19°

Spettacoli

A Bilbao trionfa il «Falstaff» con l'Orchestra del Regio

A Bilbao trionfa il «Falstaff» con l'Orchestra del Regio
Ricevi gratis le news
0
Elena Formica

Tutto nel mondo è burla. Ma non l’opera (e molto altro) a Bilbao. 
Allergica al vittimismo, negli anni '90 la città basca ha reagito con una sensazionale rivoluzione urbanistica alla crisi socio-economica, quindi identitaria, derivante dal trasferimento delle sue storiche industrie. Una metamorfosi stupefacente: Bilbao è diventata una capitale della cultura, personalità come Gehry e Calatrava hanno tradotto in architettura lo spirito intraprendente di questa città così lucida e audace, basca e spagnola, con un’attitudine non vagamente «british» nel pensare agli affari. Il Museo Guggenheim e il recupero di interi quartieri industriali lungo il fiume hanno fatto di Bilbao un esempio di umanesimo applicato: qui si vive bene, ci si muove bene (una fantastica metropolitana sbuca nel cuore del quartiere antico) e si va all’opera per assistere a spettacoli di assoluto livello internazionale. Infatti questa sera, dopo il successo della «première» di sabato scorso, altre 2.200 persone assisteranno al Falstaff con il grande Michele Pertusi nel ruolo del titolo: tutto esaurito da mesi al Palacio Euskalduna per l’ultimo capolavoro di Verdi, in tutto 4 recite fino al 31 maggio. Sul palcoscenico dell’Euskalduna, il più ampio d’Europa dopo quello parigino dell’Opéra Bastille, Pertusi s'è confermato il magnifico Falstaff vincitore del Grammy Award per la registrazione londinese diretta da Colin Davis. L’artista parmigiano ha dato prova, ancora una volta, di essere quel Falstaff dal tratto ironico, comico e in fondo malinconico per l’amarezza indefettibile della vita che può pure incappar nel “buffo” ma mai nel “buffone”, come ammoniva la Strepponi: di essere cioè quel Sir John Falstaff che - citando le parole di Valdengo sulla lezione di Toscanini - è e resta un nobiluomo dall’inizio alla fine dell’opera, anche nascosto in fretta nel cesto dei panni sporchi. Per qualità vocali, stile e forza intellettuale questo è stato il Falstaff di Sir Pertusi. Ma il contributo di Parma non finisce qui. Dopo l’Aida del Festival Verdi allestita al Palacio Euskalduna nel 2007, l'Orchestra del Teatro Regio di Parma è infatti tornata a Bilbao su invito dell’Abao, l’associazione che da 58 anni produce le ambiziose stagioni liriche della città basca. Diretta da Marco Armiliato efficiente quanto efficace, l’Orchestra del Regio ha sfidato a nervi saldi l’arduo cimento dell’ultimo Verdi. Va detto che qui non si trattava di Nabucco, Aida o Rigoletto già suonati in mezzo mondo da Nîmes a Seul, da Città del Messico a Pechino (dove il Regio tornerà a giugno con il Coro e Leo Nucci, ma senza il complesso orchestrale), bensì di un intrepido tuffo nel Verdi estremo che all’orchestra ingiunge di essere preziosa, precisissima, lieve nell’eloquio ma non nella consapevolezza di sé, raffinata ma non diafana, esposta a un virtuosismo sempre finalizzato al teatro: al magico teatro shakespeariano delle Allegri comari di Windsor e dell’Enrico IV che ha affascinato Verdi tra inganno e disinganno. Allestimento del San Carlo di Napoli, regia di Arnaud Bernard: garbato gioco - manco a dirlo - di teatro nel teatro. Cast di belle voci, quando non straordinarie come quella di Adina Aaron che ha sostituito Amarilli Nizza nella parte di Alice (ma con il difetto di una incongrua pronuncia, nel caso di Verdi non da minimizzare). Bene, in particolare, Lisette Oropesa (Nannetta) e Ángel Odena (Ford). Funzionale, ben oltre le inquiete aspettative di un orecchio italiano, il Coro de Ópera de Bilbao forgiato da Boris Dujin. Anche questo Falstaff rientra nel progetto "Tutto Verdi" varato dall’Abao con un comitato d’onore tra cui figurano il tenore Carlo Bergonzi e Pierluigi Petrobelli, direttore dell’Istituto Nazionale di Studi Verdiani. In cantiere, da 4 anni, la produzione dell’integrale verdiana con i più quotati interpreti del circuito internazionale. Proprio nei giorni scorsi, il progetto "Tutto Verdi" ha ricevuto il Premio "Opera Actual" dall’omonima rivista spagnola, testata prestigiosa che raccoglie le firme dei massimi giornalisti nazionali e dei più noti critici europei. Come anticipato da Maite de la Fuente, vicepresidente dell’Abao, «il Teatro Regio di Parma tornerà a Bilbao nel mese di novembre con Il Corsaro del Festival Verdi, nel cast Luca Salsi, regia di Lamberto Puggelli». L’Orchestra del Regio resterà frattanto impegnata a Bilbao fino al 5 giugno, quando sarà diretta da Kery-Lynn Wilson in un concerto verdiano con Inva Mula e Leo Nucci. 
 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno