19°

lirica

"Pagliacci" non scalda, applausi per "Gianni Schicchi"

Scrivete la vostra "recensione" nello spazio commenti

Una scena di Pagliacci

Una scena di Pagliacci

Ricevi gratis le news
4

<Pagliacci> non scalda, applausi per <Gianni Schicchi>: esito nettamente differente per i due titoli abbinati in occasione dell'inaugurazione della stagione lirica 2014 del Teatro Regio. 

L'opera di Leoncavallo <azzoppata> soprattutto dall'interpretazione del ruolo di Canio da parte del tenore Marcello Giordani, contestato dal loggione. Meno tesa e più divertente l'atmosfera per l'atto buffo di Puccini salutato dagli applausi, con Elia Fabbian nel ruolo del titolo. Particolarmente apprezzata la regìa <cinematografica> di Federico Grazzini, filo conduttore delle due opere, così come il direttore Francesco Ivan Ciampa. La serata è stata dedicata dal Teatro Regio alla memoria della giornalista Elena Formica scomparsa il mese scorso.

Ampi servizi sulla Gazzetta di Parma in edicola  


Eravate al Regio? Scrivete la vostra "recensione" degli spettacoli nello spazio commenti e mandate le vostre foto a sito@gazzettadiparma.net



La vigilia della "prima": dalla Gazzetta di Parma di domenica

«Pagliacci» di Ruggero Leoncavallo e «Gianni Schicchi» di Giacomo Puccini inaugurano stasera (ore 20.00, diretta su Tv Parma dalle 19.55) la Stagione lirica 2014 del Teatro Regio. Un abbinamento decisamente insolito - e per questo ancora più prezioso - di due opere comunque assenti da lungo tempo dal palcoscenico del Regio. Utile guida all'ascolto sarà la presentazione, a cura del nostro critico musicale, che proponiamo qui di seguito. (r.s.)


Accostamento libero, quanto sollecitante quello delle due opere con cui si apre la stagione lirica: da un lato «Gianni Schicchi» uscito dalla gabbia di quel «Trittico» ideato da Puccini per offrire un quadro nuovo della sua creatività, dall’altro i «Pagliacci» sciolti dalla consuetudine di quel gemellaggio con «Cavalleria rusticana» che ha avuto il sintetico suggello di marchio anglosassone nello stringato «Cav.and Pag.». Uscita dagli schemi che consente di osservare (ascoltare) le due opere da un’angolazione più aperta rispetto a certi condizionamenti che, nonostante la straordinaria popolarità che da sempre ha accompagnato le due opere, erano andati determinandosi sul terreno critico.
Innanzitutto nettissimo lo stacco tra i due compositori, un tempo accomunati troppo genericamente sotto la cappa di quel ‘verismo’ che, nella stessa correlazione con il teatro e la narrativa degli ultimi decenni del secolo, oggi ha trovato una considerazione ben più modulata ed approfondita. Senza dubbio dentro la formula «Giovane scuola» si muovono personalità differenti, come quella di Leoncavallo: troppo bistrattato, riterrà Gavazzeni, che invece ne riconoscerà la singolarità: «Strano personaggio, anche nel modo di vivere; uomo colto che va a finire a San Francisco a suonare il pianoforte nei caffè» e che tuttavia, nella varietà di esperienze compiute sul terreno operistico, firmerà un unico capolavoro.
Nati sullo sfondo illuminato dalla folgorante apparizione di «Cavalleria rusticana», «I Pagliacci» ne proiettano le suggestioni in una direzione di marcata evidenza narrativa, nel dichiarato intendimento espresso nel libretto da lui stesso redatto - «uno dei più validi che esistano» dichiarerà René Leibowitz nella sua clamorosa riabilitazione dell’opera verista - di «pingervi uno squarcio di vita», e di raccontare la storia «con vere lacrime», propositi che trovano attuazione attraverso un’elaborazione musicale e soprattutto vocale di forte segno. L’opera andrà in scena a Milano, al Teatro dal Verme, sotto la direzione di Toscanini il 21 maggio 1892, ottenendo un successo straordinario.
Anche per Puccini l’attrazione per ‘l’atto unico’, formula che appunto in «Cavalleria rusticana» aveva trovato un suggello emblematico, covava da molti anni, nell’intento di uscire da quegli schemi che lo avevano accompagnato nella sua carriera; in particolare pensava a tre atti unici, vale a dire ad una struttura tripartita che aveva avuto un esito altissimo in «Les Contes d’Hoffman» e ancor di più aveva il suo modello supremo nella «Commedia» dantesca. Nacque così, tra varie incertezze, non estraneo il clima degli anni di guerra, il «Trittico» costituito da «Il Tabarro» su libretto di Adami, da «Suor Angelica» su libretto di Gioacchino Forzano e «Gianni Schicchi» sempre su libretto di Forzano. Un polittico articolato su tre caratteri assolutamente diversi, il tragico, l’elegiaco, il comico, a comporre un’unità che Puccini intendeva rispettare chiedendo che le tre opere venissero proposte in una stessa serata. Così avverrà alla prima, al Metropolitan di New York il 14 dicembre del 1918, alla quale Puccini non poté assistere causa le difficoltà del viaggio, essendo invece presente alla prima italiana, al Costanzi di Roma l’11 gennaio 1919, direttore Gino Marinuzzi. Ma il destino del «Trittico» era quello di perdere la sua unità associandosi poi ogni opera ad altri atti unici, secondo combinazioni dettate da varie opportunità e gusto. Tra le più ricorrenti quella di associare «Pagliacci» e «Schicchi». Interessante osservare come il caleidoscopio critico nei riguardi del «Trittico» sia andato ruotando nel tempo, corrispondente anche ad una più approfondita messa a fuoco della personalità di Puccini: se «Il Tabarro» ha visto crescere le sue azioni per la sua «tinta» e così pure «Suor Angelica» è stata riscattata da un preteso eccesso di sentimentalismo, « Gianni Schicchi» ha conservato con la sua comicità – nel proposito di Puccini « di ridere e di far ridere» - una cifra nitidissima, come è stato detto «l’ultima commedia lirica italiana».
____________________

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Emilio

    13 Gennaio @ 07.33

    Due belle opere. Una fusione di drammaticità e ironia azzeccata. Bravi.

    Rispondi

  • Francesco

    13 Gennaio @ 07.24

    brundofrancesco@libero.it

    Ottimi i pagliacci della nostra classe politica.

    Rispondi

  • Matteo

    13 Gennaio @ 02.24

    Prima nel complesso deludente, mi aspettavo molto di più anche se " Pagliacci" è un' opera difficile. Non ha brillato Marcello Giordani nella parte di Canio (Pagliaccio) che è scivolato spesso, trascinando con sè anche gli altri interpreti. In GIanni Schicchi si rivede Elia Fabbian ( Tonio, lo scemo, nei Pagliacci) che si riprende, aiutato soprattutto dall'opera stessa, buffa, divertente e piena di umorismo. Quello che è mancato al loggione di Parma stasera, non senza ragioni.

    Rispondi

  • Stefania

    13 Gennaio @ 01.08

    SERATA MERAVIGLIOSA....!!!!!!!!!!!!!!! Due opere fantastic he in una cornice unica. ef

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno