19°

30°

Spettacoli

Verdi, edizioni storiche di 3 opere

Verdi, edizioni storiche di 3 opere
Ricevi gratis le news
0

La risposta che i lettori hanno dato all’iniziativa intrapresa dal nostro giornale lo scorso anno di proporre di ogni opera presentata al Festival Verdi un’edizione «storica» ha offerto un più deciso incoraggiamento a proseguire lungo questa strada; rispondente del resto allo spirito di un Festival, mirato a richiamare su ogni opera un particolare tipo di osservazione da cui far emergere sempre nuovi aspetti, angolazioni sottratte al logorio della consuetudine. Per questo il confronto con esecuzioni che, come quelle proposte ora, sono entrate nella storia, se non altro per ragioni anagrafiche avendo superato il mezzo secolo di vita, può diventare oltremodo sollecitante più ancora che per risvegliare imponderabili nostalgie, per cogliere il senso di un’evoluzione quale sospinge inesorabilmente il modo di rivivere la musica proprio di ogni interpretazione, che nasce e muore ogni volta che si apre il sipario per ritornare a rinnovare i propri interrogativi, i propri enigmi. Condizione che grava su tutta la musica, per la sua labilità, affidata solo allo scorrere del tempo, ma che risulta quanto mai incidente nel caso dell’opera teatrale, per la complessità e la eterogeneità di elementi che la costituiscono ed ancor più per la vischiosità di una tradizione che è andata formandosi attraverso il mutare di una condizione storica.  «Ai musicisti e agli appassionati d’opera vissuti a metà dell’Ottocento - scriveva recentemente uno studioso che il mondo dell’opera ha percorso in lungo e in largo con occhio acutissimo come Philip Gossett - ogni nuovo lavoro di Verdi cambiava inesorabilmente la visione dell’immediato passato, poiché si trovavano a dover riorganizzare la loro comprensione delle opere di Bellini e di Donizetti in relazione agli esiti verdiani», aggiustamenti di visuale che non potevano non incidere sulle scelte interpretative. A loro volta condizionate da tutte le «convenienze e inconvenienze» proprie del mondo del teatro, tra impresari tirchi, cantanti bizzosi, direttori condiscendenti, da cui la fisionomia dell’opera veniva continuamente mutata da tagli, sostituzioni, riorchestrazioni. Solo in tempi non lontani ha preso vita l’impegno del restauro che ha portato alle «edizioni critiche», definizione che «scatena nel cuore di molti direttori, di molti cantanti e di molti organizzatori - sempre Gossett - un misto di disprezzo e di terrore» non comprendendo che esse sono soltanto una guida, una garanzia di rispondenza al testo redatto dall’autore anche se poi esse «esistono sulla pagina, non in teatro». Nessun freno, dunque, alla ricreazione dello spirito dell’opera, colto nelle fibre più essenziali della musica: Toscanini insegna. Nessuna edizione critica delle tre opere proposte esisteva negli anni della loro esecuzione e tuttavia da ognuna di esse affiora con una cifra indubitabile questo «spirito», frutto di una concertazione vibrante e intensa. Esemplare in tal senso «Il Trovatore» (da domani, 2 Cd, euro 12,90) realizzato coi complessi scaligeri da Herberth von Karajan nel 1956, una lettura bruciante nella nettezza con cui il grande direttore imprime al racconto un ritmo interno cogliendo attraverso l’autorità del gesto il colore notturno che pervade la partitura e i visionari riverberi; senza che la straordinaria gestione del tessuto orchestrale prevalga sul canto che invece si innerva in esso con un’intensità drammatica rara. Anche perché vi è una Leonora di suprema levatura quale quella incarnata da Maria Callas, una Leonora inquieta, tragica con quel suo canto che si appropria della parola trasformandola in gesto drammatico. Una punta attorno alla quale si muovono gli altri interpreti, Fedora Barbieri nei panni di un’Azucena di profonda espressività, Giuseppe Di Stefano in quelli dell’irruente, appassionato Manrico mentre il personaggio del Conte di Luna riceve i giusti accenti da Rolando Panerai. Si arretra di cinque anni per ritrovare un altro documento storico, quello dei «Vespri siciliani» (da sabato 2 ottobre, 3 Cd)  in una registrazione effettuata la sera del 26 maggio 1951 al Maggio Musicale Fiorentino; importanza storica non solo per la presenza sul podio di un sommo direttore quale Erich Kleiber (padre del grande Carlos) che, come avverrà col «Trovatore» di Karajan, imprime ai caratteri della scrittura verdiana un’energia interna che riscatta ogni concessione enfatica, ma anche perché si tratta di un’uscita dall’ombra di quest’opera, una «riscoperta» in pratica che troverà subito rinforzo pochi mesi dopo nella proposta scaligera che inaugurerà la stagione del 1951, direttore De Sabata: stessa interprete la Callas, affiancata qui da un possente Boris Christoff. Anche per «Attila» (da sabato 9 ottobre, 2 Cd) un’uscita dall’ombra, uno dei tanti meriti del «Maggio», a pensare solo a Rossini, a Cherubini: i due CD proposti recano la registrazione della serata inaugurale, 1 dicembre 1962, della stagione fiorentina, col giovane Bartoletti (che poco dopo avrebbe diretto uno straordinario «Wozzeck») e un cast di forte segno, Christoff, Giangiacomo Guelfi, la Roberti e Limarilli. Entusiasta la critica, specie per Bartoletti, direzione «irrompente come il trotto di un puledro» (A.Toni) ma pure «con eleganza di modellature e vivacità persino temeraria di movimenti» (Abbiati).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

GOLF: Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Videointervista

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"