21°

lirica

Luca Salsi: "All'Arena canterò un "Nabucco" pieno di colori

Per la seconda volta il baritono inaugura la stagione a Verona e sarà a Torino con la "Traviata" per Expo

Luca Salsi: "All'Arena canterò un "Nabucco" pieno di colori
Ricevi gratis le news
0

E' stato soprannominato il «Superman del Metropolitan» dalla stampa, dopo aver cantato due opere nel giro di sette ore (il terzo cantante a riuscire nell’impresa nella storia del Met).
Anche grazie a questo exploit, ma non solo, il baritono parmigiano Luca Salsi sta vivendo un momento d’oro e la sua agenda è fitta di impegni di prestigio. Dopo qualche giorno di riposo nella sua casa di Parma, dove ama tornare per stare vicino ai figli («la mia gioia più grande», sottolinea il cantante), dal 4 giugno sarà a Verona per iniziare le prove di Nabucco, opera con cui verrà inaugurata la stagione dell’Arena.
Le date si alterneranno con quelle di Torino, dove Salsi canterà in una Traviata inserita nell’ambito di Expo 2015.
Inoltre, proprio in questi giorni al baritono è stato confermato un nuovo impegno al Teatro alla Scala di Milano, mentre al Met ha scritture sino al 2020.
Iniziamo dal primo impegno: è la seconda inaugurazione della stagione dell’Arena e la quarta opera cantata su questo palcoscenico. Quali sono le sfide poste alla voce dall’anfiteatro veronese?
«Per quanto mi riguarda, cerco di cantare in Arena come in un teatro al chiuso, cioè mantenendo tutti i colori. Il pericolo è spaventarsi per la grandezza, in realtà bisogna avere fiducia nell’acustica del teatro che è fantastica. Il mio desiderio è cantare Nabucco come l’ho cantato al chiuso con Riccardo Muti: pieno di colori, di mezze voci e di pianissimo, con l’unico accorgimento di adattare leggermente le dinamiche all’ampiezza del luogo. La battaglia che porto avanti è togliere tutte le “gigionate” e tutto quanto non è stato scritto da Verdi, per rispettare le dinamiche volute dal Maestro».
In marzo invece ritornerà alla Scala per interpretare il Doge ne I due Foscari di Giuseppe Verdi, un ruolo che le è molto caro...
«I due Foscari è un’opera a cui sono molto legato perché l’ho cantata la prima volta a Trieste, nel 2011, e credo abbia segnato una svolta nella mia carriera. È stato il primo grande ruolo verdiano: un ruolo completo, pieno di difficoltà, che va maturato con il tempo. Ci ho messo l’anima e in quell’occasione il pubblico è venuto a salutarmi in lacrime. Dopo, quest’opera ha segnato anche il mio primo incontro con Muti, a Roma, quindi con il Doge ha avuto inizio la mia avventura con quello che reputo il più grande direttore vivente per la musica di Verdi. Muti mi ha insegnato tantissimo, potrei dire tutto sugli aspetti musicali delle opere verdiane».
Il suo impegno più lontano nel tempo?
«Un Don Carlo al Metropolitan, nel 2020. Per il futuro ho molte scritture all’estero e solo poche in Italia: qui si fa sempre più fatica, anche se la qualità artistica c’è ancora. Fanno eccezione alcune perle: il Teatro Petruzzelli di Bari (dove ho appena cantato un bellissimo Macbeth con un’orchestra e un coro di giovani), la Fenice di Venezia, la Scala di Milano e l’Arena».
Al Met, ha interpretato nel giro di poche ore Enrico, in Lucia di Lammermoor, e Don Carlo, nell’Ernani, sostituendo l’indisposto Placido Domingo: da Verdi a Donizetti in poche ore, cosa ha fatto per concentrarsi ed entrare in ciascuno di questi due ruoli?
«Per Ernani non ho avuto il tempo di preparami, parlerei piuttosto d’incoscienza... il figlio di Domingo mi ha chiamato alle 12.30, sono arrivato in teatro, ho fatto due vocalizzi, mi hanno messo addosso un costume e alle 13 ero in scena. Per fortuna è un’opera che avevo preparato bene con Muti, a Roma, e forse è stato meglio non avere il tempo di pensare, perché è stata trasmessa in diretta mondiale. Poi, alle 16.30, terminata la recita, temevo che diminuisse l’adrenalina e che, con la stanchezza, mi calasse la voce, quindi ho preferito non tornare a casa: ho fatto una passeggiata nel Central Park, mi sono fermato in un fastfood e ho mangiato due hamburger giganti con patatine fritte e poi sono tornato in Teatro, ma non ho più toccato la voce. Posso dire di aver cantato abbastanza bene anche Lucia, ho tolto solo qualche acuto che di solito facevo come variazione. La soddisfazione più grande è stata l’eco impressionante che questa vicenda ha avuto in tutto il mondo e la possibilità di cantare con il maestro James Levine, uno dei miei sogni sin da quando ero studente».
Al termine di questa impresa ha ringraziato il suo insegnante Carlo Meliciani: da quanto studia con lui e qual è il suo insegnamento più prezioso?
«Studio con Carlo Meliciani dal 2002: ha 87 anni ma ha ancora una forza, una grinta e uno spirito da giovanotto e una grande voglia di insegnare. È stato un grande baritono (allievo di Carlo Tagliabue) e mi ha insegnato la tecnica della scuola italiana di una volta, quella che insegna a cantare “sul fiato”, con il suono alto e “in maschera”. Questo consente di non stancare la voce».
Quali i cantanti che le piace ascoltare?
«Prima di cantare in teatro ascolto sempre qualche aria cantata da Aureliano Pertile e da Carlo Tagliabue, perché il canto è anche imitazione. Pertile: è di una modernità impressionante e usa la voce sempre con eleganza e il suono in maschera».
Qualche desiderio da realizzare?
«È difficile desiderare più di quanto già ho: sono un uomo felice, anche grazie alla mia compagna Virginia Tola e ai miei figli...».
Per chi vuole tenersi aggiornato sulle interpretazioni di Luca Salsi può seguire la sua pagina ufficiale su Facebook e il profilo Twitter (@LucaSalsi75).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

