10°

28°

Spettacoli

Film recensioni - Una sconfinata giovinezza

Film recensioni - Una sconfinata giovinezza
Ricevi gratis le news
1

Filiberto Molossi

Storia dell'uomo che è stato troppo ragazzo: e ora rischia di rimanerlo per sempre. Adulto bambino smarrito in un presente assente, nella dissolvenza imprevista di un tempo infinito. Là dove solo il passato resta, ha un senso: mentre l'oggi lentamente si sgretola,  sfuma, scivola via come acqua tra le mani. E' un film doloroso e ostinato, anche se un po' borghese, «Una sconfinata giovinezza», l'ultimo lavoro di Pupi Avati: che affronta, caricandosi sulle spalle lo zaino pesante dei ricordi, la ripida discesa nella malattia, quell'offesa crudele che si chiama Alzheimer; il morbo odioso che ti strappa la cosa più preziosa che hai: quello che sei, che sei stato, che hai vissuto. Ha un gran bel soggetto, una bella storia, di cui non sempre è capace di essere all'altezza, il film del regista bolognese: che sottrae anche alcuni episodi alla sua biografia per raccontare la vicenda di una coppia realizzata, Lino e Chicca, da 25 anni insieme. Lentamente ma inesorabilmente la memoria di Lino però comincia a traballare, a farsi più confusa: fino a farlo regredire all'infanzia. E a trasformarlo, paradossalmente, nel figlio  che la coppia avrebbe voluto avere e non ha mai avuto...
Alternando di continuo due piani temporali - il tramonto del protagonista e la sua adolescenza in un appennino magico e «misterioso» -, Avati sonda con coraggio e gli attori giusti (Bentivoglio, la Neri e un bel coro di comprimari, tra cui anche il parmigiano Petrolini), il lutto di un sentimento costretto a cambiare  parole e faccia: perdendo però, via via,  il filo della spada, quando la bella calligrafia si fa più consumata e l'insistito ricorso alla voce off, ai flashback virati antico e a una scelta musicale un po' posticcia e fastidiosa  sembrano lo specchio di un'elaborazione un po' frettolosa. 

-SCHEDA
UNA SCONFINATA GIOVINEZZA
REGIA E SCENEGGIATURA:  PUPI AVATI
FOTOGRAFIA: PASQUALE RACHINI
MUSICA: RIZ ORTOLANI
INTERPRETI: FABRIZIO BENTIVOGLIO, FRANCESCA NERI, LINO CAPOLICCHIO, SERENA GRANDI, ERIKA BLANC
GENERE: DRAMMATICO ITALIA 2010, COLORE, 1 H E 38'
DOVE: ASTRA e CINECITY
GIUDIZIO: *****


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salvatore

    12 Ottobre @ 10.40

    Immaginiamo un uomo solo disoccupato reddito 0,solo con sua madre in un paese disgregato sul piano sociale senza la comunanza dei piccoli gesti,in un inumanità urbanistica che sono dei mausolei delle proprie personalita.In cui la socialità è inscatolata in sagre, convegni, associazioni,la chiesa fa da sfondo ai buonismi e perbenismi alla ricerca di un ritorno d'immagine ad uso e consumo, la fede popolana si riconduce a santini di un credulità popolare o a esercisizi imbonitori, che sfruttano il bisogno di fede nall'emotività isteriche, passato il santo passato la festa. Io credo che bisogna saltare il muro, coin tutte le perplessità. comunque rilevo una certa similitudine, come il voler recuperare quell'essere bambini che non si è mai stati' o di dolori troppo grandi e sopportati troppo a lungo, e come da bambini ognuno cerca rifugio nelle braccia rassicuranti dei propri ricordi emotivi che quasi sempre sono quelli della madre. Comunque aldilà di un'ambientazione troppo borghese, il buonismo è simile a tutte le latitudini geografiche e sociali.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street