17°

27°

In solitario

Nell'oceano delle mille contraddizioni di oggi

In Francia è stato un successo

Nell'oceano delle mille contraddizioni di oggi
Ricevi gratis le news
0

 

In Francia è andato a gonfie vele, sorprendendo più della rimonta di Oracle: forse perché nell’oceano delle mille contraddizioni del presente, le onde del destino sono schiaffi capaci anche di risvegliare la coscienza. O forse perché, più semplicemente, tra una virata e l’altra, l’avventura umana prevale sull'epica sportiva e   il vento soffia sulle ali del volemose bene. 
E’ roba da lupi di mare, ma è anche, allo stesso tempo, un prodotto accattivante per il grande pubblico, «In solitario», successone in Francia (dietro le quinte ci sono i re Mida di «Quasi amici»...) in cui non è solo per dire che siamo tutti sulla stessa barca. Che poi è quella di Yann, burbero velista che fa rotta sulla Vendée Globe, estenuante regata intorno al mondo. Una sfida che deve affrontare da solo: se non che un giorno Yann si ritrova sulla barca un giovane clandestino della Mauritania, spaventato e affamato... Spettacolare nelle sequenze in mare aperto (cinetiche e concitate: con tanto di citazione del salvataggio da parte di Soldini della Autissier), ma nazional-popolare (tra canzoni «furbe» e marinai brava gente) per il resto, «In solitario», opera prima di Christophe Offenstein, è un film virile sulla scoperta dell’altro che va oltre lo sport movie (di cui comunque conosce la sintassi) costringendo un «eroe per caso» a fare i conti con l’individualismo proprio e di un’epoca, nel solco di un’attualità dove tutti siamo naufraghi. Un po' troppo frettoloso nel lavoro preparatorio (e a volte «facile» nel modo in cui scioglie i nodi), il debutto di Offenstein, nonostante un valido Francois Cluzet, non è però né «Welcome» né «All is lost» (il film con Redford che uscirà l’anno prossimo): ma ha comunque le carte (non solo quelle nautiche) in regola per piacere a tanti. F. Mol.
QQQQQ
IN SOLITARIO (En solitaire)
REGIA: CHRISTOPHE OFFENSTEIN
SCENEGGIATURA: CHRISTOPHE OFFENSTEIN e JEAN COTTIN DA UN'IDEA DI FRÉDÉRIC PETITJEAN
INTERPRETI:  FRANCOIS CLUZET, SAMY SEGHIR, VIRGINIE EFIRA, GUILLAUME CANET, KARINE VENASSE 
Francia 2013, colore, 1 h e 37'
GENERE: DRAMMATICO
DOVE: THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS
In Francia è andato a gonfie vele, sorprendendo più della rimonta di Oracle: forse perché nell’oceano delle mille contraddizioni del presente, le onde del destino sono schiaffi capaci anche di risvegliare la coscienza. O forse perché, più semplicemente, tra una virata e l’altra, l’avventura umana prevale sull'epica sportiva e   il vento soffia sulle ali del volemose bene. E’ roba da lupi di mare, ma è anche, allo stesso tempo, un prodotto accattivante per il grande pubblico, «In solitario», successone in Francia (dietro le quinte ci sono i re Mida di «Quasi amici»...) in cui non è solo per dire che siamo tutti sulla stessa barca. Che poi è quella di Yann, burbero velista che fa rotta sulla Vendée Globe, estenuante regata intorno al mondo. Una sfida che deve affrontare da solo: se non che un giorno Yann si ritrova sulla barca un giovane clandestino della Mauritania, spaventato e affamato... Spettacolare nelle sequenze in mare aperto (cinetiche e concitate: con tanto di citazione del salvataggio da parte di Soldini della Autissier), ma nazional-popolare (tra canzoni «furbe» e marinai brava gente) per il resto, «In solitario», opera prima di Christophe Offenstein, è un film virile sulla scoperta dell’altro che va oltre lo sport movie (di cui comunque conosce la sintassi) costringendo un «eroe per caso» a fare i conti con l’individualismo proprio e di un’epoca, nel solco di un’attualità dove tutti siamo naufraghi. Un po' troppo frettoloso nel lavoro preparatorio (e a volte «facile» nel modo in cui scioglie i nodi), il debutto di Offenstein, nonostante un valido Francois Cluzet, non è però né «Welcome» né «All is lost» (il film con Redford che uscirà l’anno prossimo): ma ha comunque le carte (non solo quelle nautiche) in regola per piacere a tanti.

 

 F. Mol.

GIUDIZIO **
I

IN SOLITARIO (En solitaire)

REGIA: CHRISTOPHE OFFENSTEIN

SCENEGGIATURA: CHRISTOPHE OFFENSTEIN e JEAN COTTIN DA UN'IDEA DI FRÉDÉRIC PETITJEAN

INTERPRETI:  FRANCOIS CLUZET, SAMY SEGHIR, VIRGINIE EFIRA, GUILLAUME CANET, KARINE VENASSE 

Francia 2013, colore, 1 h e 37'

GENERE: DRAMMATICO

DOVE: THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

1commento

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Teatro

Cevoli: «Il mio Rossini? Un mattacchione»

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

tar

(Chiusura) Open shop di via Bixio, Comune condannato al risarcimento

6commenti

12 tg parma

Rave party nella golena del Po: 539 denunciati

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: uno è morto

REGGIO EMILIA

Bidello di un asilo accusato di violenza su un bimbo di 4 anni

SPORT

USA

Giovane promessa del golf trovata morta sul campo in Iowa

SERIE A

La Spal stende l'Atalanta con la doppietta dell'ex Petagna

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design