10°

23°

Spettacoli

Charlie Rapino: "Loredana ed Emma entrambe vincitrici"

Charlie Rapino: "Loredana ed Emma entrambe vincitrici"
Ricevi gratis le news
4

Giulia Viviani

L'accento parmigiano non lo ha perso neanche dopo i tanti anni passati a Londra. È Charlie Rapino, personaggio chiave dell’ultima edizione di «Amici» di Maria De Filippi che ha visto trionfare Emma Marrone «protetta» proprio di Rapino. Genio e sregolatezza o come ama definirsi lui, «un creativo senza creatività» che di professione fa il discografico ma che ha trovato la popolarità proprio in televisione, nel talent show di Canale 5.

Dopo sei mesi, qual è il bilancio della tua esperienza ad «Amici»?
Molto positivo, nonostante fossi uno dei professori direi che sono stato io ad andare a lezione per imparare. Maria ha creato un format che sostituisce in gran parte quello che facevamo noi case discografiche per la ricerca di talenti. Non credo sia un caso che i primi dieci posti nella classifica delle vendite siano occupati da personaggi usciti dai talent show.

Questi ragazzi arrivano al successo molto velocemente ma il punto è, quanto dureranno?
Questo è un buon punto interrogativo. Una volta finita la spinta propulsiva del programma, che in genere dura un po’ più di un anno, tutto dipende dalla validità dei progetti che le case discografiche hanno per questi artisti. E dalla voglia che avranno di investire ancora su di loro.

Il livello dei cantanti quest’anno è stato abbastanza alto, cosa pensi dei quattro finalisti?
Pierdavide era secondo me il talento più completo ed ha rappresentato un caso limite visto che ha vinto Sanremo come autore prima ancora di arrivare in finale. Emma e Loredana sono state le due star indiscusse, entrambe vincitrici morali, l’una con una voce pop estremamente versatile, l’altra con un talento unico e una capacità interpretativa molto particolare. Sono state il tema centrale di tutta l’ultima fase del serale. Con Matteo è stato fatto un discorso diverso. Lui e la novità che rappresentava dovevano servire ad avvicinare i ragazzi alla musica classica e all’opera. Credo che sia un’operazione vincente, sempre che i teatri si adeguino alle esigenze dei giovani.

Com’è lavorare con una regina dello share come Maria De Filippi?

Maria è una donna affascinate, un personaggio a 360 gradi. Sono segretamente innamorato di lei. Quando mi ha contattato per «Amici» penso cercasse una figura diversa da quella del maestro di canto e sono stato molto sorpreso dal fatto che mi abbia lasciato totale carta bianca. A fine programma ormai aveva imparato anche qualche espressione in parmigiano, complice anche Platinette.

A proposito di Platinette, avete condiviso tutto il serale, com’è stato ritrovarsi?
Molto divertente. Io e Mauro non ci vedevamo da quasi 25 anni, da quando ho lasciato Parma per trasferirmi a Londra. La prima puntata del serale eravamo seduti vicini e non abbiamo fatto altro che ridere e fare commenti spietati…poi ci hanno opportunamente separati. Come due compagni di banco che a scuola vengono divisi perché fanno troppo casino.

Tu che sei abituato a lavorare con artisti internazionali, che opinione hai della musica italiana?

Il problema della musica in Italia è che non è in mano ai produttori ma ai musicisti. Quello che non si è ancora capito è che la musica non è un’arte di tecnica ma un’arte umanistica che riflette l’essenza di un individuo. L’idea comune invece è che un tecnico specialista sia anche un grande artista ma è un’assurdità. Sarebbe come se alla Ferrari mettessero al posto di Montezemolo un capo officina.

E dell’ambiente musicale parmigiano cosa pensi?
Quale ambiente? Mi sembra che Parma sia ancora troppo legata al Teatro Regio e a tutto il baraccone che gli ruota intorno fatto di musica morta e scarsa comunicazione. Non si può sperare di portare la lirica ai giovani in questo modo. Cominciamo con l’abbassare i prezzi dei biglietti. Quando ero ragazzo io, la scena musicale parmigiana c’era per forza perché a quei tempi per farti notare dalle ragazze avevi due alternative: il calcio e la musica, ed io ho scelto la seconda. Noi avevamo solo due canali televisivi, però c’erano le radio libere, il negozio di dischi come punto di ritrovo, e i concerti centellinati per motivi di ordine pubblico. Andavamo all’Onirica, al bar Picasso e parlavamo sempre di musica. Di donne e di musica. Oggi è tutto più uniformato. Chi è venuto fuori ultimamente da Parma? Mi viene in mente solo Mario Biondi. Ho sentito parlare molto bene anche di un certo Dente, forse potrei fargli da manager…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Roberto

    05 Aprile @ 20.44

    Qualcuno dica a Rapinus che Mario Biondi è Catanese!

    Rispondi

  • zampa

    05 Aprile @ 15.17

    Chi di arma perisce... di arma ferisce! La lirica rosica, neh?

    Rispondi

  • loretta

    04 Aprile @ 21.51

    la vera artista ad amici è solo e unicamente la bravissima loredana errore. emma è il clone di alessandra: preferisco l'originale!

    Rispondi

    • Letizia

      05 Aprile @ 16.18

      D'accordissimo con loretta!!! Forza loryyyyyyyyyyyy 6 unica e noi siamo tutti con te, continua così!!!:)

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Record store day»: tre giorni con dj set al vinile

PGN

«Record store day»: tre giorni con dj set al vinile

Lealtrenotizie

Precipita in un bosco facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

13commenti

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

21commenti

ASSEMBLEA

Parmalat: Bernier conferma i target 2018. Scontro con il fondo Amber

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

la foto

Intervento dei vigili dei fuoco in via Mantova

gazzareporter

Via Cicerone, discarica a cielo aperto

tg parma

Circolo La Raquette: indetto il nuovo bando per la gestione Video

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

tg parma

Scontro auto-scooter in viale Pasini: un ferito, disagi al traffico Video

L'incidente si è verificato attorno alle 11

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

SERIE B

Parma: stop anche per Dezi

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

ITALIA/MONDO

METEO

Londra verso i 28-29 gradi, ma previsioni indicano che non dura

BOLOGNA

Violenza sessuale: il fermato è un maniaco seriale

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

trasporti

Anche in Italia parte la sperimentazione delle auto senza pilota

classifica

L’astrofisica Branchesi e il chirurgo Testa(unici italiani) tra le cento persone più influenti per Time

MOTORI

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti

ANTEPRIMA

Ford, ecco la nuova Focus. Da 20mila euro Fotogallery