti, una delle interpretazioni recenti più intense dell’attrice.
Jasmine Trinca, questo per lei è stato un anno da incorniciare: ne ha fatta di strada dai tempi di Nanni Moretti. A chi deve di più in questo percorso?
«È un percorso che si è costruito passo passo. Devo tanto alle persone, certo, a partire da Nanni; a tutti i registi con cui ho lavorato, e che hanno aggiunto ognuno qualcosa alla mia formazione; agli incontri speciali con Giorgio Diritti e Valeria Golino, che mi hanno dato tanto. Ma credo sia stata anche la vita stessa, e il suo svolgersi, a portarmi a quello che sono ora, a farmi crescere». 
Diritti e Golino: che registi sono?
 «Giorgio con “Un giorno devi andare” era al terzo film, Valeria con “Miele” era all’esordio. Le esperienze erano piuttosto diverse. Entrambi hanno una visione molto personale, autoriale. Con Giorgio è stata proprio un’avventura, un viaggio e un incontro speciale con quei luoghi (l’Amazzonia, ndr) e con quelle persone, con Valeria c’è stata più la costruzione di un personaggio e di una storia: si può dire che se con Giorgio abbiamo tolto tutto, con Valeria abbiamo aggiunto».
Che cosa le hanno lasciato queste due esperienze?
«L’incontro con Giorgio e Valeria è stato importante: quello che mi è successo è stato un punto di svolta, anche se ciò non vuol dire che ora ho addosso il “bollino di garanzia”. Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro, anche perché è avvenuto in un momento particolare della mia vita. Con Valeria devo dire che ho avuto l’opportunità di misurarmi con un ritratto femminile che è difficile trovare in Italia e che mi ha segnato molto come attrice».
Questi due ruoli le hanno aperto porte significative anche all’estero. Cosa c’è stato dopo? La Francia, il film con Sean Penn...
«Quello con la Francia è un legame che c’era anche prima. Avere lavorato in film e con registi là molto amati, come Moretti, o Giordana, o Placido, mi ha permesso di essere vista e poi chiamata a lavorare là. L’occasione di “The Gunman”, il film di Pierre Morel con Sean Penn e Javier Bardem che ho appena finito di girare, è invece totalmente dovuta a “Miele” e a Valeria Golino. È stato un set lungo che mi ha dato tantissimo, ed è stato anche un vero piacere essere a contatto con una produzione hollywoodiana e attori eccezionali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

IL FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno