13°

27°

colonne sonore di parma

Ferrarini, il ricercatore d'oro

Dai fan di Ian Anderson ad allievo di Severino Gazzelloni: tutte le sfumature del flauto

Claudio Ferrarini possiede l'ultimo esemplare dello stesso modello  realizzato per Gazzelloni

Claudio Ferrarini possiede l'ultimo esemplare dello stesso modello realizzato per Gazzelloni

Ricevi gratis le news
0

 

Dici flautista e pensi subito a Severino Gazzelloni e a Ian Anderson, anche se non è facile trovare altri punti di contatto tra il maestro ciociaro star della classica e il bardo scozzese alfiere del progressive. Eppure nella carriera di Claudio Ferrarini, indiscutibilmente uno dei più apprezzati solisti del panorama contemporaneo, entrambi hanno giocato un ruolo chiave, seppure in tempi - e modi - assai diversi. Tanto per cominciare, il flautista parmigiano incarna uno dei pochi esempi di musicista classico partito dal rock, come lui stesso racconta: «Assistere al concerto dei Jethro Tull a Firenze nel 1972 mi cambiò la vita: decisi che dovevo assolutamente imparare a suonare il flauto. Fu così che ne acquistai uno da Davoli, che allora aveva il negozio di fronte al Regio, pagandolo a rate, e cominciai a esercitarmi. Allora frequentavo l'Istituto d'arte perchè l'altra mia grande passione era il disegno: ma non appena mi resi conto che diversi miei compagni del Toschi avevano molto più talento del sottoscritto, passai al Conservatorio. E non fu facile all'inizio, perchè mi dissero subito che dovevo tagliarmi i capelli e cambiare repertorio, visto che mi ero presentato cercando di eseguire la Bourèe di Bach come la suonava Ian Anderson».

Dunque niente più Bubble Gum, il gruppo con cui suonava all'epoca facendo la spola tra il Redas e il CanAm, aprendo i concerti delle Orme o della Formula 3: in compenso il diploma al Conservatorio gli aprì le porte delle più prestigiose scuole di perfezionamento, come quella di Vienna o dell'Accademia Chigiana, dove per l'appunto fu allievo di Gazzelloni.
«E' stato il mio maestro - dice senza mezzi termini Ferrarini - eravamo davvero come padre e figlio. Tra l'altro proprio lui, già a partire dalla fine degli anni Settanta, ha inventato il crossover, ben prima di Pavarotti. Anche se dopo la sua morte la sua memoria si è un po' sbiadita, forse perchè non ha saputo circondarsi di persone che sapessero raccoglierne l'eredità».

A Ferrarini di diventare a sua volta una star della classica (come Andrea Griminelli per intenderci) non è mai interessato: la sua indole è quella del ricercatore.
«Come esecutore, Andrea è un vero cavallo di razza, che va lasciato correre e galoppare; io cerco di più le sfumature, il lavoro di scavo, non mi accontento di suonare il flauto in modo tradizionale».

Questo spiega anche la scelta di non suonare in orchestra.
«Da giovane sono stato anche primo flauto con il compianto maestro Campori, ma l'orchestra non fa per me. Il repertorio del mio strumento è immenso, io desidero avere la libertà di suonare ciò che è adatto al mio temperamento: questo, a mio avviso, è il virtuosismo».

Della famiglia dei legni, il flauto è lo zio ricco visto che i top della gamma sono in oro e in platino.
«Io ne posseggo due d'oro massiccio 14 k, uno dei quali è l'ultimo costruito da Johannes Hamming prima della sua morte, lo stesso di Gazzelloni, Ne ho anche uno di platino realizzato da suo figlio Bernhard».

Guai però a pensare che l'utilizzo di questi metalli preziosi abbia a che fare con l'esibizionismo.
«Il flauto d'oro e quello di platino, scaldandosi più lentamente, mantengono l'intonazione e dunque sono più adatti al solista, mentre il flauto d'argento è più adatto in orchestra. E' un discorso legato alla fisica: più è alto il coefficiente di durezza di un metallo, più il costruttore riesce a tirarlo con una grammatura molto sottile, per farlo vibrare di più».

Un po' come tirare la sfoglia?
«Beh, con un po' di fantasia si può dire che il concetto è simile: se la sfoglia è sottile esalta di più il ripieno, così il flauto sottile è a sua volta più sonoro».