5 (anzi 6) nomi per ballare in TV:  Jonathan e Kevin Sampaio

L'INDISCRETO

5 (anzi 6) nomi per ballare in TV

A Radio Parma il gruppo bolognese "Il vaso di Pandora"

RADIO PARMA

Il gruppo "Il vaso di Pandora" torna con il simpatico video "Il Signor Distruggile": video-intervista

Elvis

PARMA

"Bravo cantante di ballate, ricordiamolo". Ma era Elvis... Fra storia e musica: video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Montepulciano d'Abruzzo griffato «Emilio Pepe»

IL VINO

Il Montepulciano d'Abruzzo griffato «Emilio Pepe»

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Addio ad Angelo Bussoni, ingegnere e sportivo

LUTTO

Addio ad Angelo Bussoni, ingegnere e sportivo

calcio

Semifinale Viareggio Cup, Parma che peccato: passa il Genoa 3-2 in rimonta

1commento

PIACENZA

Rissa in campo fra 16enni: il padre di un giocatore del Pallavicino va in campo e cerca di colpire un ragazzo

E' successo a Mortizza (Piacenza) durante Libertaspes-Pallavicino, partita del campionato Allievi interprovinciali

3commenti

CONSIGLIO

Comune: invariate le agevolazioni per Imu e Tasi

Cambio di deleghe in giunta per Bosi, Ferretti, Guerra e Seletti - Pizzarotti: "Parma in Centro è un comitato fantomatico"

VIA ZARA

Coppia sventa un'aggressione a una donna

1commento

ITALIA

Azzurri in visita all'oncologia pediatrica di Parma

Mancini, Chiellini e Kean passano la mattinata con i bimbi ricoverati

Gazzareporter

"Arriva il vento? Alle 17,20 chiuso il Parco Ducale": foto del lettore Massimo Mari

POLIZIA

Circoncisione: un altro bimbo morto nel Reggiano. Si cerca un "santone", indagini anche a Parma e Modena

A novembre morì un bimbo di 6 mesi. Si cerca un "santone" della comunità africana, che è latitante

2commenti

12 tg parma

Clima: Parma tra le peggiori in Italia secondo il Sole 24 Ore Video

AMBIENTE

Le parmigiane che vogliono salvare il pianeta insieme a Greta

1commento

ROCCABIANCA

Incidente a Ragazzola: muore un motociclista cremonese di 55 anni Video

GIORNATE FAI

Palazzo Ducale il secondo bene più visto in Italia: 6500 presenze

Al primo posto la sede della Banca d'Italia di Bari

PARMA

Formazione dei giovani per la logistica: incontro con il sottosegretario Salvatore Giuliano al Cepim Video

Nella sede di Lanzi Trasporti si è discusso del progetto "Logistics Transport Farm"

Parma

Consiglio notarile: confermati Beatrice Rizzolatti, Pietro Sbordone e Cecilia Renzulli Foto

Il presidente Almansi: ”Continueremo a operare per essere sempre più vicini ai cittadini”

Simone Barone

«Che bello rivedere la Nazionale a Parma»

università

Presentato il nuovo logo di “Parma Città Universitaria”

Un abbraccio e un’ala. Vincitore del concorso di idee è Gabriele Manni, studente di Economia e Management

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit: Londra sul piano inclinato

di Paolo Ferrandi

EDITORIALE

Amore e odio sulla corriera incendiata

di Vittorio Testa

1commento

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Igor il Russo condannato all'ergastolo

1commento

BOLOGNA

Malore sul campo da calcio: muore un ragazzo di 22 anni

2commenti

SPORT

CALCIO

Gli azzurri sono a Parma: ecco l'arrivo dei giocatori in albergo

antitrust

Stangata sulla Nike: l'Unione europea limita la vendita delle magliette dei calciatori

SOCIETA'

ALIMENTAZIONE

Mangiare tardi può contribuire all'aumento di peso

CINEMA

Il docufilm sul "Màt" Sicuri: ecco il trailer

MOTORI

MOTO

Guzzi svela V85TT, la 'classic enduro' votata al turismo Video

MOTORI

Mercedes GLE: come cambia il «big suv»