13°

27°

Spettacoli

L'Oltretorrente va in scena

L'Oltretorrente va in scena
Ricevi gratis le news
0

 Francesca Benazzi

L'Oltretorrente e le sue mutazioni, la famiglia alle prese con le difficoltà quotidiane, ma anche la passione d’amore: c'è un denominatore comune che unisce queste interessanti tematiche nel «Week-end al Parco» - la stagione per adulti e bambini di Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle arti - che prende il via domani alle 18, per proseguire sabato alle 21 e concludersi domenica alle 16.30. Sarà infatti un week-end teatrale all’insegna della compagnia Rodisio che, di ritorno nella sua Parma dopo un intenso tour internazionale, presenta due spettacoli e una performance. L'ensemble diretto da Davide Doro e Manuela Capece, uno dei gruppi più attivi e apprezzati del nuovo teatro ragazzi italiano, porta in scena domani al Teatro al Parco la performance «Da Nord a Sud - spazi per la memoria», a conclusione di un progetto europeo realizzato con il sostegno della European Cultural Foundation e la partecipazione dell’Università di Parma - Dipartimento di studi politici e sociali. «Da Nord a Sud» racconta di tre città, Parma, Birgu (Malta) e Stoccolma, addentrandosi nel loro cuore, nei loro quartieri al centro del cambiamento, dove si è dentro o fuori, abitante o straniero, stanziale o di passaggio, nuovo o vecchio. 
«Abbiamo scelto l’Oltretorrente - spiega Davide Doro - come quartiere simbolico, per osservarne il cambiamento nel corso del tempo: è stato realizzato un video con interviste agli abitanti, dagli studenti agli immigrati agli anziani, nelle quali abbiamo chiesto loro come si sentivano di raccontare il loro quartiere. A questo aggiungiamo una performance dal vivo accompagnata da un po' di vino, pane e salame». 
Gli altri due spettacoli, «Storia di una famiglia» (sabato alle 21) e «L'inverno - la storia d’amore di Caterina e Ivo» (domenica alle 16.30), fanno invece ritorno a Parma - dove avevano debuttato - dopo una tournée che ha toccato diversi Paesi, da Londra a Parigi, da Copenaghen al Giappone: «Torniamo con molto piacere nella nostra città - sottolinea Doro - . Lavoriamo molto per questi tour all’estero, per i quali occorre anche un lavoro di traduzione complesso: facciamo i nostri spettacoli in cinque lingue. Giriamo un po' di più all’estero che in Italia, dove invece la situazione è abbastanza difficile». «Storia di una famiglia», prosegue il regista, «è uno spettacolo molto importante per noi, è quello che ci ha aperto le porte all’estero. E' divertente ma anche critico: per costruirlo abbiamo lavorato per due anni con bambini dai 6 ai 12 in Italia, Francia e Inghilterra, e sono emerse osservazioni sulla famiglia che solitamente divertono i bimbi e allarmano i genitori». Tutt'altri toni ha invece «L'inverno», una favola rivolta a bimbi dai 3 ai 5 anni, che nasce dalla volontà «di raccontare l’amore usando il linguaggio della danza - spiega ancora Doro - E’ la storia di due personaggi che colgono al volo la passione, scandita nel corso delle quattro stagioni. E’ una sorta di opera pensata per i bambini che vanno a teatro per le prime volte, con magici elementi scenici». Intanto Rodisio sta lavorando al nuovo, importante, progetto che debutterà l’anno prossimo: una coproduzione internazionale (tra Italia, Francia, Inghilterra, Danimarca, Giappone) per bambini dai 7 anni, dal titolo «Sta per succedere qualcosa», un lavoro sull'amore e sulla paura. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

ITALIA/MONDO

SPORT

SOCIETA'

MOTORI