A proposito di fantasia: un po' ce ne vuole a incidere un disco per flauto e pianoforte dove celebri arie liriche di Verdi, Puccini e Donizetti prendono la strada del tango e del samba e intitolarlo «Joseph Green Revolution»...
«Beh, qui il merito è di Alessandro Nidi, a mio parere il miglior arrangiatore che c'è. Comunque sia chiaro che questo disco è stato fatto con amore, non certo con l'intento di dileggiare i nostri massimi compositori. L'abbiamo già presentato tre volte dal vivo ed è stato molto apprezzato. Se il pubblico capisce il lavoro che c'è dietro, meglio suonare queste cose piuttosto che Berio o Bussotti. Stesso discorso per le arie da salotto di Verdi: mi piace accompagnare i cantanti, con Michele Pertusi abbiamo fatto un'ottima operazione».

Reduce da Istanbul, dove ha eseguito un concerto di Mozart per pianoforte trascritto da Emilio Ghezzi per flauto e orchestra, Ferrarini coltiva un progetto dietro l'altro. Del resto non si incidono 110 dischi di cui l'80% rappresentato da prime esecuzioni, se non si è alla continua ricerca di repertori rari.
«E' la curiosità che mi spinge - osserva, definendosi senza vanagloria una sorta di Indiana Jones del flauto - a Vienna ad esempio ho trovato la trascrizione di tutte le sinfonie di Beethoven per flauto e pianoforte: le eseguirò in tre concerti, sarà una cosa da Guinness dai primati».

E per il 2015 è già in cantiere un'altra impresa: un triplo cd con 32 sonate inedite composte da Federico II di Prussia, quasi un nume tutelare per Ferrarini, che a Potsdam è di casa.
«E' passato alla storia per essere stato un grande sovrano, ma era anche un grande appassionato di musica, compositore e flautista lui stesso. Sto anche scrivendo un romanzo in cui racconto le sue vicissitudini: pochi sanno che, pur essendo omosessuale, Federico II amò una sola donna, la ballerina Barbara Campanini, detta La Barberina, che per diversi anni fu la più celebrata danzatrice di Berlino. Manco a dirlo, era di Parma».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quiche tricolore, cucina patriottica

LA PEPPA

La ricetta - Quiche tricolore, cucina patriottica

Lealtrenotizie

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

6commenti

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

Parma

Vandalismi all'Itis, la preside chiude il bagno

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

LUTTO

Addio a Oddi, pilastro dell'Audace

la segnalazione

"Il parcheggio dell'Ercole Negri pericolosamente al buio da troppo tempo"

PARMA

Uno sprint al tramonto: il 4 maggio torna la Cetilar Run

Ecco il percorso della manifestazione: 8 chilometri dal Parco Ducale alla Cittadella

Soragna

I ragazzini rapinati: abbiamo ancora paura

'NDRANGHETA

Gigliotti deve restare in cella: no del gip alla scarcerazione

IL CASO

Massacro di via San Leonardo, chiesto il rinvio a giudizio di Solomon

FELINO

Invalida per finta e denunciata per davvero

Sosta con un permesso falso sullo stallo per disabili in via Brigate Alpine: un'automobilista originaria del Napoletano scoperta e indagata dai vigili

PARMA

Casa nel Parco: gioco e lavoro vanno a braccetto Foto

CARABINIERI

Scompare da San Secondo: Claudio Lombino ritrovato a San Polo d'Enza

Il 29enne era scomparso venerdì, lasciando a casa portafogli e cellulare

INTERVISTA

Baronchelli e Bugno, ciclisti-bersaglieri

IREN

Collecchio: niente acqua in alcune strade, tecnici al lavoro per riparare il guasto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

correggio

Morì dopo l'arresto in caserma: fu colpito in una rissa per strada Video

NAPOLI

A 13 anni in classe con pistola finta, paura tra i compagni

SPORT

parma calcio

Al Tardini la nascita delle Parma Legends e il raduno di “Serie A: Operazione nostalgia” Foto

Serie B

L'Empoli strapazza il Frosinone, il Parma resta al secondo posto

2commenti

SOCIETA'

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

WEB

YouTube, rimossi 8 milioni di video in tre mesi

MOTORI

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone