18°

Spettacoli

Donato Renzetti: «La zampata verdiana c'è»

Donato Renzetti: «La zampata verdiana c'è»
Ricevi gratis le news
0

di Elena Formica

Finalmente non dovremo fare i conti con «Il Capolavoro». Innumerevoli i vantaggi: primo fra tutti la libertà di ascoltare questa musica - che è di Verdi, eccome! - senza sopportare il peso di enormi disquisizioni e di una trita sintassi zeppa di superlativi. «Un giorno di regno», titolo inaugurale della Stagione lirica 2010 al Teatro Regio di Parma (da venerdì), è la seconda opera composta da Verdi dopo Oberto conte di San Bonifacio e non è passata alla storia come un colpo di genio. Anzi: la «prima» scaligera del 1840 fu un fiasco e non servì a sdoganarla il successo ottenuto a Venezia nel 1845. Verdi, parecchi anni dopo, così scrisse a Ricordi: «Io non ho più visto da quell'epoca il Giorno di regno, e sarà certo un’opera cattiva, pure chi sa quante altre non migliori sono state tollerate o forse anche applaudite». Impossibile dargli torto. Aveva appena perso la moglie Margherita Barezzi, i figlioletti Virginia e Icilio erano già nella tomba: Verdi avrebbe volentieri rinunciato al contratto con l’impresario Merelli - che dopo «Oberto» gli aveva commissionato tre opere - ma questi non ne volle sapere e «Un giorno di regno» andò puntualmente in scena alla Scala il 5 settembre 1840. Melodramma giocoso in due atti su libretto di Felice Romani: che Verdi, in lutto, potesse applicarsi «giocosamente» al comporre musica per una commedia (Le faux Stanislas di Pineux-Duval da cui derivava il libretto) era impensabile, ma l’opera fallì per diverse ragioni, fra cui la cattiva prova resa dai cantanti, le aspettative deluse dopo l’exploit di «Oberto» e l’essere tardiva rispetto ai nuovi gusti del pubblico. «Eppure anche in Un giorno di regno la zampata verdiana c'è», sostiene Donato Renzetti, bacchetta italiana tra le più affermate al mondo, che dirigerà quest’opera al Regio dopo il successo dei «Due Foscari» nell’ultimo Festival Verdi. La regia sarà di Pier Luigi Pizzi, che aveva firmato l’allestimento nel 1997. In locandina spicca il nome di Anna Caterina Antonacci nel ruolo della Marchesa del Poggio. «Potremmo catalogare Un giorno di regno come un "ibrido melodrammatico" - spiega Renzetti - perché siamo di fronte a una mescolanza di stili: non è il Verdi che ci si aspetta, non è Rossini, non è Donizetti. Tra l’altro è un’opera assai difficile da dirigere, soprattutto se l’obiettivo è mantenerne coesa la vivacità ritmica. Io credo che Verdi abbia accettato di scrivere un’opera comica per sfatare le tragedie che si erano abbattute sulla sua vita. E oserei dire che proprio lì si annida il seme di quel "Tutto nel mondo è burla" che chiude il Falstaff». «L'orchestrazione è "buonina" - prosegue il maestro - ma non va dimenticato che è anche presente il clavicembalo, probabilmente in segno di continuità rispetto al genere operistico di riferimento. Da ciò si arguisce come non sia facile, in tale contesto, rendere più lievi o coerenti certe sonorità che preludono alle sciabolate del Verdi futuro». Questa sera, dopo la prova generale aperta di «Un giorno di regno a Parma»,  Donato Renzetti dirigerà nella prestigiosa Sala Verdi del Conservatorio di Milano il Requiem di Mozart e un oratorio di Schönberg (A survivor of Warsaw) per ricordare le vittime della Shoah nel Giorno della Memoria.  Domani, nel Duomo di Milano,  dirigerà nuovamente il Requiem mozartiano. «L'invito per Un giorno di regno - precisa il maestro - mi è arrivato poco prima di Natale e l’ho accettato, malgrado avessi già questi impegni a Milano, perché sono davvero affezionato a Parma. E anche perché ho diretto praticamente tutto il repertorio di Verdi e Un giorno di regno mi mancava. Così, in attesa del prossimo Simon Boccanegra a Bilbao e della ripresa di Luisa Miller a Torino, aggiungo ora un altro tassello verdiano alla mia carriera, pensando con gioia che al Regio debuttai proprio con una rarità assoluta come la Jerusalem di Verdi, secondo solo a Gavazzeni nel dirigere quest’opera in epoca moderna».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale in auto con una ragazza: è morto "Zanza" , re dei playboy della Riviera romagnola

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Harlem Gospel Choir

Auditorium Paganini

Arriva l'Harlem Gospel Choir

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

4commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

CALCIO

Napoli-Parma: turnover leggero per i crociati, confermati Gervinho e Inglese Diretta dalle 21 

Segui gli aggiornamenti minuto per minuto a partire dalle 21

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

3commenti

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

genova

Crollo del ponte, ferrovia a pieno regime dal 4 ottobre

SPORT

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

BASEBALL

Parma Clima: Yomel Rivera raggiunge i compagni in Arizona

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

PARMA

Il pubblico della fiera come i piloti Ferrari: l'emozione del pit-stop a "Mercanteinauto"

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel